ALEOTTI: «UN PRIVILEGIO IMPARARE DA TANTI CAMPIONI. E HO VOGLIA DI TORNARE A STARE DAVANTI»

PROFESSIONISTI | 01/02/2024 | 08:22
di Carlo Malvestio

Non c’è nulla di meglio di cominciare la stagione con buone sensazioni e con la consapevolezza di aver fatto tutto ciò che bisognava fare in inverno. Abbiamo incrociato Giovanni Aleotti alla partenza del Trofeo Palma, ultima prova del Challenge Mallorca, mentre era intento a guardarsi Sinner contro Medvedev nel bus della Bora-hansgrohe; lui tifava Jannik, Vlasov e altri membri russi dello staff simpatizzavano ovviamente Daniil. Sereno, il 24enne emiliano era già con la testa alla Volta Valenciana 2024 scattata ieri, con la speranza di trovare nuovi riscontri sulle buone sensazioni avute nei giorni di gara a Maiorca. La prima tappa ha dato riscontri positivi, visto che ha chiuso 10° nel gruppo dei migliori.


«Sono contento delle prime uscite fatte a Maiorca, la gamba girava bene e ciò significa che quanto fatto in inverno è stato positivo - ha spiegato Aleotti -. Nella giornata più dura ho dato il mio contributo nel fare selezione e poi sono arrivato a un passo dai primi 10. Peccato sia sfuggita la vittoria a Vlasov ma i segnali sono incoraggianti. Ora però c’è la Valenciana e non c’è tanto tempo per pensare. Siamo andati forte già a Maiorca, ora il ritmo si alzerà ancora di più».


Il suo 2023 non è stato memorabile, dal momento che tra virus, cadute e sfortune varie non è mai riuscito ad arrivare al 100% della condizione. Al Giro, grande obiettivo stagionale, è stato estromesso dopo 6 giorni per il covid: «Una stagione abbastanza da dimenticare, ho avuto tanti problemi ma, come si suol, dire, ‘ciò che non uccide fortifica’. Ho voltato pagina e sono focalizzato su quest’annata, che speriamo sia migliore».

Aleotti si è presentato al professionismo con un curriculum importante costruito negli anni al CT Friuli, con il secondo posto al Tour de l’Avenir e il titolo italiano a spiccare tra i vari risultati. Tra i grandi ha avuto difficoltà a trovare continuità, oltre ovviamente a dover sottostare agli inevitabili ordini di scuderia di una grande squadra come la Bora. Finora conta 5 vittorie, ottenute tutte al Sibiu Tour in Romania, 3 vittorie di tappa e due volte la classifica generale. 

«Mi aspetto di fare uno step in avanti, senza dubbio - ammette ancora Giovanni -. La squadra non mi ha mai fatto mancare nulla, anche quando la fortuna non girava come è successo lo scorso anno, soprattutto nella prima parte della stagione. Devo ritrovare consistenza, avere più giornate come quella che ho avuto l’altro giorno a Maiorca, stare davanti a lungo e poter essere determinante per la squadra nei finali di corsa».

La Bora-hansgrohe si è rinforzata molto in salita e nel reparto corse a tappe, con due importanti innesti come Primož Roglič e Daniel Martinez che si uniscono ai già presenti Jai Hindley, Aleksandr Vlasov, Sergio Higuita, Lennard Kämna e Emanuel Buchmann. «Se rischio di avere meno spazio? Io lo vedo più come un vantaggio… posso solo imparare da corridori e capitani come questi - ammette ancora il ragazzo nato a Mirandola -. Non sono in un gruppo per così dire “preimpostato”, a seconda della gara ci saranno squadre e capitani diversi. Io mi trovo bene con tutti, quindi non ci sono problemi da questo punto di vista. Roglič? È un bello stimolo per tutti vederlo lavorare, averlo lì a pochi metri, è un grande professionista e leader. Non ho avuto ancora modo di conoscerlo bene, perché ci siamo visti solo in due ritiri, ma l’occasione arriverà. Dopo la Valenciana farò Strade Bianche e Tirreno-Adriatico, alle quali seguirà un periodo di altura importante per preparare Ardenne e Giro».

Aleotti ha già partecipato tre volte alla Corsa Rosa, mettendosi però sempre a disposizione dei compagni, compreso il 2022, quando ha accompagnato Hindley nel suo trionfo rosa. «Sono nella lista per il Giro d’Italia, ma per guadagnarmi la convocazione bisognerà stare bene e andare forte. Per la classifica generale ci saranno Daniel Martinez e Lennard Kämna e spero davvero di essere al loro fianco. Ecco, nella mia stagione ideale vorrei arrivare a stare veramente bene nel periodo che va dalle Ardenne al Giro».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Parla ancora francese il Trofeo Laigueglia. Dopo Nans Peters l'anno scorso, quest'anno tocca al giovane Lenny Martinez alzare le braccia al cielo. Il talento della Groupama-FDJ, dopo essersi inserito nel tentativo d'attacco giusto, ha fatto la differenza sull'ultima scalata di...


Prima corsa della stagione e subito esordio tra i grandi del pedale per Jarno Widar, 18enne talento belga il cui nome ha iniziato a circolare ormai da qualche tempo sulle bocche degli appassionati e degli addetti ai lavori. Classe 2005,...


La stagione ciclistica italiana dei professionisti ha appena preso il via in Liguria (QUI la nostra diretta) e qui di seguito vi proponiamo 8 dichiarazioni pre-Laigueglia: MARCO TIZZA (Bingoal) «È stata una mia scelta fare così tante corse finora perché...


Parla ancora una volta italiano l' Umag Trophy Ladies. Dopo la vittoria ottenuta lo scorso anno da Alessia Vigilia, oggi è stata la giovane Sara Fiorin a conquistare il primo gradino del podio nella competizione croata. La brianzola della  UAE...


C'è sempre una prima volta... Vicente Rojas è il primo cileno della storia a correre il Trofeo Laigueglia. Nato il 30 aprile del 2002, è ufficialmente approdato al professionismo quest’anno con la VF Group Bardiani CSF Faizané dopo essere stato...


La nuova e interessante iniziativa legata al nome "Laboratorio del Ciclismo" è finalizzata a coinvolgere scuole, oratori, eventi sportivi sul territorio e altri occasioni utili a coinvolgere le nuove generazioni. Un impegno a 360 gradi che punta a sviluppare l’uso...


Al Trofeo Laigueglia – classica di categoria Pro Series del Calendario Internazionale UCI – esordisce in Italia la Petrolike Forte Sidermec. Il Team Manager Gianni Savio ha dichiarato: “Abbiamo iniziato bene la stagione in Sudamerica, più precisamente in Venezuela e...


Lo sappiamo bene cosa accade, basta un inizio di primavera e la voglia di pedalare diventa straripante, non è così che succede? Tranquilli, se vi state immaginando su una nuova bici per l’inizio della primavera sappiate che la realtà potrebbe...


Saranno 172 i ciclisti partenti nel 61° Trofeo Laigueglia, gara internazionale per ciclisti professionisti che apre il calendario professionistico in Italia. Si corre oggi sulle strade della Riviera di Ponente con la partecipazione di ben 25 team tra cui 9...


Tutto è nato da un post su Linkedin ed è naturale che il social network dedicato soprattutto ai rapporti professionali e al mercato del lavoro ospiti oggi anche il Team Polti Kometa. Ricordate? Ve lo abbiamo raccontato per primi, l'incontro...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi