GIUSTIZIATELO!

GIRO D'ITALIA | 14/05/2019 | 09:08
di Pier Augusto Stagi

È per la loro sicurezza. Lo fanno solo per prevenire incidenti più gravi. Quindi ragazzi fate in modo di disputare buone volate, prive di gomitate (chiaro), testate (giusto), sbandate, codate e cambi di direzione. Oltre a condurre una vita retta, cercate di guidare anche le vostre biciclette allo stesso modo lungo i rettilinei. Quello che è stato è stato, scordiamoci il passato e sprintiamo in maniera corretta e coerente con le nuove disposizioni internazionali.  

Siate i velocisti 4.0. Siate affamati, folli quanto basta ma corretti. Pena sanzioni esemplari, anche per dei peccati veniali come quello commesso ieri pomeriggio da Elia. Forse non lo sapete, ma il campione d’Italia è stato fucilato su pubblica piazza. Per quella volata ritenuta scorretta, a Elia non solo è stata tolta la vittoria, ma gli hanno anche inflitto 50 punti di penalità (adesso per la classifica a punti è a -32: addio sogni di maglia ciclamino) oltre ad un’ammenda di 500 franchi svizzeri, circa 440 € e 30 secondi di penalità in classifica.

Che poi ieri il finale fosse pazzesco, per non dire folle (a 400 metri una curva a gomito da far venire i brividi), questo poco importa. In volata bisogna stare attenti, per l’incolumità di ciascun corridore. Poi se questi alla volata nemmeno ci arrivino, perché si vanno a schiantare a 70 all’ora in una curva a gomito prima, molto prima, chissenefrega. Come si dice: fa parte del gioco.

Copyright © TBW
COMMENTI
14 maggio 2019 09:22 ConteGazza
abolire l'UCI e questi svizzeri massoni, Giro esca da World Tour!

VITTIMISMO FUORI LUOGO
14 maggio 2019 09:29 runner
Mi perdoni Direttore, ma questo vittimismo mi pare proprio fuori luogo....Non credo che se fosse successa la stessa cosa ad un altro velocista qualsiasi avrebbe reagito allo stesso modo....

Squalifica sacrosanta
14 maggio 2019 09:40 Leonk80
perchè la scorrettezza non è visibile solo per chi è in mala fede o acceccato dal tifo, ma 50 punti di penalizzazzione per la maglia ciclamino è una follia .

non è più cilcismo
14 maggio 2019 11:58 gravel
Ciclismo, di questo stiamo parlando.. E come per tutto il resto è inevitabile che il progresso investa anche questo sport.

Siamo partiti con i telai in carbonio, passando al caschetto obbligatorio, arrivando all'utilizzo dei freni a disco e l'uso di fibre elastiche nei telai per affrontare manti stradali come il Pavè.. Non è finita!!!!!!!!! Ecco il VAR!!! Cos'è il VAR? Sviluppato per eventi "puntuali" come il calcio, il Video Assistant Referee (assistente video dell'arbitro) è enrato anche nelle gare di ciclismo (per ora solo le più alte categorie), riuscendo già a fare delle "vittime", furbetti che magari hanno sfruttato scie, hanno dato spallate o quant'altro sia sempre, ripeto SEMPRE accaduto in gruppo. Ma i corridori ciclisti, non sono fregne lesse come in altri sport dove al minimo contatto piangono per 10 minuti in cerca di un qualche vantaggio strategico, i ciclisti sono EROI ! Sono sempre caduti, si sono sempre rialzati e sono ripartiti, insanguinati e con i pochi vestiti strappati, per orgoglio, con valore e coraggio .. Se qualcuno fa il furbo, è il gruppo stesso che gliela fa pagare, ma non con violenza, magari quando il furbo fora, il gruppo accelera.. Non è mai esistito un arbitro per il ciclismo. Una giuria sì. ed è sempre bastata. Aboliamo Il VAR!!! Almeno nel nostro sport.

