I VOTI DI STAGI. DEMARE LASCIA TUTTI DI SASSO, SAGAN GAMBE DI PIETRA, NIBALI CUORE D'ORO

I VOTI DEL DIRETTORE | 08/10/2020 | 19:18
di Pier Augusto Stagi

Arnaud DEMARE. 10 e lode. Vince per distacco, con una gamba sola. Nella città dei Sassi, lui poggia la sua pietra miliare. Non c’è partita, per nessuno. Dopo la vittoria a Villafranca Tirrena al fotofinish, oggi lo fa per distacco. C’è tanta luce tra lui e gli altri, che restano al buio.  


Michael MATTHEWS. 5,5. È il suo traguardo, sembra disegnato per lui, ma l’australiano della Sunweb, in una città d’arte dove la bellezza regna sovrana, tira fuori uno scarabocchio. Facciamo finta di niente.


Fabio FELLINE. 7. Fa quello che può e non è poco, così come non fa poco il suo capitano Jakob Fuglsang (7) che gli tira una volatona degna del miglior Morkov. Però sulla sua strada c’è un TGV francese, che non fa fermate neanche davanti a cotanta bellezza.

Juan Sebastian MOLANO. 6,5. Prova a fare la sua volata, e non è nemmeno male l’altro colombiano della UAE Emirates: più scalatore, ma meno veloce di Gaviria.

Davide CIMOLAI. 6. Traguardo insidioso, tutt’altro che semplice, ma l’uomo veloce della Israel si districa bene.

Andrea VENDRAME. 6. Non è un fulmine di guerra, ma non è nemmeno una lumaca. Il velocista della Ag2r fa di necessità virtù e fin qui fa incetta di piazzamenti più che onorevoli.

Mikkel Frolich HONORÈ. 6. Il 23enne danese della Deceunick saltella di qua e di là nella volata finale, in attesa di mettersi domani al servizio di Alvaro José Hodeg.

Vincenzo NIBALI. 6.5. Lui ci prova, perché gli artisti fanno così: si lasciano guidare dall'istinto. Lui ci prova e si testa, perché cerca risposte, cerca conferme, in vista di Roccaraso.

Peter SAGAN. 5. È chiaro che questo era uno di quei traguardi che sembrano cosa sua. È chiaro che ce lo aspettiamo tutti, ma lui forse si fa trarre in inganno da Nibali (come del resto Matthews), e poi paga lo sforzo. Vincenzo ripreso ci resta di sale, lui a Matera di sasso. 

Filippo GANNA. 8. Nel finale prova a preparare il terreno a Ben Swift, ma il 32enne britannico forse si distrae per il paesaggio.

Matteo FABBRO. 8. Si fa un mazzo tanto per la causa di Peter Sagan. Poi, però, resta con le carte in mano.

Joao ALMEIDA. 7. Si ferma sul lato di destra per sistemare la radiolina nella maglietta e viene involontariamente tamponato da McNulty. Il portoghese in rosa assorbe il colpo con tranquillità olimpica: anche in questi frangenti si vede il campione.

Mattia BAIS. 7. Il 23enne ragazzo trentino dell’Androni Giocattoli Sidermec scalpita, come del resto tutta la sua squadra, e per questo va via a tutta, per tutto il giorno. 

Filippo ZANA. 7. Ha solo 21anni anche questo vicentino della Bardiani CSF Faizanè, che ha più di un motivo per farsi vedere e osare. Se non lo fai a 21 anni, quando lo fai?

James WHELAN. 7. È un paperino della EF Pro Cycling, un australiano 24enne di Melbourne che occupa la 135° posizione in classifica ad un ora esatta dalla maglia rosa. Oggi prova a portarsi avanti: Paperino va in Giro con Qui, Quo e Qua. 

Marco FRAPPORTI. 7. Non è più un ragazzino, difatti il bresciano da quest’anno in maglia Vini Zabù Brado KTM, se ne va in gita per tutto il giorno con Mattia Bais, Filippo Zana e James Whelan. Tre ragazzini che lo chiamano “zio”. Poi tenta, invano, da solo: ciao “zio”.

Rudy BARBIER. 100. A cento chilometri dal traguardo il 27enne transalpino comincia a fare “stretching” in favore di telecamere. Tira su il piede sinistro e lo porta dietro la schiena poggiandolo sul sellino, stessa cosa con quello di destra. E poi ancora quello sinistro e poi quello destro. Esercizi di stiramento muscolare per una inquadratura particolare. Vini Fantini, ringrazia. 

Copyright © TBW
COMMENTI
Sono preoccupato per Bugno
8 ottobre 2020 23:19 pickett
Ha raccontato per un quarto d'ora la sua partecipazione allo sciopero di Marconia di Pisticci durante il Giro 84,e la vittoria del suo compagno di squadra Freuler.Si é dimenticato che nell'84 lui era ancora dilettante ,passò pro dopo i Mondiali del Montello,l'anno dopo.Ma sta bene?

Trovato la soluzione
9 ottobre 2020 07:39 geo
Non potendo avere Stagi ai commenti televisivi, abbasso l'audio RAI TV ed attivo RAI RADIO 1 con Martinello, Ghirotto e soci..... tutt'altra cosa!

Zana
9 ottobre 2020 08:58 Ruggero63
21 anni, 1 in meno di Pogacar Bernal e Hirschi.........il prossimo dovrebbe essere l'anno buono

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il nuovo leader della Vuelta di Spagna è l'ecuadoriano Richard Carapaz, che ha tolto a Primoz Roglic la maglia rossa della classifica generale. Adesso il corridore della Ineos Grenadiers è al comando della corsa con un vantaggio di 18” su...


Caro Nibali, finisce qui il calvario. Per te e per noi. Non neghiamolo: si avverte anche un certo senso di liberazione. In un Giro nato di suo già parecchio sconclusionato, per i motivi inevitabili che sappiamo, s'è dovuto incassare pure...


D come dubbio. Nel senso di incertezza, dilemma. Al Giro ne sono stati sollevati di continuo: la maggior parte sono rimasti sospesi in aria. Bellino è il direttore generale di Rcs o un giudizio tecnico su questo Giro? Perché si...


Tao Geoghegan Hart ce l’ha fatta, ha vinto il Giro d’Italia. I pronostici non avevano sbagliato, sulla carta veniva dato come netto favorito nei confronti di Jai Hindley e alla fine la strada lo ha confermato. Una crono incredibile, la...


Palermo, Camigliatello Silano, Valdobbiadene e Milano: Filippo Ganna firma uno straordinario poker in un Gior d’Italia che non potrà mai dimenticare e che lo consacra tra i grandi. Per la prima volta, dopo aver divoratouna pizza nella lunga attesa sulla sedia...


Vincenzo Nibali ha chiuso il suo Giro d'Italia con il trentesimo posto nella cronometroa 1'27" da Super Ganna e con il settimo posto finale a 8'15" dal sorprendente vincitore Tao Geoghegan Hart. «E’ stato un anno difficile, complicato, nel quale...


Jai Hindley è lo sconfitto di giornata, anche se il suo Giro d’Italia è stato davvero eccezionale. «Ovviamente in questo momento sono molto deluso e il risultato è difficile da accettare. Ma sarò sempre orgoglioso di quello che ho fatto...


Ion Izagirre mette a segno il colpaccio nella sesta tappa della Vuelta, la Biescas - Sallent de Gállego. Aramón Formigal di 146. km. Lo spagnolo della Astana è stato il migliore sui Pirenei spagnoli, è entrato nella fuga che ha...


Al termine dell'edizione 103 del Giro d'Italia il presidente Renato Di Rocco ha commentato: "Milano ha accolto il Giro con un disciplinato entusiasmo, dimostrando ancora una volta la maturità del pubblico del ciclismo. La corsa rosa ci dice che lo...


Tao Geoghegan Hart è il re del Giro d'Italia, Filippo Ganna firma il poker di vittorie. È questo il verdetto della crono decisiva della corsa rosa: i 15, 7 chilometri della Cernusco sul Naviglio-Milano hanno regalato al campione del mondo...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155