LINEA VERDE. NICHOLAS DRESTI, LO SCALATORE DELLA VAL VIGEZZO

CONTINENTAL | 04/01/2020 | 07:18
di Danilo Viganò

Nicholas Dresti è del 2001 ed è di Malesco, paesino di 1300 abitanti a 761 metri sul livello del mare, nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola in Val Vigezzo. Ha la passione del ciclismo che gli è stata tramandata da papà Mauro, ex cicloamatore, oggi parrucchiere. Rossella, la mamma, è maestra nella scuola elementare del paese, e Giulia, la sorella maggiore, frequenta l'università. Dresti in paese è l'unico ciclista praticante.

Nel 2019, con il Team Lvf juniores, ha ottenuto pochi piazzamenti: tre secondi posti (Montelupone, Bottega Vallefoglia, Brescia-Monte Magno) e un terzo alla San Vigilio-Brione. Una stagione molto tragliavata quella del piemontese, condizionata dalla mononucleosi che si è presentata nel mese di giugno, e dall'operazione di appendicite nella prima settimana di settembre.

Un corridore determinato, Dresti, fortissimo in salita: tra gli allievi ha vinto il Gran Premio Città di Bergamo (ex Eco di Bergamo) e due anni di fila la cronoscalata da Cene ad Altino con gli allievi e gli juniores. Dresti, che studia da Geometra all'ITCG "Einaudi" di Domodossola, è atleta da corse a tappe e proverà a dimostrarlo in questa stagione, la prima tra gli Under 23 nella squadra Continental Biesse-Arvedi diretta dall'ex professionista bergamasco Marco Milesi.

Cosa ne pensi del momento del ciclismo italiano?
«I risultati parlano chiaro, e sono la dimostrazione che sta attraversando un buon periodo».

A quale età hai cominciato a correre?
«Ho iniziato a 15 anni, con gli Esordiente di 2^anno per il Pedale Ossolano in sella a una Bianchi verde acqua».

Il più forte corridore di tutti i tempi?
«Senza dubbio Fausto Coppi, per le sue grandi e uniche imprese».

Segui altri sport con la stessa passione del ciclismo?
«Sì, seguo il nuoto, lo sci di fondo e l'atletica».

I tuoi peggiori difetti?
«Mi manca un po' di cattiveria agonistica».

Altruista o egoista?
«Altruista».

Cosa leggi preferibilmente?
«Notizie che parlano principalmente di sport».

Cosa apprezzi di più in una donna?
«La simpatia».

Sei social?
«Nei giusti termini».

Cosa cambieresti nel ciclismo di oggi?
«Toglierei le radiolione e la tecnologia, e darei più libertà all'improvvisazione come accadeva nelle gare di una volta».

Piatto preferito?
«Carne alla Chateaubriand».

Hobby?
«Stare con gli amici e guardare la tivù».

La gara che vorresti vincere?
«Tour de France».

Televisione, cinema o teatro?
«Televisione, in particolare le serie a puntate».

I ragazzi di oggi con quelli di ieri: le differenze?
«Oggi sono meno convinti, non rincorrono con impegno i principi e gli obiettivi».

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Ci risiamo, fermato da Carabinieri. Tutto filmato. Succede sempre in Trentino dove l'ormai noto Marco Brazzo, in sella alla sua bici, viene invitato ad accostare da una pattuglia. Lui riparte con la solita arringa documentata con smarthphone.  Abbiamo parlato con...


Ai tempi della guerra fredda c’era la linea rossa rovente, ora i tempi si sono evoluti ed è la banda larga ad essere rovente... Si stanno intrecciando, infatti, le conference call tra l’Uci e gli stakeholders del ciclismo, tra le...


La notizia poteva per noi europei anche passare inosservata, perchè postata sui social in polacco, in pratica ad uso della sua nazione Michał Kwiatkowski si conferma ragazzo sensibile e mette a disposizione dei medici e degli infermieri della sua nazione...


Se ne parla ormai da giorni ma l'ipotesi sta prendendo via via maggiore concretezza: il Tour de France sta lavorando ad un rinvio di quattro settimane della corsa. Da sabato 25 luglio a domenica 16 agosto: ecco le nuove date...


Che passioni si coltivano ai tempi del coronavirus? Giacomo Nizzolo ne ha tre: la moda, i motori e... la barba. «A dire la verita - ha spiegato il ciclista della NTT nel corso dell'intervista realizzata per la nuova puntata di...


Tatiana Guderzo è salita in bicicletta anche quest’anno perché aveva un obiettivo da conquistare a tutti i costi: la sua quinta Olimpiade. La campionessa marosticense è fra i pochissimi atleti italiani in attività che possono vantare la partecipazione a quattro...


  La “Pedala con i Campioni”, da vent’anni classico appuntamento cicloturistico dell’8 dicembre nel Varesotto da sempre a scopo benefico, scende in campo per la lotta contro il Coronavirus. Gli ex professionisti della  provincia di Varese capitanti da Dario Andriotto,...


La Adriatica Ionica Race va ad allungare la già interminabile lista di gare ciclistiche che non andranno in scena nelle date programmate a causa del Coronavirus. Benché prevista nel calendario internazionale dei professionisti dal 14 al 18 giugno – l’UCI...


“Al ritorno del Trofeo Melinda 2009 litigai con Scinto e mi fece scendere dalla macchina. Mi lasciò a Padova”. Giovanni Visconti è un fiume in piena durante al diretta con LelloFerrara3.0 su Instagram. "Comunque poi sapevo che dietro c'era Pelosi,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155