«IL VOLO DELL'AIRONE»: VITTORIO ADORNI SI RACCONTA

LIBRI | 29/03/2022 | 14:27
di Angelo Costa

«Airone è un soprannome che mi diedero i primi massaggiatori, dicendo che a loro ricordavo Coppi: è piaciuto ed è finito in copertina», racconta Vittorio Adorni, spiegando il titolo della sua biografia ‘Il volo dell’Airone’, realizzata con Alessandro Freschi. Così alle sue tante vite (ciclista, imprenditore, presentatore tv, dirigente d’alto rango, uomo di marketing e giornalista), alla soglia degli 85 anni l’ex campione aggiunge anche quella di scrittore, svelata in uno dei luoghi cult della sua Parma, l’ex sede della Barilla, oggi trasformata in Academia, laddove tutto è cominciato: «Ero un dipendente, prima di andare a lavorare mi allenavo. Un giorno sbagliai strada e mi presentai in ritardo, nel cortile c’era solo il cavalier Pietro Barilla che, vedendomi, mi chiese cosa facessi lì in bici: saputo che ero un corridore, mi disse di prendermi tutto il tempo di cui avevo bisogno per prepararmi alle corse».


Fu quella la svolta di una lunga e bella storia raccontata per episodi e aneddoti nelle 256 pagine del libro (Kriss editore, 22 euro), un modo di rivivere giornate più o meno memorabili e di ritrovare personaggi significativi, dai fuoriclasse ai gregari. Questi sono ancora tutti lì sugli spalti dell’Auditorio parmense come quando il capitano chiamava in corsa: ci sono Armani, Casalini, Gualazzini, Partesotti e Grazioli, ci sono altri ex come Torelli, c’è Mario Salvarani a simboleggiare un’altra grande era della bici. E c’è anche, in video, Amina Lanaya, segretario generale Uci, con un affettuoso messaggio inviato tramite Daniela Isetti, consigliera del direttivo mondiale: «Amina ha cominciato con me, quando Verbruggen ha creduto nella mia idea di cambiare il ciclismo, dando vita a quello organizzato che vedete oggi», rivela Adorni.


Ma è soprattutto del ciclismo di una volta che si parla e parla il libro, il ciclismo favoloso degli anni Sessanta: con Gimondi e Merckx, con Poulidor e Anquetil, con Van Looy e Motta, con tutti quei nomi leggendari che la gente amava «perché li vedeva da febbraio a ottobre e davanti a darsi battaglia c’erano sempre loro». Un ciclismo vissuto in modo diverso, «perché eravamo una famiglia per strada, ci conoscevamo tutti e passavamo molto tempo assieme fra una corsa e l’altra: chi l’ha vissuto, se l’è goduto», dice Adorni, che nella sua biografia ripercorre tutte le tappe e gli incontri della sua carriera e anche della sua seconda vita, quella giù dalla bici. Dove si è confermato «vent’anni avanti su tutti», come sostiene Freschi, continuando a essere un uomo di successo, con tanti ricordi non solo da mostrare attraverso le fotografie, ma da raccontare per iscritto. E infatti li ha scritti.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Oggi alle 19 va in onda su Raisport la nuova puntata di Radiocorsa: riflettori puntati su Mauro Gianetti (UAE) per capire come sta il campione sloveno Tadej Pogacar in vista del suo esordio stagionale alla Strade Bianche, gara nella quale...


Juan Pujalte, giovane ciclista spagnolo, ha perso la vita oggi a causa di un incidente occorsogli mentre si stava allenando in sella alla sua bicicletta per le strade di  Escombreras, nella Regione di Murcia . A dare la tragica notizia...


Dopo la grande partenza tra i vigneti altoatesini e con alle spalle le tappe centrali tirolesi, sarà il Trentino a dire l’ultima parola sull’edizione 2024 del Tour of the Alps (15-19 Aprile 2024), come non succedeva dal 2021....


Il 17 novembre, l'Union Cycliste Internationale ha annunciato l'avvio di una revisione della partecipazione degli atleti alle PROVE della Coppa del Mondo di ciclocross UCI e ad altri eventi del calendario internazionale di ciclocross UCI, con l'obiettivo di garantire una...


Marzo è il mese del ritorno del grande ciclismo sulle strade italiane: una stagione World Tour da vivere in diretta su Eurosport e Discovery+ e che entra nel vivo con la Strade Bianche - la corsa più amata dai corridori...


Colnago presenta quattro nuove colorazioni che, assieme alle due colorazioni replica dell’UAE Team Emirates e dell’UAE Team ADQ, andranno ad arricchire la gamma di colorazioni proposte per il 2024. Una racing bike aggressiva nelle linee, e nei colori La Colnago...


Sono i due volti nuovi del ci­clismo italiano per le corse a tappe e quest’anno per la prima volta disputeranno al Giro d’Italia. «È prematuro di­re se saranno in grado di seguire le orme dell’ultimo corridore nostrano capace di conquistare...


Magnus Sheffield, ha firmato un prolungamento di contratto con la Ineos Grenadiers fino alla fine del 2026. ll 21enne di Pittsford, New York, è entrato nel team alla fine del 2021 all'età di 19 anni si è fatto notare subito ...


Questa sera torna Velò, la rubrica settimanale di ciclismo su TVSEI che ricomincia una nuova stagione per analizzare fino alla fine tutto quello che accadrà nel mondo delle due ruote. In questo primo appuntamento, spazio alle corse recenti, alla Kuurne-Bruxelles-Kuurne...


In un mondo in cui la qualità del servizio diventa il vero valore aggiunto, c’è chi per emergere punta sulla via più unica che ci sia, ovvero sul “su misura”. Posedla con la sella Joyset porta al massimo l’esperienza del tailor-made nel mondo...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi