L'ORA DEL PASTO. C'è Bike Night

INIZIATIVE | 15/09/2016 | 08:04
Sono pipistrelli e ricci, falene e lucciole, ma a due ruote. Sono notturni e nottambuli, fuori orario e anche un po’ fuori, ma a pedali. Sono quelli delle ore piccole ma non dei minuti contati, quelli che amano il buio anche oltre la siepe, quelli che non amano stare sotto i riflettori, al massimo sopportano le lucine intermittenti. Sono quelli delle “bike nights”.

Pedalate notturne non competitive sulle vie ciclabili italiane: quest’anno, per la terza edizione, il calendario proponeva cinque tappe. Alle prime tre, Ferrara-Lido di Volano (18 giugno), Bolzano-Lago di Resia (9 luglio) e Udine-Alpe Adria (20 agosto), hanno partecipato più di mille ciclonotturni, i prossimi appuntamenti sono Verona-Riva del Garda (24 settembre) e Milano-Arona (8 ottobre).

“Cerchiamo di promuovere un modo di vivere il rapporto con la bici libero da vincoli spaziotemporali – spiegano i coraggiosi organizzatori di Witoor -. Andare in bicicletta quando si ha voglia, magari anche di notte, appunto, in posti dove di solito si prenderebbe la macchina per andarci (da una città al mare, per dire). Senza pensare a quanto tempo si impiegherà, cercando di farlo in compagnia”.

Una volta le notti in bicicletta erano un’anormale normalità. Il primo Giro d’Italia scattò dal rondò di piazzale Loreto, a Milano, il 13 maggio 1909 alle 2.53, quando è ancora più notte che alba. E nei velodromi le Sei Giorni prevedevano rigorosamente che un corridore di ogni coppia in gara continuasse a girare, a bordo pista, con il tempo neutralizzato e le palpebre, a volte, mezze abbassate, mentre il suo compagno tentava disperatamente di chiudere almeno un occhio in una cabina. Poi le notti in bicicletta sono diventate una devianza, una follia, un tentativo di suicidio. Ora rappresentano una diversità, anche una curiosità, forse già una moda e una tendenza, se non addirittura una filosofia o uno stile. E più passano le notti, più si moltiplicano i nottambuli. Forse perché ci siamo tutti rassegnati: sconfiggere l’insonnia è impossibile, ma accompagnarla e guidarla può essere un vero piacere. “La nostra passione – giura Simone Dovigo di Witoor – non dorme mai”.

Marco Pastonesi
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Appena qualche giorno fa Krists Neilands aveva postato una storia su instagram in cui diceva di essere emozionatissimo di poter prendere il via all’ennesima corsa a tappe della sua carriera. Lettone, classe ’94, portacolori del team Isreal startup Nation si...


Un semplice tweet ma dal significato profondo: «8.6 km tutto d'un fiato e il giorno uno del @giroditalia è alle spalle. Soddisfatto per come è andata, sereno e focalizzato al massimo per quello che sarà». Vincenzo Nibali riassume così la...


Filippo GANNA. 10 e lode. Una freccia nel cuore, che annienta e ci porta via. Una freccia che fa centro, al primo colpo, come un anno fa, a quasi sessanta all’ora, con la consueta eleganza e quella potenza che su...


Edoardo Affini ci ha creduto veramente. Al termine della sua cronometro a Torino era stato il più veloce: lui, che non era tra i favoriti di giornata, era riuscito a superare anche i big. Alla fine ce l'ha fatta con...


Kasper Asgreen è tornato! Il danese, vincitore del Giro delle Fiandre, mette la sua firma sulla quarta tappa della Volta ao Algarve, una cronometro individuale di 20, 3 chilometri che oggi si è svolta attorno alla località di Lagoa. L'atleta...


Ganna&Affini. Sembra la ragione sociale di una premiata ditta. E' quanto di meglio l'Italia possa aspettarsi, con l'aria che tira. Ma sì, prendiamoci questo simpatico aperitivo con Ganna e il suo degnissimo rivale, cercando di assaporarlo in tutto e per...


Filippo Ganna è tornato e lo ha fatto con quella potenza che ha sempre messo nelle sue vittorie. E’ felice, il campione mondiale delle prove contro il tempo, adesso è più sereno, anche se sa che prima o poi questa...


Con la cronometro di Torino è partito quest’oggi il Giro d’Italia dell’Androni Giocattoli Sidermec. Senza specialisti delle prove contro il tempo, il team è pronto da domani, con la Stupinigi-Novara, a far partire la sua vera “corsa rosa”. Oggi dal...


Onore a Ganna, ma in chiave vittoria nel Giro d'Italia come sono andate le cose in questa crono? Il migliore di tutti è stato Joao Almeida, quarto al traguardo con 17 secondi di ritardo da Ganna, seguito ad un solo...


Nel Giro della ripartenza, l'Italia sorride. Una freccia iridata sulle strade di Torino, una festa straordinaria per iniziare il Giro d'Italia 2021. Era il più atteso, Filippo Ganna, e non ha deluso le attese: li ha messi tutti in fila con...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155