FISCO, COSI' PER SPORT. IL FALSO MITO DEL VANTAGGIO FISCALE DEGLI ACQUISTI ALL’ESTERO

SOCIETA' | 15/02/2021 | 08:10
di Umberto Ceriani

Anche gli enti di natura associativa spesso effettuano acquisti tramite Internet, ma se si tratta di beni o servizi acquistati all’estero ci sono delle complicazioni dal punto di vista fiscale e non vi è alcun vantaggio economico ad acquistare in altri Paesi dato che l’eventuale esenzione IVA applicata nella nazione del fornitore viene annullata dovendo versare l’IVA in Italia con aliquota italiana.


Ma vediamo più nel dettaglio alcune casistiche ad adempimenti connessi nel caso di acquisti all’estero ipotizzando il caso di un’associazione con Opzione per la Legge 398/1991.


Distinguendo innanzitutto se l’acquisto effettuato è relativo all’attività commerciale o quella istituzionale analizziamo la prima delle due possibilità. Per acquisti presso un Paese dell’Unione Europea l’associazione deve iscriversi al VIES, il registro delle Partite IVA comunitarie, tramite un intermediario abilitato. L’iscrizione non è necessaria se l’acquisto è extra UE. 

Una volta effettuato l’acquisto verrà inviata all’associazione una fattura esente da IVA, a questo punto sarà necessario aggiungere l’IVA con aliquota italiana; se invece la fattura proviene da un Paese non UE, il sodalizio dovrà predisporre un’autofattura integrandola con l’IVA italiana.

Una volta effettuati questi passaggi l’ente dovrà registrare i documenti contabili ed annotarli nel Registro IVA ex DM 02/1997 previsto per le associazioni con opzione 398 utilizzando una colonna apposita ed indicando imponibile ed IVA versata.

In aggiunta a questi adempimenti, entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di registrazione della fattura nel  Registro IVA occorrerà predisporre ed inviare il c.d. Esterometro tramite l’ausilio di un intermediario abilitato.

Se invece l’acquisto dovesse essere effettuato per finalità istituzionali da un lato non vi sono gli adempimenti relativi al Registro IVA, ma gli adempimenti precedentemente elencati vengono sostituiti da altri e dall’obbligo di presentazione del Modello Intra-12 con scadenza entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo a quello in cui è stato effettuato l’acquisto del servizio o del bene.

Se invece l’associazione non ha la Partita IVA? In questo caso il fornitore deve emettere una fattura applicando l’aliquota IVA del Paese di origine del servizio o di spedizione del bene.

Come si può evincere un semplice acquisto all’estero, magari effettuato pensando di ottenere un vantaggio economico con l’esenzione da IVA si trasforma in un complesso iter di adempimenti fiscali culminanti con il versamento dell’IVA italiana, senza quindi alcun reale guadagno o vantaggio ma anzi complicando l’aspetto fiscale dell’operazione.

Ovviamente nel caso in cui gli oneri fiscali non dovessero essere correttamente adempiuti l’associazione si espone a serie conseguenze e sanzioni in caso di errori ed omissioni.. Consultate quindi il vostro fiscalista prima di compiere operazioni con l’estero.

www.consulenza-associazioni.com

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
C'è anche la Francia nel calendario della Vini Zabù che aprirà un mini ciclo di corse in terra francese con il Tour d'Eure et Loir in programma dal 14 al 16 maggio. Tre le frazioni che verranno affrontate dal team...


Joao Almeida non ci sta e questa mattina al villaggio di partenza di Piacenza ha avuto il suo bell'impegno: il portoghese ha incontrato la giuria per spiegare che ieri non ha commesso alcuna infrazione e quindi non meritava l'ammonizione (accompagnata...


Difficile marcare il campo d’azione di una gravel, del resto questa speciale bici intrappola il neofita, lo stradista e il biker in cerca di nuove emozioni. Tutto accade come una esperienza quasi ancestrale e per come la vedo io, vi...


Wout van Aert potrebbe essere costretto a cambiare i suoi programmi di avvicinamento al Tour de France. Il belga della Jumbo Visma, infatti, è stato operato per una appendicectomia. Scrive il quotidiano belga Het Laatste Nieuws che Van Aert era...


La stagione di Thibaut Pinot rischia davvero di trasformarsi in calvario. Lo si capisce chiaramente dalle parole del general manager della Groupama-FDJ Marc Madiot rilasciate ad Eurosport francese: «C'è una possibilità su un milione di vedere Thibaut al via del...


Tramite il canale del tam-tam sempre attivo, seppure assai stagionato, degli specialisti del mezzofondo - gli “stayer” di collaudata esperienza a livello internazionale che guidavano le mastodontiche cilindrate dei tempi che furono sulle piste di tutto il mondo - è...


E’ tappa tutta emiliana questa quarta frazione, la prima al di fuori del Piemonte per il Giro d’Italia n. 104, con un percorso che conduce dal cuore della Pianura Padana, Piacenza, a Sestola, sull’Appennino Modenese. L’altimetria propone una prima parte...


Davide Cimolai la vittoria l’ha cercata e l’arrivo a Canale lo aveva cerchiato sul suo Garibaldi come uno degli obiettivi possibili da raggiungere. Voleva vincere e dedicare il successo alla sua compagna, a casa, che tra pochi giorni darà alla...


Storie di corse e di corridori, di maglie e di mogli, di tappe e di toppe, di scatti e di cotte, e perfino di qualche vittoria. La seconda puntata è dedicata a Sandro Quintarelli: Ciamberle. Accadde al militare: gli fecero...


Geoffrey Bouchard della AG2r Citroen e Callum Scotson della BikeExchange nella seconda tappa, Samuele Zoccarato della Bardiani CSF Faizané e Joao Almeida della Deceuninck Quick Step nella terza tappa. Sono i quattro corridori sanzionati finora dalla giuria per lancio di...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155