L'ABC DI COSTA. I DUBBI DEL GIRO, LE CERTEZZE DI JAY

GIRO D'ITALIA | 19/10/2020 | 15:42
di Angelo Costa

D come dubbio. Nel senso di incertezza, dilemma. Al Giro ne vengono sollevati di continuo: quasi tutti restano sospesi in aria. Quando si cade, fa più male l’osso sacro o l’osso profano? Quando Bugno parla di ‘caduta sotto lo stendardo’, si riferisce alla segnaletica stradale oppure sta annunciando il palio degli sbandieratori? Le voci di corridoio restano lì o arrivano anche all’aperto? Quando Rizzato riferisce che Ballerini, ferito al volto, ‘ha preso un cartello’, sa anche se l’ha restituito? A multare l’elicottero della Rai per un’infrazione alle regole di corsa è stata una volante? Dopo aver detto ‘abbiamo incontrato molte saline salendo’, De Luca intende recitare anche ‘trentatrè trentini’? Quelli che accendono i fumogeni sulle salite fanno un corso o sono nati già stupidi? Chi cataloga i giorni senza vittorie di un corridore guarda solo il calendario o tiene conto anche del lockdown? Quando Nibali dopo la crono dice che ‘anche il tempo all’arrivo non è stato male’, si riferisce a quello per la classifica o al meteo? Quando l’interprete Rai traduce un corridore facendogli dire ‘tutto lo staff è al massimo della forma’, comprende anche se stessa? Quando Rizzato dice ‘cielo azzurro, mare blu, boschi verdi qui in Puglia’ significa che altrove ne ha visti di colori diversi? Se Saligari dice che ‘Ganna pennella una pedalata’, sta seguendo la crono o è finito nel reparto verniciatura di un costruttore? Quando Bugno dice ‘si sono toccati dentro, toccandosi dentro hanno fatto un mucchio di corridori’, sta spiegando una caduta o guardando un film vietato sul tablet?


H come  Hindley. Nel senso di Jay, corridore australiano della Sunweb. Luogotenente di Kelderman, del quale in salita è la spalla: ha scelto così, per non rischiare parti del corpo più imbarazzanti. E’ figlio d’arte: il padre non faceva il ciclista, ma costruiva skilift. E’ emigrato presto in Europa, anche perché costruire impianti da sci in Australia è come vendere infradito in Nepal. Si è stabilito in Italia, nella base varesina dove si radunano i suoi connazionali e lì ha imparato tutto: come ci si allena, come ci si nutre, come ci si riposa, come si parcheggia fuori dalle strisce, come si saltano le file al supermercato. Raccontano che sia salito in bici a sei anni: lo fanno tutti i bambini, la vera impresa sarebbe stato se fosse uscito pedalando dalla sala parto. Ha un nome inusuale, che in inglese significa ghiandaia, uccello che spesso si raduna in gruppetti destinati a sparpagliarsi: osservandolo in salita, è un po’ il suo stile. In India lo storpiano in Jaja, ma lui ha detto di non conoscere Jalabert e soprattutto di non esser abituato a fare l’indiano. Ha un nome letterario, perché Jay era il celebre Gatsby di Scott Fitzgerald: quando glielo hanno fatto notare, ha risposto di non amare i paragoni col passato e di pensare solo a guardare avanti. E’ letterario anche il cognome, perché Hindley è uno dei personaggi di Cime Tempestose: lo gradisce di più, non si è capito se per aver letto il libro o perché è il suo programma in vista dei tapponi.


Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Doppia grande novità in cabina di regia per la Israel Start-Up Nation: nel 2021 esordiranno sull’ammiraglia la prima donna tecnico del WorldTour, Cherie Pridham, ed il primo direttore sportivo israeliano, Dror Pekatch. «Mi sento orgogliosa e privilegiata di essere la...


Non poteva esserci regalo migliore per il Playa de Palma Challenge Ciclista a Maiorca in quella che sarà la sua 30esima edizione: è ufficiale infatti la presenza alla gara in programma dal 28 al 31 gennaio dell'UAE Team Emirates che...


Una campionessa olimpica alla guida del Coni? Antonella Bellutti ci prova e si candida ufficialmente per guidare lo sport italiano. Due volte campionessa olimpica di ciclismo - nell’inseguimento ad Atlanta 1996 e nella corsa a punti a Sydney 2000 -, un...


Filippo Pozzato è pronto a farsi in quattro, di certo non è tipo che si annoia: di cose da fare ne ha un sacco, ma quel che piace è che nonostante qualche alloro l’abbia avuto, lui sugli allori non ci...


Dopo aver assicurato il fututo alal squadra WorldTour, il team Qhubeka ASSOS conferma il proprio impegno anche con la formazione Continental che si chiamerà Team Qhubeka nel 2021. Il Team Qhubeka è la continuazione dell'NTT Continental Cycling Team: la stagione...


Michael Kwiatkowski resterà con il team Ineos Grenadiers fino al 2023. Anche se la formazione britannica non ha ancora ufficializzato la notizia, Kwiatkowski alla televisione polacca ha annunciato il suo rinnovo. La trattativa per l’ex campione del mondo, non è...


  Avete mai sentito parlare di Giovannino Perdigiorno? “Era un grande viaggiatore, capitò nel paese degli uomini a motore”. E poi? “Gli uomini a motore” è una filastrocca di Gianni Rodari, di cui nel 2020 si celebra il centenario della...


Rod Ellingworth lascerà il Team Bahrain McLaren. La passione di Rod è lo sviluppo del pilota, quindi ha deciso di andare avanti e concentrarsi su nuovi progetti che gli stanno a cuore. Un portavoce del Team Bahrain McLaren ha dichiarato:...


Il marchio Tucano Urbano conferma la sua presenza nel mondo bike e lo fa con il piglio sicuro che lo contraddistingue da sempre, infatti, sono ben 20 anni che questa azienda è professionista dell’antipioggia! Non c’è perturbazione meteo che tenga...


Trionfo dei corridori del Team Medellin nella quinta tappa del Clasico RCN, 16, 7 chilometri a cronometro da Quimbaya a Filandia. Tappa allo spagnolo Oscar Sevilla, maglia gialla a Jose Tito Hernandez il bottino della formazione di Medellin, che riprone...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155