MARTIN SVRCEK, IL TALENTO CHE FA SOGNARE LA SLOVACCHIA: "E' IL NUOVO SAGAN"

NEWS | 05/11/2021 | 08:11
di Francesca Monzone

Ha soltanto 18 anni e, grazie alle 16 vittorie conquistate quest'anno, è considerano in Slovacchia l’erede di Peter Sagan. E lo è ancor di più adesso che ha firmato un contratto importante con la Deceuninck-Quick Step. Martin Svrček è nato in Slovacchia e ha imparato ad andare in bici proprio all’Accademia Peter Sagan, ma la sua fortuna è arrivata in Italia, quando è stato notato dal Team Franco Ballerini, che lo ha chiamato per venire a correre nel Belpaese.


E’ giovane ma le sue idee sono molto chiare e questo ragazzo, che alla Parigi-Roubaix juniores, è arrivato sesto con la maglia del Team Ballerini, vuole conquistare una maglia importante. Che sia quella di campione europeo o mondiale non importa, di sicuro per Martin Svrček sarà solo l’inizio di una carriera in cui vuole essere tra i primi.


Negli ultimi dieci anni il ciclismo slovacco ha conosciuto un grande boom, sono aumentati i ciclisti professionisti provenienti da questo Paese e Sagan, che per tre volte è stato campione del mondo, è diventato un’icona per tutto il Paese.

Martin sta vivendo una favola della vita: il ciclismo non è stato il suo primo amore, prima di salire in bici è stato un bravo giocatore di hockey, a cui piaceva stare in difesa.

«Avevo una bella corporatura, pattinavo veloce, ma non avevo una perfetta padronanza della mazza da hockey - ha raccontato Martin alla stampa slovacca -. Per questo giocavo in difesa, ma forse sarei stato capace di dare ancora di più se avessi giocato in porta. Una volta entrambi i portieri della squadra in una partita si sono infortunati e io sono andato in porta. Il risultato è stato ottimo».

Se fosse rimasto sulla pista di ghiaccio, probabilmente Martin Svrček avrebbe ottenuto dei buoni successi, ma la sua vita doveva essere nel ciclismo, sport al quale è arrivato per caso. Un suo amico iniziò a correre in bici e Martin per curiosità decise di provare. Da subito trovò il giusto feeling con la bici e così decise di cambiare sport. «Ho iniziato a fare ciclismo per caso, ma ho trovato immediatamente divertente quello che facevo e ho capito che avrei potuto avere dei risultati migliori rispetto all’hockey». Ha deciso da subito di fare le cose in modo serio e per questo si è rivolto all'Accademia Petr Sagan, la scuola del tre volte campione del mondo che accoglie i giovani ciclisti dagli 8 ai 18 anni. I suoi miglioramenti alla scuola di Žilina erano costanti e questo gli ha aperto le porte del Team Franco Ballerini. Quando è arrivata la telefonata per andare in Italia, Svrček non ha esitato un solo attimo, perché aveva capito che era quella la strada per diventare un campione del ciclismo.

«Quando sono entrato nel team, ho chiesto ad uno dei direttori sportivi perché avessero scelto proprio me. Mi disse che stavano seguendo gli Europei, dove ho avuto un buon risultato come corridore del primo anno, poi hanno iniziato a guardare tutti gli altri risultati che avevo fatto e hanno capito che in me c’era un certo potenziale». I risultati ci sono stati e Martin Svrček ha dimostrato di essere un ciclista di talento.

E’ nato nel piccolo paesino di Nesluša, ma il suo nome si sta già diffondendo grazie all’ottavo posto ai Campionati Europei, alla vittoria a Strada Bianche junior e al quarto posto al Mondiale nella prova in linea; per lui c’è stato anche il sesto posto a Roubaix. Svrček.

Fino a luglio del 2022 correrà con il team Biesse Carrera Continental nella categoria under 23, per passare poi con la Deceuninck - Quick-Step, con la quale ha un contratto fino al 2024. «Sono molto felice del mio contratto - ha detto Martin - perché la Deceuninck - Quick-Step è la squadra migliore al mondo. Non mi aspettavo una cosa del genere, è incredibile. Il mio sogno era quello di partecipare al World Tour, ma non immaginavo di firmare un contratto con questa squadra e così presto. E’ un sogno che si avvera perché indossare questa maglia vuol dire distinguersi nel gruppo».

Copyright © TBW
COMMENTI
Per pura precisione
5 novembre 2021 12:31 9colli
Martini di gare ne ha vinte 16 Vedi classifiche:
SVRCEK MARTIN TEAM FRANCO BALLERINI P. 223 16 7 4 3 1
7 secondi posti, 4 terzi, 3 quarti e un 5°

Grazie a te martin
5 novembre 2021 16:43 pippi
Grazie a te martin per quello che hai dato al team ballerini aldilà dei risultati, è stato un'anno splendido che ha fatto crescere tutti,un rapporto di stima e condivisione che ti ha portato in alto ma come sai la strada sale ora ma noi saremo sempre al tuo fianco quando vorrai qua è casa tua...sono stato fortunato forse bravo a intuire il tuo immenso talento ora sta altri continuare faro sbocciare, resta una favola nta a novembre anno scorso, resta sempre come sei umile e educato è la tua forza, e come dico io chi dimentica il passato non ha futuro...il sogno è vincere a Roubaix in futuro e anche Franco da lassù esulterà...ciao dal bard

A volte serve....
6 novembre 2021 10:30 9colli
scrivere i post, almeno la correzzione è arrivata subito.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Dries DE BONDT. 10 e lode. Il 30enne passistone belga fa filotto e si porta a casa di tutto e di più: traguardi volanti e quello finale. Prende di tutto, perché lui dopo la beffa di Reggio Emilia (è stato...


Ancora un secondo posto al Giro per Edoardo Affini, il corridore della Jumbo-Visma che dallo scorso ann, sta inseguendo una vittoria di tappa alla corsa rosa. Affini oggi aveva deciso di provare a vincere, con la consapevolezza che le uniche...


Come già accaduto nella prima tappa, Remco Evenepoel impone la sua legge nella terza frazione del Tour of Norway, la Gol - Stavsro di 175 km. Il belga della Quick Step Alpha Vynil a staccato tutti per andare a cogliere...


Non sono su Twitter (per incassare insulti mi basta Facebook, almeno non sono anonimi), non sono su Twitter eppure alla partenza mi mostrano un tweet di Jacopo Guarnieri: “C'è qualcosa di peggio dei giornalisti che si lamentano di una corsa...


Ha vinto un miracolato. Lo sa, lo dice, lo racconta: «Sul traguardo ho lanciato un urlo di incredulità! Ho sempre cercato di inseguire i miei sogni, sono diventato sempre più forte e oggi ho realizzato quel sogno. Siccome più è...


Dopo tante corse al servizio di Girmay e Kristoff, Andrea Pasqualon si ritaglia un giorno da protagonista e vince il Circuit de Wallonie. Nel classico appuntamento belga, il veneto della Intermarché ha preceduto l francese Zingle della Cofidis con Phikippe...


Quarto posto di Davide Gabburo nella diciottesima tappa del Giro d’Italia, con arrivo a Treviso. Tappa che avrebbe dovuto essere l’ultimo arrivo per velocisti della Corsa Rosa, ma i 4 attaccanti impongono un ritmo forsennato e sorprendono tutti. Tra loro...


Velocisti beffati, De Bondt in festa, Affini con il sogno infranto. E la maglia bianca di Lopez finita lontano lontano. Sono questi i verdetti della diciottesima tappa del Giro d'Italia, la Borgo Valsugana-Treviso che tutto è stato tranne che una...


Il francese Jason Tesson ha vinto allo sprint la prima tappa della Boucles de la Mayenne. Il portacolori della St Michel Auber ha preceduto sul traguardo di Andouillé l'olandese Bram Weletn e il francese Thomas Boudat. Per Tesson si tratta...


Grande serenità da parte dei primi tre in classifica dopo il ritiro di Joao Almeida, contagiato dal covid: «Nessun pericolo, sulle salite si è sempre mantenuto a distanza da noi». Imbarazzo di Carapaz e Hindley per le critiche che...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach