NIBALI. «ERA GIUSTO ONORARE IL TOUR»

TOUR DE FRANCE | 27/07/2019 | 16:45
di Guido La Marca

Vincenzo Nibali taglia il traguardo con un ghigno in volto e poi sale con gli occhi che brillano sul podio del Tour de France per ricevere la medaglia e l'ovazione del pubblico: «È stata una vittoria molto sofferta, il Tour per me non è stato facile. Ho provato a fare classifica, ma sono saltato dopo le fatiche del Giro d'Italia. Ho ricevuto tante critiche, molti mi hanno suggerito di andare a casa, ma era giusto onorare il Tour de France. Negli ultimi giorni mi sono sentito molto bene, anche oggi ci ho voluto provare nonostante la grande fatica di ieri. La tappa di oggi era corta, è diventata quasi una cronoscalata. Vi posso dire che l’ultimo tratto non finiva più. è una vittoria che mi fa riappacificare con il Tour ma anche con il suo publlico meraviglioso che ha sempre tifato per me in questa corsa. Non è stato semplice dall’anno scorso riuscire ad arrivare fin qui, mi mancava tanto la vittoria (dalla Sanremo del 2018, ndr). Una dedica? Lo scorso anno tra le tante cose è venuto a mancare mio nonno e la dedica è prima di tutto per lui, ma anche per tutto lo staff che in questo anno ha lavoato con me».

E ancora: «È una bella perla dopo un Tour difficile. Non ho avuto pressioni dalla squadra, ho cercato di tenere duro, ma sapevo di poter fare qualcosa di buono. Il numero rosso? È qualcosa in più, in realtà volevo vincere la tappa, ho avuto paura di essere ripreso perché il gruppo saliva forte e quindi ho cercato di andare il più forte possibile».

Infine un giudizio sulla maglia gialla: «Bernal ha fatto un grandissimo Tour, nella seconda parte c’era il percorso adatto a lui ed è stato bravissimo. È un ragazzo che ha fatto una crescita esponenziale. il futuro è per lui, deve solo continuare ad andare cosi. I trionfi sudamericani? Non dimenticate che Egan è cresciuto in Italia ed è sicuramente il più europeo dei corridori sudamericani».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

«Di una cosa sono certo: peggio di quest’anno non faremo». A Bruno Reverberi non ha mai fatto difetto l’ironia e la franchezza è la sua cifra distintiva. Quello che ha da dire, lo dice. A maggior ragione adesso, alla soglia...


Un modo diverso, un modo nuovo di raccontare lo sport e i suoi campioni. E un racconto affidato ai social network, nuovo punto di incontro e di confronto, di sviliuppo e di discussione.Segafredo Zanetti crede fortemente nei valori positivi e...


Matteo Cervellin, medico chirurgo specialista in ortopedia e traumatologia, ci spiega come ridurre il rischio di infortunio. L’attività fisica è considerata uno dei maggiori fattori di protezione da patologie cardio-circolatorie e degenerative, per questo viene fortemente sostenuta la pratica come...


"Qui Laigueglia Slow Holydays" vuole tornare a pedalare e si rivolge alle squadre ciclistiche con un progetto tutto nuovo per l'anno 2020: riportare nella città ligure il ritiro collegiale dei gruppi sportivi ciclistici che parteciperanno al Trofeo Laigueglia tradizionale classica di...


Ad un anno dal terribile incidente di cui è stato protagonista in allenamento, Samuele Manfredi continua la sua lunga risalita e, soprattutto, continua a sentirsi un corridore. Lo ha spiegato molto bene in una intervista concessa a Francesco Pancani di...


«L’obiettivo principale per noi è continuare a vincere - spiega il direttore tecnico Matt White -, come sempre avremo i grandi giri nel mirino e abbiamo la squadra giusta per puntare ai massimi risultati». Ben 24 (sui 25 del 2019)...


L'Unione Ciclistica Internazionale ha diramato la lista delle squadre che sono ammesse alla massima categoria ottenendo la licenza World Tour fino al 2023: Alé - BTC Ljubljana sarà l'unico team che avrà l'onore di rappresentare l'Italia nel gotha del ciclismo mondiale....


La Wanty Gobert cambierà nome nel 2020 e diventerà Circus - Wanty Gobert dal 1° gennaio. Circus, consociata del gruppo belga Gaming1, è attiva in casinò, sale da gioco e nel settore delle scommesse sportive: già partner del team dal...


  La Tropicale Amissa Bongo sarà una delle prime gare del 2020: in programma dal 20 al 26 gennaio, la competizione africana impegnerà gli atleti in sette frazioni attraverso cinque provincie del Gabon - con uno sconfinamento anche in Camerun....


Della serie "non fatelo a casa" o meglio in bici. In realtà chi è stato ciclista probabilmente in carriera si è lanciato nella scia di un camion tenendo un'alta velocità per molti chilometri. Un gesto che per i più esperti...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy