ROBERTO BONETTO: «QUELLE CLASSICHE VINTE IN SELLA AL CAVALLINO ROSSO»

STORIA | 31/01/2021 | 07:50
di Franco Bocca

 


Ai primi di maggio del 1966, nell’arco di pochi giorni, vinse le due più belle classiche dei dilettanti che all’epoca si disputavano sulle strade astigiane: la Coppa Città di Asti e la Milano-Asti. Pur essendo pinerolese purosangue, Roberto Bonetto, classe 1941, merita pertanto di essere annoverato nella galleria di vecchie glorie astigiane del pedale, tanto più che mise a segno quel clamoroso bis indossando la casacca del Cavallino Rosso, il formidabile team che in quella stagione era diretto dal compianto Giacomo Toso e da Luciano Cerrato, il futuro  deus-ex-machina della Coppa Città di Asti.


Ci racconti subito quelle due vittorie.

«La Coppa Città di Asti si disputava il giorno di San Secondo, il primo martedì di maggio, pochi giorni dopo la conclusione del Giro del Piemonte a tappe, che avevo terminato in crescendo di condizione. Staccai tutti sulla salita di Montemagno e vinsi con circa un minuto di vantaggio sui primi inseguitori».

La domenica successiva fece sua anche la Milano-Asti.

«Sulla salita di Crea andai in fuga con il mio compagno di squadra Balduzzi e insieme percorremmo gli ultimi 30 chilometri. Franco, che abitava a Casorzo, ci teneva moltissimo a vincere sulle strade di casa e forse sperava che, dato che avevo già vinto la Coppa Città di Asti, io non disputassi lo sprint. Ma in carriera avevo già regalato troppe vittorie ai compagni di squadra e quella volta non lo feci. E non lo feci neppure la domenica dopo nel Trofeo Strazzi ad Albenga, dove arrivammo di nuovo noi due da soli».

Tre vittorie in dieci giorni, dunque. Furono le più importanti della sua carriera?

«Sicuramente tra le più significative. Quella che mi ha procurato la gioia più grande, però, è stata la Torino-Biella del ’64, quando correvo già per il Cavallino Rosso abbinato alla Badiese, dove il direttore sportivo era Gino Vairo, originario di Montemagno. Andai forte anche nel ’65, quando indossai la maglia azzurra al Giro delle Antiche Romagne, vinsi il Trofeo Bertolino e giunsi 3° in classifica al Giro di Bulgaria, con una vittoria di tappa».

Come mai, nonostante questi risultati, alla fine del ’66 decise di appendere la bicicletta al chiodo?

«Avevo già 25 anni e nonostante le mie trenta e più vittorie non ero riuscito a passare professionista. La verità è che ero un corridore completo, che se la cavava su tutti i terreni, ma la mia eccessiva generosità in corsa probabilmente mi ha impedito di ottenere risultati ancora più importanti. Così decisi di smettere, anche perché già da qualche anno ero fidanzato con Luigina ed era ora di mettere su famiglia e di pensare seriamente al futuro».

Nessun ripensamento, poi?

«Ripensamenti no, ma qualche rammarico sì, perché un paio di proposte di passare nella categoria superiore in realtà le avevo ricevute. Ed ero stato io a rifiutarle».

E perché?

«Nell’inverno del ’62 mi aveva contattato l’ex C.T. azzurro Pierino Bertolazzo, che stava allestendo la Cynar, dove avrei gareggiato al fianco di campioni come Baldini e Adorni. Ma avevo solo 21 anni e oltretutto ero convinto di dover partire a breve per il servizio militare. Così rinunciai, commettendo un grave errore, perché poi a militare non ci andai, ma ormai l’occasione era sfumata. Nel ’65, poi, la Bianchi mi offriva 50.000 lire al mese, ma io da dilettante ne prendevo di più e non accettai, in attesa di una proposta più vantaggiosa che poi invece non è più arrivata. Si vede che non era destino. Ma il ciclismo resta un capitolo importante della mia vita e Asti l’ultima tappa, quella decisiva, della mia carriera sportiva».

da La Stampa – edizione di Asti

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Sfreccia la maglia azzurra di Luca Coati sul traguardo di Bubano di Mordano, nel Bolognese. Il corridore veronese di San Floriano, della squadra continental Qhubeka Assos che quest'oggi ha corso con la maglia della Nazionale Italiana, allo sprint si è...


Come da pronostico, Stefan Kung ha vinto la quarta tappa della Vuelta Valenciana, una crono di 14, 3 km disputata tra Xilxes e Playa Almenara. Lo svizzero, campione europeo della specialità, ha fatto segnare il tempo di 16’12”920 pedalando alla...


Chi sarà l’erede di Mathieu Van der Poel all’Amstel Gold Race 2021? Sono in tanti a porsi questa domanda e i nomi più gettonati sono quelli di Wout Van Aert, Primoz Roglic e Jualian Alaphilippe. Era il 1966 quando la...


Il quarto posto centrato da Michael Zecchin alla Vicenza-Bionde ha certificato la crescita graduale di tutta la Work Service Marchiol Vega targata 2021. Un percorso, quello guidato dai tecnici Mirco Lorenzetto, Biagio Conte ed Emilio Mistichelli, che nei prossimi otto...


Jasper Philipsen ci ha preso gusto e ha centrato il successo nella settima tappa, la Marmaris-Turgutreis di 180 km. Nello sprint conclusivo il belga della Alpecin Fenix ha preceduto Greipel e Cavendish, uscito un po’ in ritardo. Quinto posto per...


Oscar Sevilla continua a stupire: lo spagnolo del Team Medellín, 44 anni, ha vinto il prologo della Vuelta a Colombia, disputatosi a Yopal sulla distanza di 7, 6 km.  Dietro di lui, i suo compagno di squadra Fabio Duarte, staccato...


Il team Alé BTC Ljubljana torna in gara domani, domenica 18 aprile, per un'altra grande classica del calendario internazionale UCI Women’s WorldTour, l’Amstel Gold Race, in Olanda. La corsa misura in totale 116 chilometri e si svolgerà su un circuito...


Il fitto calendario di corse proporrà all’UAE Team Emirates, come prossimo appuntamento, l’impegnativa breve corsa a tappe del Tour of the Alps (2.Pro): in programma dal 19 al 23 aprile, la gara si svolgerà in territorio austriaco e italiano, con...


Prima vittoria della stagione per il Team F.lli Giorgi. A regalarla è stato il siciliano Andrea Alfio Bruno che ha vinto sulle strade di casa una cronometro. La manifestazione, abbinata al Giro delle Madonie, si è svolta a Cefalù, in...


La sesta prova stagionale del calendario UCI Women's World Tour è la Amstel Gold Race, in programma domenica 18 aprile nei Paesi Bassi, e come già accaduto anche nei cinque eventi precedenti la A.R. Monex Liv Women's Pro Cycling Team...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155