SPORT MOVIE E TV FESTIVAL. LA GHIRLANDA D'ONORE A VINCENZO NIBALI

EVENTI | 10/11/2022 | 11:45
di Luca Galimberti

Nei 18 anni di carriera -  affrontati con le maglie di Fassa Bortolo, Liquigas, Liquigas Cannondale, Bahrain Merida, Trek Segafredo, Astana e Astana Qazaqstan -   Vincenzo Nibali ha raggiunto importantissimi traguardi, è stato protagonista di grandi imprese, ha alzato al cielo tanti trofei e ricevuto molti riconoscimenti a cui, da ieri sera, è andata ad aggiungersi la Ghirlanda d’Onore, il riconoscimento che il messinese ha ricevuto nel corso della cerimonia d’apertura dello Sport Movie e Tv World Championship Final, il Festival del cinema e della televisione, della cultura e della comunicazione sportiva.


Nibali è salito sul palco del Auditorium Testori di Palazzo Regione Lombardia accolto dall’applauso di tutto il pubblico presente e da un video emozionale in cui sono state riproposte alcune delle immagini dei suoi trionfi più belli. «Vi ringrazio per il premio e per il bellissimo video con cui mi avete accolto. Sono immagini bellissime, molto intense. Rivederle mi fa risalire l’adrenalina e quasi quasi mi viene voglia di riprendere la bici» ha detto il vincitore del Giro d’Italia 2013 e 2016 prima di ricevere il premio dalle mani del professor Franco Ascani, presidente della Federazione Internazionale Cinema e Televisione Sportiva e da un altro importante esponente del ciclismo: Marino Vigna, medaglia d’oro nella prova dell’Inseguimento a Squadre su Pista ai Giochi Olimpici di Roma 1960.


Parlando della sua carriera, conclusa pochi giorni fa al Criterium di Saitama lo Squalo ha dichiarato: «Ho dato veramente tutto quello che avevo in questi anni, la stagione 2022 è stata la mia ultima da Professionista. Molti dicono che la “vita vera” inizia adesso perché dopo la carriera da sportivo bisogna reinventarsi, riprogrammare, ripartire. Io non sono rimasto con le mani in mano, sarò impegnato al fianco del nuovo team Q36.5. Una nuova avventura mi attende».

Durante la serata oltre a Nibali sono saliti sul palco tanti altri campioni dello sport italiano tra cui la pattinatrice Karolina Kostner, il cittì della Nazionale di pallavolo Ferdinanando De Giorgi e il rugbista Martin Castrogiovanni.

Tra le diverse autorità presenti anche il Governatore della Regione Lombardia Attilio Fontana, il sottosegretario con delega allo Sport e Grandi Eventi, Antonio Rossi e il presidente di CONI Lombardia Marco Riva.

Il governatore Fontana, nel suo intervento si è detto estremamente onorato di ospitare la finale di Sport Movie e Tv World a Milano sottolineando come le immagini fissino dei momenti bellissimi delle imprese sportive ed anche come il binomio comunicazione e sport sia sempre più importante. Poi, riferendosi ai tanti campioni presenti ha evidenziato: «Campioni di questo calibro, ma più in generale tutto il mondo dello sport hanno la responsabilità di lanciare messaggi positivi. E non a caso dico responsabilità, perché soprattutto i giovani guardano a questi atleti e a questo settore con particolare attenzione. Eventi come Sport Movies e Tv, grazie all'infaticabile lavoro del professor Ascani vanno proprio in questa direzione».

Dopo l’inaugurazione di ieri Sport Movies e Tv proseguirà fino a domenica con proiezioni e dibattiti. Diverse le proposte per gli amanti del ciclismo a partire dal documentario “Learco La Locomotiva Umana” in programma questo pomeriggio alle 18.30 presso l’Auditorium Testori a cui farà seguito la presentazione del libro “Il grande Guerra” scritto da Marco Pastonesi e Claudio Gregori; senza dimenticare il documentario “Giovanni Brunero” (in programma venerdì alla Sala Trafalgar), un ricordo del ciclista piemontese a 100 anni dalla vittoria del Giro d’Italia e della Sanremo.

Foto in copertina dai profili social del festival

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
DAVIDE REBELLIN ENNESIMA VITTIMA DI OMICIDIO STRADALE Art. 589 Bis Cod. Pen.   Il tragico evento che ha visto vittima il nostro amico Davide ha scosso tutto il mondo del ciclismo, ma non solo, poiché il fatto è stato talmente...


Il programma antidoping dell'UCI, uno dei più completi al mondo, è una priorità per l'UCI e per tutti gli stakeholder del ciclismo. Per aumentare l'indipendenza e la professionalizzazione del suo programma, l'UCI ha delegato tutti gli aspetti operativi antidoping all'ITA...


La carriera dei neoprofessionisti italiani parte dai banchi di scuola, nel ricordo di Davide Rebellin e di Ercole Baldini, presidente ACCPI per due stagioni. Un folto numero di ragazze e ragazzi hanno partecipato all'incontro formativo rivolto ai ciclisti neoprofessionisti e...


È stato individuato il camionista responsabile dell'investimento mortale dell'ex campione di ciclismo Davide Rebellin. Si tratterebbe di un cittadino tedesco di 62 anni, identificato grazie alla collaborazione tra carabinieri e polizia tedesca. Dopo l'incidente, avvenuto l'altro ieri, l'uomo aveva...


Gianni Savio, manager di lungo corso del ciclismo italiano, dedica parole colme di emozione al ricordo di Davide Rebellin: «Provo una tristezza infinita pensando a quanto è successo a Davide Rebellin. Di Davide ricordo il sorriso buono e i modi...


Da oggi è ufficialmente in vigore il nuovo statuto del CPA – Cyclistes Professionnels Associés e per tutti i ciclisti e le cicliste della massima categoria si prospettano novità importanti. Lo scorso 21 novembre l'associazione mondiale dei corridori ha...


Caro Direttore, per chi ama il Ciclismo non possono certo questi definirsi giorni felici. Prima l'omicidio stradale in danno di Davide Rebellin e, dopo poche ore, il Padreterno che si porta via Ercole Baldini. Ce n'è ben a sufficienza per...


48 ore dopo la tragica morte di Davide Rebellin, è ancora complicato farsene una ragione. E lo è ancora di più per chi, come Davide Formolo, ne era amico, collega e compagno di allenamenti. I due vivevano nei pressi di...


Lo staff tecnico azzurro del ciclismo ha reso omaggio alla memoria di Franco Ballerini al cimitero di Casalguidi in provincia di Pistoia, e quindi a casa di Alfredo Martini a Sesto Fiorentino presenti le figlie di Alfredo, Silvia e Milvia....


«Ridurre il numero di vittime della strada si può». Davide Cassani, già ciclista e ct della Nazionale, ha corso con Rebellin. Anche lui fa parte della categoria "mai senza bici": da ex, pedala regolarmente. Curiosamente, deve il suo ritiro dalle...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach