I VOTI DI STAGI. POGACAR FA SALTARE IL BANCO, ROGLIC SALTA GIÙ, CARUSO SALTA NELLA TOP TEN

I VOTI DEL DIRETTORE | 19/09/2020 | 20:11
di Pier Augusto Stagi

Tadej POGACAR. 10 e lode. Fa un capolavoro, dopo averne fatti altri in queste tre settimane. Sfrontato, capace e talentuoso come pochi, tantissimi al posto suo si sarebbero accontentati, lui no. Lui poco prima del via va a salutare il connazionale Roglic che ha il volto cupo, quasi preccupato. Lui sorridente e leggero sprigiona gioia e potenza da ogni poro. Lui prova a dare il massimo per far saltare il banco: lui salta su, Primoz scende giù.


Tom DUMOULIN. 8. Tra quelli di classifica, non cambia la bicicletta prima della salita. Cambierebbe volentieri aria. In casa Jumbo Visma questa sera non si festeggerà niente.


Richie PORTE. 9. Fa una crono pazzesca, e un Tour finalmente di grande valore tecnico. Dopo tanta sfortuna, si prende quello che si merita. Per una volta Paperino va a Disneyland.

Wout VAN AERT. 6,5. Alla fine il suo quarto posto di giornata sembra poca cosa, lui che in questo Tour ha fatto tante cose e tutte belle e utili.

Primoz ROGLIC. 8. Cosa gli vuoi dare: quattro? Due? Fa un Grandissimo Tour, però una volta di più per vincere oltre a gambe forti, una squadra fortissima e una buonissima organizzazione, occorre avere anche tanta testa. Temo che Primoz soffra la pressione. Temo che una buona centralina conti quanto, se non di più, di buone gambe: vale anche per lui. Soprattutto per lui.

Damiano CARUSO. 10. Fa una crono da applausi, degna di un Tour da applausi. Qui lo dico: se le crono sono prove della verità, questa crono ci dice che Damiano sta benone. Quindi, domenica al Mondiale di Imola, lui dovrà avere un ruolo tutto particolare.

Miguel Angel LOPEZ. 4. In salita va anche bene, ma non si può andare così piano in una crono che decide il Tour. Senza parole.

Remi CAVAGNA. 7. Fa una crono super e resta sulla “sedia che scotta” per quasi tutto il giorno. Poi gli si gela il sangue.

Alejandro VALVERDE. 5. Sa che contro Caruso c’è ben poco da fare, difatti va a passeggio. 

Tony MARTIN. 8. È stato un prodigio del cronometro, uno dei passisti e cronoman più apprezzati degli ultimi anni, anche se oggi ha fatto una crono lenta, al risparmio, dopo aver tirato a più non posso per tre settimane per inseguire il sogno giallo dell’uomo in giallo. Sempre puntuale.

Guy NIV. 7. È il primo israeliano a prendere parte ad un Tour de France, ma anche per lui vale il motto riveduto e corretto da me medesimo: l’importante non è vincere e nemmeno partecipare, ma portare a termine una corsa difficile come questa. Missione compiuta!

Copyright © TBW
COMMENTI
Caruso un capitano al Mondiale
19 settembre 2020 20:31 FrancoPersico
Insieme a Nibali terrei Caruso come capitano al Mondiale. Come dice il direttore domenica 29 non lo dobbiamo bruciare inutilmente. Abbiamo visto oggi che esistono le sorprese, perciò al posto di Cassani concederei un treno a Caruso, se sarà in giornata ha carattere e gamba per salirci. Poi la strada ci dirà. Non me ne voglia Visconti, nulla di personale.

non credo
20 settembre 2020 08:35 kristi
non credo proprio che cassani dia i gradi di capitano a uno come visconti . spiace dirlo ma non è mai stato un vero vincente , confido in ulissi che esce in forma e motivato dal giro del lussemburgo , confido ( più di cuore che di testa) in nibali con caruso a spianare la strada e inacidire i muscoli dei rivali ( coppia affiatata da anni insieme) . ma no ...visconti proprio no

Ma la radio
20 settembre 2020 15:27 Line
sul petto della maglia gialla alla crono e normale ? non avrà dato scompigli al cuore
visto che pogacar nemmeno il cardio fequenzimetro aveva

Caruso il cantante del banco
20 settembre 2020 15:38 salitadiscesa
anche Caruso puo fare cantare tutti gli tifosi nel mondiale, come Pogacar puo fare saltare il banco

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Nella giornata in cui il Giro d'Italia è tornao a Madonna di Campiglio, Mario Cipollini è intervenuto a “Sulle strade del Giro”, la trasmissione di Radio 1 Rai dedicata alla trasmissione in diretta delle fasi finali della tappa della corsa...


Primo atto della "due giorni della verità" di questo Giro d'Italia 103. I 203 km dolomitici da Bassano del Grappa a Madonna di Campiglio premiano l'australiano Ben O'Connor della NTT, che con un attacco decisivo a 8 km dall'arrivo cancella la...


Il direttore del Giro d'Italia Mauro Vegni ha confermato in diretta tv il cambiamento della tappa di sabato: «Sullo Stelvio ci andiamo sicuramente - ha esordito Vegni - ma siamo costretti ad annunciare il cambiamento della penultima tappa del Giro....


Yves Lampaert scrive il suo nome nell'albo d'oro della Tre Giorni di La Panne vincendo per distacco l'ultima classica belga della stagione. Classica peraltro condizionata dal forte vento, al punto che gli organizzatori sono stati costretti a cancellare un giro...


F come fantasmi. Nel senso di team che sono in gara, ma nessuno se ne accorge. Corrono all’insaputa di tutti, a volte anche di loro stessi. E’ una vecchia abitudine della corsa rosa, col tempo diventata obbligo: per regolamento deve...


Il timbro verrà messo tra poche ore, ma ormai è certo che non si disputerà nella sua forma originale la tappa numero 20 del Giro d'Italia, quella dell'Agnello e dell'Izoard. Come avevamo riportato questa mattina, le previsioni meteo annunciano neve...


Tutti si aspettano la tappa di domani, con arrivo a Cancano, per le dure salite che i concorrenti troveranno lungo il percorso. In realtà, dettaglio da non sottovalutare, sarà la discesa della Stelvio. 21 km dentro un freezer. Sulla cima...


Tornava ieri a correre inun grande giro dopo due anni, ha subito accumulato un distacco importante - più di 11 minuti - ma non si è aasolutamente preoccupato. Stamame, infatti, Chris Froome twitta così dalla Spagna:«Battesimo del fuoco per il...


La decisione definitiva verrà presa domani, alla luce delle più aggiornate previsioni meteo, ma di ora in ora calano le possibiltà di salire al Colle dell'Agnello e quindi all'Izoard. Le previsioni meteo, infatti, in questo momento non danno grande speranza...


È veramente difficile trovare ultimamente un marchio oltre a POC che si sia distinto di più per il design dei prodotti, forme innovative sempre connesse alla performance, questo sia chiaro. Il noto brand svedese ha portato una vera ondata di...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155