CITTA DI BRESCIA, TRIONFO DI SMARZARO

DILETTANTI | 02/07/2019 | 21:36
di Paolo Broggi

Daniel Smarzaro coglie la sua vittoria più bella ul prestigioso traguardo del Trofeo Città di Brescia. Il portacolori della General Store ha imposto la sua legge regolando allo sprint il gruppetto di dieci attaccanti che hanno dominato la corsa.

Smarzaro, che ha sfruttato il grandissimo lavoro del compagno di squadra Rigatti negli ultimi tre giri, ha preceduto nettamente allo sprint Luca Mozzato della Dimension Data for Qhubeka e Andrea Toniatti del Team Colpack.

A dare il via alla competizione il presidente del sodalizio organizzatore Fermo Fiori insieme al direttore del Giornale di Brescia e di Teletutto – media partner dell’evento – Nunzia Vallini. Al via si presentano 139 concorrenti con le migliori formazioni italiane e la rappresentanza internazionale con squadre provenienti da Svizzera, Slovenia e Austria.

La corsa si è svolta sul suggestivo e spettacolare circuito del Castello di Brescia di 5,8 km da ripetere 21 volte (121,800 km). Dopo 14 chilometri si registra il primo attacco della serata, con un terzetto al comando formato da Matteo Rotondi (Team Cinelli), Kristian Javier Yustre Rodriguez (Iseo Rime Carnovali) e Stefano Cerutti (Aries Cycling), a cui in seconda battuta si aggiungono anche Simone Buda e Manuele Tarozzi, coppia della formazione InEmiliaRomagna, e poi anche Mattia Soprana (Delio Gallina Colosio Eurofeed).

Questo sestetto di battistrada ha però poca libertà e viene ripreso dal gruppo dopo circa 25 chilometri dal via.

Dopo circa una trentina di chilometri allungo solitario di Tommaso Rigatti (General Store) poi subito raggiunto da compagno di squadra Riccardo Tosin. Decisa l’azione dei due che nel volgere di qualche tornata riescono a guadagnare fino ad oltre un minuto di vantaggio sul gruppo. Sulla coppia al comando rinvengono prima in quattro: Simone Ravanelli (Biesse Carrera), Luca Mozzato (Dimensio Data), l’austriaco Moran Wermeulen (Wsa KTM Graz) e Daniel Smarzaro (General Store), e poi prima del passaggio sotto il cartello dei meno 10 giri alla conclusione, si forma al comando un drappello di 14 corridori con l’arrivo anche di Andrea Toniatti e Paolo Baccio del Team Colpack, Gabriele Porta (Delio Gallina), Filippo Baroncini (Beltrami TSA – Hopplà Petroli Firenze), Andrea Cacciotti (Casillo Maserati), Samuele Zambelli (Iseo Rime Carnovali) e gli sloveni Matic Groselj e Rok Korosec della Ljubljana Gusto Santic.

 A meno 6 giri dalla conclusione prova l’allungo solitario l’austriaco Wermeulen che rimane in avanscoperta per un paio di tornate. Sfortunato, invece, il siciliano Baccio frenato da una foratura e costretto ad abbandonare la testa della corsa. A quattro tornate dalla conclusione il bergamasco Simone Ravanelli prova l’affondo sull’ultimo tratto di ascesa verso il Castello, ma viene subito ripreso dai compagni di fuga. La situazione cambia a meno 3 giri dalla conclusione quando restano in dieci a condurre la corsa: Toniatti, Ravanelli, Zambelli, Baroncini, Cacciotti, Mozzato, Rigatti, Smarzaro, Groselj e Korosec che transitano sotto il traguardo con 1’37” di vantaggio sul primo gruppo inseguitore. È l’azione decisiva: dietro non c’è più spazio per recuperare e i dieci si giocano la vittoria in volata. Smarzaro resta coperto fino all’ultimo e poi coglie l’attimo giusto per anticipare Mozzato e Toniatti.

“Questa è una vittoria importantissima, davvero molto bella che arriva dopo un lungo periodo nel quale non riuscivo più a vincere. Volevo dedicare da tempo questo successo a mio nonno che è venuto a mancare e finalmente questa sera questo successo è tutto dedicato a lui”, le parole di un euforico Daniel Smarzaro.

«Una vittoria che volevo e che inseguivo da tanto tempo - ha spiegato a caldo il vincitore -, la dedico a mio nonno che se n'è andato dopola mia prima vittoria. Ringrazi la squadra che ha fatto un lavoro stupendo e mi ha dato fiducia anche in questa gara internazionale, una delle più belle percé disputata in una cornice di pubblico eccezionale».

Il Città di Brescia non ha deluso le attese: corsa spettacolare, attacchi sin dai primissimi chilometri, pubblico degno di una grande classica assiepato ovunque sul circuito del Castello. Chi ha avuto la possibilità di seguire le immagini in diretta sul nostro portale o su quello di PMG Sport, grazie alla produzione del Team Rodella 2000, certamente si è divertito e ha vissuto una notte di grande ciclismo».

ORDINE D’ARRIVO:

Iscritti: 161, Partiti: 139, Arrivati: 70.

1. Daniel Smarzaro (General Store – Essegibi – F.lli Curia) km 121,800 in 2h57’25” media 41,191 km/h

2. Luca Mozzato (Dimension Data for Qhubeka)

3. Andrea Toniatti (Team Colpack)

4. Filippo Baroncini (Beltrami TSA – Hopplà – Petroli Firenze)

5. Simone Ravanelli (Biesse Carrera)

6. Rok Korosec (Ljubljana Gusto Santic)

7. Samuele Zambelli (Iseo Rime Carnovali)

8. Andrea Cacciotti (Casillo – Maserati)

9. Matic Groselj (Ljubljana Gusto Santic)

10. Tommaso Rigatti (General Store – Essegibi – F.lli Curia)

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Dopo il Giro di Romandia, una seconda gara di WorldTour getta la spugna e cancella ufficialmente l'edizione 2020. Gli organizzatori della  E3 Binck Bank Classic hanno deciso di tornare nel 2021 e in una dichiarazione rilasciata a Wielerflits il capo...


  Ieri ho scritto di Italo Mazzacurati, oggi mi occupo di Mario Minieri. Sono sempre i reperti archeologiciclistici, inediti e dimenticati, di quell’incontro del 2003, o forse del 2004, tra Bologna e Ozzano, da cui nacque il libro “Una vita...


La pandemia di Covid-19 ha fermato lo sport e modificato le nostre abitudini ma, nonostante tutto, ci sono persone che in questo periodo tagliano traguardi importanti e prestigiosi, per cui hanno faticato tanto. È il caso di Alice Gasparini, ventiduenne...


Davide De Cassan è di Cavaion Veronese, 20 km da Verona, ed ha compiuto 18 anni il 4 gennaio. Già nell'orbita della Nazionale Italiana, l'anno scorso si è classificato infatti al secondo posto nella gara di osservazione di Ascoli Piceno...


Il Tour de Langkawi è una corsa molto italiana, soprattutto grazie ai velocisti. Basti pensare ai ventiquattro successi di tappa di Andrea Guardini... Per trovare un azzurro in grado di vincere la classifica generale si deve risalire al 2001, alla...


È una cosa nota ai più, l’industria tessile ha un fortissimo impatto nei confronti dell’ambiente, un produzione di emissioni di monossido di carbonio e inquinanti che la mette al secondo posto dietro al comparto che lavora il petrolio. Endura, brand scozzese...


Combattivo di natura, con il ciclismo nel cuore, profondendo il massimo impegno, motivandosi senza conoscere la fatica, senza arrendersi alle difficoltà. Questi è Marco Zamparella, 32 anni, sanminiatese di nascita. La sua strada nei momenti più importanti della carriera professionistica...


  In questo momento particolare  di emergenza, arriva la testimonianza da parte dell’USD Montecarlo, attraverso le parole del suo presidente Ferdinando Di Galante e del dirigente sportivo Stefano Bendinelli, in un comunicato che vuol essere la testimonianza dei ragazzi tesserati...


Ancora un mese, forse un mese e mezzo di speranza. Il Tour de France vuol sfruttare tutto il tempo a disposizione prima di decidere la sorte dell'edizione 2020. Secondo l'emittente belga RTBF, la tv di lingua francese, la dead line...


Venerdì 20 marzo la Usada (agenzia statunitense antidoping) ha comunicato la squalifica per 4 anni inflitta a John Gleaves, a decorrere dal 31 agosto 2019, data della sua posività a tre sostanze: clomifene e idrossi-clomifene (inibitori ormonali) e oxandrolone (steroide)....


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155