L'ORA DEL PASTO. IN BICI, ALTAN VOLA ALTO

LIBRI | 17/11/2020 | 07:48
di Marco Pastonesi

Hanno caviglie grosse, cosce forti, soprassella (quanto storico pudore in questo sinonimo) abbondante, sguardo ottimista e naso da ciclista. Il naso da ciclista è, tradizionalmente, importante: quello dei corridori fa da spartivento, quello dei cicloturisti da punto di riferimento. Indossano il caschetto e sfoggiano uno zainetto. E spesso si alzano sui pedali. Per guardare avanti, per andare lontano.


Altan li disegna così. Gregari e amatori, gitanti e turisti, insomma: ciclisti. Colorati e organizzati, fiduciosi e speranzosi, insomma: rigogliosi. Ediciclo ha raccolto undici copertine disegnate da Francesco Tullio-Altan, 78 anni, il papà del metalmeccanico Cipputi e della tenera Pimpa, che è anche un libriccino pubblicato proprio dalla casa editrice di Portogruaro e che rappresenta il simbolo del candore e della semplicità, della leggerezza e dell’affetto. Adesso queste undici copertine sono soltanto una email, ma chissà che non possano diventare una mostra itinerante o, almeno di questi tempi, virtuale.


C’è quello che confessa di andare “a portare a spasso il bambino che è in me” (da “Amati giri ciclici” di Giancarlo Pauletto). C’è quello che dichiara “osservo tutto con curiosità infantile” e quello che, per ribadire il concetto, gli ribatte “ci siamo dimenticati i pannoloni per il bambino che è in noi” (da “La mia bici va a potassio” di Albano Marcarini). C’è quello che decide di disertare le quattro ruote e adottare le due (da “Minima pedalia” di Emilio Rigatti). C’è quello che recita “l’importante è partecipare” e l’altro che gli precisa “sì, e che a tutti gli altri gli scoppino le gomme” (da “Il diario del gregario” di Marco Pastonesi). E c’è anche Altan: è uno di quei tre che pedalano, all’ombra di una mezza luna, fra le moschee, sulla copertina di “La strada per Istanbul” (di Rigatti).

Forse il più altaniano dei ciclisti di Altan è quello che non pedala, ma acrobaticamente volteggia, il piede sinistro sul perno centrale del manubrio, quello sinistro slanciato indietro, braccia danzanti, capelli al vento, nasone aerodinamico (da “Lo Zen e l’arte di andare in bicicletta” di Claude Marthaler). Come una goffa eleganza, come una volatile gravosità, come un obeso sfarfallio. Che poi è la nostra eterna inadeguatezza, elefanti in una cristalleria. Ma che poi è anche la nostra eterna aspirazione, quella di scrollarsi dalle beghe quotidiane e liberarsi fino a librarsi. “La sua satira graffiante – scrive Ediciclo – lascia il posto a una visione più sognante e poetica in cui ombrelli e banane lasciano il posto a simpatiche biciclette”. In bici, Altan vola alto.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La Nazionale di ciclocross, guidata dal CT Fausto Scotti, si misurerà sul tracciato belga (Ostende) per la rassegna iridata 2021, in programma sabato 30 e domenica 31 gennaio, nonostante le difficoltà organizzative dettate dal momento pandemico che stiamo vivendo: “Noi...


Due righe scarne di comunicato per un annuncio triste: «La situazione sanitaria dovuta alla pandemia da Covid19 ci costringe a rinviare l'organizzazione della Vuelta Ciclista a la Región de Murcia - Gran Premio Banco Sabadell, in programma nei giorni 12...


Ancora un tragico incidente, ancora un giovane ciclista che perde la vita sulle strade mentre insegue i suoi sogni in sella alla bicicletta. La Federazione Colombiana di Ciclismo ha annunciato la morte di Daniel Pedraza Castillo, giovane talento cresciuto alla...


È un bel bilancio quello che si porta a casa dalla Vuelta al Tachira in Venezuela l’Androni Giocattoli Sidermec. Due vittorie di tappa, altri tre podi di giornata e una speciale classifica. «Missione compiuta. Rientriamo dalla trasferta in Venezuela con...


Soluzione in extremis per il caso Coni. Il Consiglio dei Ministri, che si è riunito questa mattina per formalizzare le dimissioni, che come ultimo atto ha approvato il decreto legge sull’autonomia del Coni.Decisiva la proposta presentata dal presidente Conte dopo...


Lo smart working vi sta facendo impazzire? Potrebbe trattarsi di fatica mentale. Andrea Bosio, responsabile del settore ricerca scientifica del Centro Mapei Sport di Olgiate Olona (Varese) ci spiega che cos'è e come è stata studiata. GUARDA IL VIDEO In...


Dylan Groenewegen ha rivelato di aver ricevuto lettere minatorie e pesanti minacce nei giorni successivi al suo rientro a casa dalla Polonia, dopo l’incidente nel quale è rimasto coinvolto - per una grave scorrettezza dello stesso Groenewegen - il suo...


Solidità, efficienza e cooperazione: sono questi i princìpi cardine del Gruppo Cassa Centrale, che fonda le sue radici in un percorso iniziato più di 40 anni fa, nel 1974, con la nascita di Cassa Centrale delle Casse Rurali Trentine S.p.A., una banca di...


Nelle Fiandre si può pedalare 365 giorni all’anno e non è certo una affermazione gratuita: gare da guardare, prove amatoriali a cui partecipare, percorsi nel mito e strade in pavé sempre disponibili. Il clima? Fa parte dell’esperienza: i veri flandrien non si fermano mai,...


Se si vanno a guardare le foto dei podi dei vari campionati nazionali femminili del 2020, si noterà una netta prevalenza di maglie delle Fiamme Oro, il gruppo sportivo della Polizia. L’ultimo in ordine temporale è stato quello di Alice...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155