MARCELLUSI: «GRAZIE AI REVERBERI HO CAPITO COME SI CORRE COI GRANDI. IL GIRO A ROMA? FANTASTICO»

INTERVISTA | 28/10/2022 | 08:08
di Luca Galimberti

Con la loro grande esperienza Bruno e Roberto Reverberi lo hanno scelto, assieme ad altri sette giovani talenti, per inserirlo nel progetto lanciato da Bardiani CSF Faizanè ad inizio 2022 con l’obiettivo di far crescere gradualmente i migliori prospetti del ciclismo italiano e Martin Marcellusi ha colto al volo l’opportunità. «Sono pronto. Una grande sfida mi attende» ci aveva detto prima che si alzasse il sipario sulla stagione. Una decina di mesi dopo quella chiacchierata tuttobiciweb ha intervistato nuovamente il millennial laziale.


Martin, come valuti la tua stagione?


«Sento di essere cresciuto. Soprattutto nelle gare disputate con i Pro ho accumulato molta esperienza e capito cosa vuol dire correre ad alti livelli. Dovessi darmi un voto complessivo direi che la mia annata è stata da 8»

Il momento più bello del tuo 2022 ciclistico?

«Il Tour of Britain. Ho avuto l’opportunità di correre con “i grandi” e ho ottenuto buoni risultati: decimo nella seconda tappa, quella vinta da Bol; dodicesimo il giorno in cui ha vinto Serrano davanti a Pidcock e poi sono arrivato settimo nella tappa finale vinta da Meeus. Mi sono proprio divertito in quei giorni».

Anche aprile è stato un buon mese per te.

«Ho iniziato bene con la vittoria al Piva, poi c’è stato il Liberazione sulle strade di casa che ho concluso al secondo posto senza dimenticare il Carpathian dove ho sfiorato la vittoria in una tappa e terminato quarto in Generale».

Veniamo a cose più recenti, l’esperienza in Maglia Azzurra ai Mondiali.

«C’è poco da dire, non sono andati come avrei voluto.  Ma è sempre corretto essere onesti: la convinzione e la grinta c’erano, di testa ero pronto. Le gambe mi hanno tradito».

È passato. All’orizzonte c’è il 2023, sempre con i Reverberi alla Green Project Bardiani Csf Faizanè.

«Sto proprio tornando da un mini-ritiro: siamo stati assieme, accolto i nuovi compagni e i nuovi membri dello staff»

Hai già segnato sul calendario il 28 maggio, giorno in cui la “tua” Roma abbraccerà il Giro. La Corsa Rosa è un tuo obiettivo?

«Sarebbe fantastico parteciparvi e concluderlo proprio “in casa”. Ho già provato l’emozione di correre il GP Liberazione, solo il pensiero di cosa potrebbe attendermi al Giro mi emoziona».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
DAVIDE REBELLIN ENNESIMA VITTIMA DI OMICIDIO STRADALE Art. 589 Bis Cod. Pen.   Il tragico evento che ha visto vittima il nostro amico Davide ha scosso tutto il mondo del ciclismo, ma non solo, poiché il fatto è stato talmente...


Il programma antidoping dell'UCI, uno dei più completi al mondo, è una priorità per l'UCI e per tutti gli stakeholder del ciclismo. Per aumentare l'indipendenza e la professionalizzazione del suo programma, l'UCI ha delegato tutti gli aspetti operativi antidoping all'ITA...


La carriera dei neoprofessionisti italiani parte dai banchi di scuola, nel ricordo di Davide Rebellin e di Ercole Baldini, presidente ACCPI per due stagioni. Un folto numero di ragazze e ragazzi hanno partecipato all'incontro formativo rivolto ai ciclisti neoprofessionisti e...


È stato individuato il camionista responsabile dell'investimento mortale dell'ex campione di ciclismo Davide Rebellin. Si tratterebbe di un cittadino tedesco di 62 anni, identificato grazie alla collaborazione tra carabinieri e polizia tedesca. Dopo l'incidente, avvenuto l'altro ieri, l'uomo aveva...


Gianni Savio, manager di lungo corso del ciclismo italiano, dedica parole colme di emozione al ricordo di Davide Rebellin: «Provo una tristezza infinita pensando a quanto è successo a Davide Rebellin. Di Davide ricordo il sorriso buono e i modi...


Da oggi è ufficialmente in vigore il nuovo statuto del CPA – Cyclistes Professionnels Associés e per tutti i ciclisti e le cicliste della massima categoria si prospettano novità importanti. Lo scorso 21 novembre l'associazione mondiale dei corridori ha...


Caro Direttore, per chi ama il Ciclismo non possono certo questi definirsi giorni felici. Prima l'omicidio stradale in danno di Davide Rebellin e, dopo poche ore, il Padreterno che si porta via Ercole Baldini. Ce n'è ben a sufficienza per...


48 ore dopo la tragica morte di Davide Rebellin, è ancora complicato farsene una ragione. E lo è ancora di più per chi, come Davide Formolo, ne era amico, collega e compagno di allenamenti. I due vivevano nei pressi di...


Lo staff tecnico azzurro del ciclismo ha reso omaggio alla memoria di Franco Ballerini al cimitero di Casalguidi in provincia di Pistoia, e quindi a casa di Alfredo Martini a Sesto Fiorentino presenti le figlie di Alfredo, Silvia e Milvia....


«Ridurre il numero di vittime della strada si può». Davide Cassani, già ciclista e ct della Nazionale, ha corso con Rebellin. Anche lui fa parte della categoria "mai senza bici": da ex, pedala regolarmente. Curiosamente, deve il suo ritiro dalle...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach