UNA TRAGICA FATALITA', FORSE PER QUEGLI “OCCHI DI GATTO”

LUTTO | 06/08/2019 | 14:27
di Guido La Marca

«Oggi è una giornata di lutto, e questa sarà per tutti noi una lunga e interminabile via crucis». Marco Marzano parla con un filo di voce, e scandisce bene le parole. Oggi non c’è fretta al Giro di Polonia, c’è solo il desiderio di arrivare, lentamente.

Niente corsa, anche se quella odierna doveva essere la prima vera tappa di un Giro sulla carta molto interessante. Circuito finale di tre giri, piuttosto selettivi e con diversi strappi. Uno con punte del 20% a soli due chilometri dal traguardo. Una tappa che avrebbe fatto classifica «e molto probabilmente sarebbe piaciuta un sacco a Bjorg, questo povero ragazzo che aveva davanti a se un futuro radioso…», precisa con voce tremula il tecnico della UAE Emirates.

Una tragica fatalità. Pare proprio così. È chiaro che sarà un giudice a dire cosa è realmente successo, anche alla luce dell’autopsia, ma dal gruppo emerge la dinamica di un fatto davvero sfortunato e terribile.

Bjorg Lambrecht, il 22enne scalatore fiammingo, caduto ieri pomeriggio attorno al 48° chilometro di corsa della Chorzów-Zabrze, terza tappa del Giro di Polonia, avrebbe perso il controllo della bicicletta forse a causa di quegli “occhi di gatto” (i piccoli segnalatori rialzati di forma quadrata che vengono posti sul manto stradale) che erano posti sulla sede stradale. Ha perso il controllo, ed è finito per sbattere sul cemento di un ponticello che sovrastava un fosso d’irrigazione in secca accanto ad una strada dritta (vedi foto). L’impatto è stato tremendo: fatale. «La corsa era appena partita, e non era ancora scoppiata la bagarre – ha spiegato a tuttobiciweb Czeslaw Lang, ex corridore professionista e oggi affermato organizzatore del Giro di Polonia -. Il gruppo procedeva a non più di 35/km orari. La strada era ampia, dritta e larga. Appena bagnata dalla pioggia. Francamente non so cosa possa essere successo, ma da quello che si sta raccogliendo in gruppo è stata davvero una tragica fatalità».

È chiaro che al momento la dinamica dell’incidente non è stata ancora chiarita dalle autorità competenti, ma se in un primo momento si parlava di malore, adesso l’ipotesi più accreditata è proprio quella di un insieme di circostanze sfortunate che il povero Bjorg ha colto tutte assieme.

Oggi corsa neutralizzata in segno di lutto (ieri non sono state fatte le premiazioni). Tutti in gruppo per 130 km, la Lotto Soudal taglierà il traguardo in testa, con cento metri di vantaggio sul resto del plotone compatto. La scena purtroppo la conosciamo molto bene. Nessuno di noi avrebbe voluto rivederla.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
chiarimento
6 agosto 2019 20:22 geo
Che cosa sono gli "occhi di gatto"?

@geo
6 agosto 2019 23:02 bertu
Sono quei piccoli catarinfrangenti che sporgono dall'asfalto, di solito posizionati sulle strisce bianche che delimitano la carreggiata, più di rado anche sulla mezzeria.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

«Di una cosa sono certo: peggio di quest’anno non faremo». A Bruno Reverberi non ha mai fatto difetto l’ironia e la franchezza è la sua cifra distintiva. Quello che ha da dire, lo dice. A maggior ragione adesso, alla soglia...


Un modo diverso, un modo nuovo di raccontare lo sport e i suoi campioni. E un racconto affidato ai social network, nuovo punto di incontro e di confronto, di sviliuppo e di discussione.Segafredo Zanetti crede fortemente nei valori positivi e...


Matteo Cervellin, medico chirurgo specialista in ortopedia e traumatologia, ci spiega come ridurre il rischio di infortunio. L’attività fisica è considerata uno dei maggiori fattori di protezione da patologie cardio-circolatorie e degenerative, per questo viene fortemente sostenuta la pratica come...


"Qui Laigueglia Slow Holydays" vuole tornare a pedalare e si rivolge alle squadre ciclistiche con un progetto tutto nuovo per l'anno 2020: riportare nella città ligure il ritiro collegiale dei gruppi sportivi ciclistici che parteciperanno al Trofeo Laigueglia tradizionale classica di...


Ad un anno dal terribile incidente di cui è stato protagonista in allenamento, Samuele Manfredi continua la sua lunga risalita e, soprattutto, continua a sentirsi un corridore. Lo ha spiegato molto bene in una intervista concessa a Francesco Pancani di...


«L’obiettivo principale per noi è continuare a vincere - spiega il direttore tecnico Matt White -, come sempre avremo i grandi giri nel mirino e abbiamo la squadra giusta per puntare ai massimi risultati». Ben 24 (sui 25 del 2019)...


L'Unione Ciclistica Internazionale ha diramato la lista delle squadre che sono ammesse alla massima categoria ottenendo la licenza World Tour fino al 2023: Alé - BTC Ljubljana sarà l'unico team che avrà l'onore di rappresentare l'Italia nel gotha del ciclismo mondiale....


La Wanty Gobert cambierà nome nel 2020 e diventerà Circus - Wanty Gobert dal 1° gennaio. Circus, consociata del gruppo belga Gaming1, è attiva in casinò, sale da gioco e nel settore delle scommesse sportive: già partner del team dal...


  La Tropicale Amissa Bongo sarà una delle prime gare del 2020: in programma dal 20 al 26 gennaio, la competizione africana impegnerà gli atleti in sette frazioni attraverso cinque provincie del Gabon - con uno sconfinamento anche in Camerun....


Della serie "non fatelo a casa" o meglio in bici. In realtà chi è stato ciclista probabilmente in carriera si è lanciato nella scia di un camion tenendo un'alta velocità per molti chilometri. Un gesto che per i più esperti...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy