ROTA: «NEL 2020 VOGLIO UNO STEP IN AVANTI. PER LA SQUADRA PRONTO A TUTTO»

PROFESSIONISTI | 20/02/2020 | 10:47
di Carlo Malvestio

Il 2020 è iniziato con un convincente quinto posto al Trofeo Laigueglia e adesso Lorenzo Rota non ha intenzione di fermarsi. Il 24enne bergamasco è stato tra gli ultimi a trovare squadra nella sessione invernale di ciclomercato, accasandosi con la Vini Zabù-KTM solamente nella seconda settimana di gennaio, nonostante qualche buona prestazione nella fase finale dell'anno, con il decimo posto in generale al Giro di Slovenia e il quarto alla Coppa Agostoni.

L'ex Bardiani ha così subito dimostrato che, forse, avrebbe meritato maggiore considerazione: «È stato un inverno difficile e sono davvero contento di essere partito così bene, anche se sono dell'idea che si possa sempre fare meglio - spiega Rota a tuttobiciweb -. Ho firmato il 10 gennaio, tardi, ma non ho mai pensato di smettere, perché l'anno scorso da giugno in poi sono sempre stato bene ed ero convinto che qualcuno mi desse una chance. È stato bello vedere che alla prima corsa tutta la squadra si sia sacrificata per me, sono stati fantastici. Ho lavorato bene questo inverno e credo di poter fare un bel passo avanti nella mia carriera quest'anno».

Il Laigueglia ha certificato che il classe 1995 potrà essere uno degli uomini di punta in chiave Ciclismo Cup, visto che le sue caratteristiche calzano a pennello con le tante gare italiane del calendario: «Mi piacciono le corse vallonate, con salite non troppo lunghe. E poi ho un buono spunto in volata. Se mi sento uno degli uomini più importanti del team? In realtà no, c'è gente con molta più esperienza e risultati di me. Chiaro che quello che la squadra mi chiede lo farò, che sia di mettersi a disposizione dei miei compagni oppure mettermi in proprio come accaduto al Laigueglia. Al momento però non ho intenzione di prendermi più responsabilità di quanto non mi chieda il team».

Così, il Giro d'Italia, non diventa un'ossessione, come invece capita a molti colleghi: «Al momento non penso al Giro, magari ci penserò un po' più avanti. L'unica cosa che posso fare è andare forte e la convocazione arriverà di conseguenza».

Il suo percorso di crescita continua al Tour of Antalya, dove insieme ad Edoardo Zardini e Matteo Busato proverà a portarsi a casa la classifica generale: «La gamba gira ma non solo la mia, anche quella di Busato, Zardini e Frapporti, quindi qui in Turchia abbiamo tutta l'intenzione di fare bene. Inutile dire che siamo qua per vincere. Nella terza tappa c'è una salita lunga, ma non lunghissima: starò a ruota e se mi portano ad una volata ristretta sarò ben contento di provarci».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Si è tenuta oggi a Vo’ (PD) la presentazione della pedalata Codogno - Vo’, passando per Cremona, volta ad unire i territori simbolo del Covid. La data fissata è quella di sabato 11 luglio. Alla conferenza è intervenuto il Sindaco...


Pronte per inseguire i traguardi più importanti nel mondo del triathlon. Sono le nuove T-5 Air di Sidi, le scarpe pensate per i campioni della tripla specialità A testarle prima del lancio ufficiale è stato Alessandro Fabian, uno dei più...


Quando ci si trova a parlare di decreti o ordinanze, leggi o disposizioni è sempre bene provare a fare sintesi, per semplificare, che è poi quello che cerchiamo di fare noi per rendere tutto più comprensibile, ma è quello che...


Brutta avventura per Sergio Samitier il corridore della Movistar, classe 1995, è caduto lunedì mentre si allenava nei pressi di Llanos del Hospital, sui Pirenei. Procedeva a 60-70 km/h e all'uscita di un tunnel non si è accorto di un...


Si avvicina la soluzione del caso “rientro in Europa” anche per i professionisti ecuadoriani: Richard Carapaz e Jhonathan Narvaez potranno partire alla volta della Spagna il prossimo 15 luglio e si uniranno ai loro compagni del Team Ineos in vista...


Aria di Tour de france anche in campo femminile con Aso che ha ufficializzato l'elenco delle formazoni che saranno a Nizza il 29 agosto per prendere parte a La Course By Le Tour, l'ormai tradizionale appuntamento che vede le campionesse...


Alla data 30 giugno l'UCI ha interrotto il suo rapporto con Jean Christophe Pèraud. Negli anni non sono mai stati trovati casi di frode nel mondo dei professionisti (sono stati scoperti solo una giovane Junior e un cicloamatore).  Peraud si...


«Si rende noto che, a seguito di segnalazioni pervenute, la Procura Federale della Federciclismo ha aperto, in data 30.06.2020, un fascicolo di indagine riguardante la partecipazione di tesserati FCI a gare svoltesi durante il periodo di emergenza sanitaria e di,...


«Il lancio di Egan Bernal e il salvataggio del team (dopo la vicenda Venezuela ndr) sono state tra le soddisfazioni più significative della mia carriera», Gianni Savio si è espresso così durante la diretta di Lello Ferrara 3.0 parlando della...


Una caduta con lo scooter e purtroppo per Matteo Lapo Bozicevich la diagnosi non è delle più belle: frattura di due vertebre e lo schiacciamento di una terza. E' successo lunedì pomeriggio verso le 18.30 quando, a seguito di una...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155