Un'altra cosa che mi preoccupa e che ieri ho letto sulla tv nazionale, l'idea pazzesca di applicare maggiori protezioni individuali ai ciclisti!!!!
A me sembra già eccessivo il caschetto!!!!!!!!!! Qui non si tratta più di sicurezza, ma di pagliacciate sociopolitiche che tendono a far sparire il nostro sport.. Mi chiedo poi perchè? Forse perchè un Giro d'Italia inizia a far più audience di una champions league e le aziende investitrici che hanno sbagliato sport non ci stanno? Non lo so.. ma è Pazzesco..
W il ciclismo eroico per quello che è, che è stato e sarà

VERGOGNA
14 maggio 2019 12:01 PIERJI
Posso capire l'ammenda e anche la penalità dei 30", dato che, a chi punta la maglia ciclamino, poco importa del tempo, ma i 50 punti in classifica sono proprio una carognata. Lo avrei capito se ci fosse stata malafede nel gesto, ma la malefede in questo caso proprio non c'è stata.

Capisco che ...
14 maggio 2019 13:13 lou
Bisogna tenere alta l’attenzione sull’evento clou annuale, ma bisogna essere realisti, ha cambiato direzione visibilmente danneggiando un collega, lo avrebbero squalificato anche senza tecnologia var.

Basta direttore
14 maggio 2019 13:40 berto
Abbiamo capito che bisogna difendere Viviani a tutti i costi ma in questo caso la squalifica è stata giusta.

Viviani
14 maggio 2019 14:13 Mauro59
Retrocedere all'ultimo posto va bene ma dargli 50 pti di penalizzazione è assurdo.

ESAGERAZIONE
14 maggio 2019 17:02 alessandro
Per quanto me ne possa capire io, secondo me la squalifica è giusta. A parti invertite avremmo chiesto tutti la squalifica dello straniero di turno. Ricordiamoci che Sagan fu estromesso dal Tour. Secondo me non c'erano gli estremi. Si rasenta il ridicolo con i -50 punti. Questo è ridicolo.

ITALIANEN !!!!
14 maggio 2019 17:22 trifase
ITALIANEN !!!!
Non mi refiersico tantom al compartamento di Viviani (sacrosanta la squalifica, ma succede), quanto al commento del direttore. Colpa degli altri, colpa della giuria straniera, mai colpa degli italiani.

Il Var è sempre esistito.... si chiamava (e si chiama) moviola
14 maggio 2019 18:23 Crisintour
abdujaparov... 1992 Gant-Wevelgem
Squalificato dopo la visione della moviola.....

Non demonizziamo il Var.... in quanto è sempre esistito, si chiama moviola.
La cara e vecchia moviola che è stata usata, spesso, nelle volate difficili.
(anche per il pugno di Belli....)

Regolamento
14 maggio 2019 18:37 piuomeno
Esisterà un regolamento che i giudici hanno applicato? Sarebbe magari il caso che pure i ciclisti ne fossero a conoscenza? Cassani nel dopocorsa pare ne fosse a conoscenza ed aveva ipotizzato scorrettezza e retrocessione. Punto.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

L’Operazione Aderlass continua a scuotere il mondo del ciclismo e lo fa ad altissimo livello: l’Uci sta indagando sul coinvolgimento, nell’affare doping che ruota attorno al dottor Mark Schmidt, del numero uno del Team Bahrain Merida, lo sloveno Milan Erzen.Dalle...


Ieri il Giro d'Italia è passato da San Zenone Po e ha portato una carezza ideale a Gianni Brera, che tante edizioni della corsa rosa ha raccontato con la sua penna. Andrea Maietti, grande amico del giornalista pavese, ci regala...


Un ragazzo del 1993 che vince con la stessa disinvoltura con cui sorride. Un’azienda che dal 1954 scalda il cuore e i muscoli degli sportivi. Anni, storie, esperienze diverse che in circostanze normali non si sarebbero incontrate. Ma queste sono...


Dani Navarro torna a sorridere. Lo spagnolo, ricoverato dal 14 maggio scorso al Policlinico di Tor Vergata, sarà dimesso domani e potrà fare ritorno a casa. Il portacolori della Katusha Alpecin era rimasto coinvolto in una brutta caduta a Frascati...


Quando vinse il Giro di Lombardia del 1938, il sorriso sghembo, il ciuffo ribelle, la faccia da Sudamerica. Quando si aggiudicò la Tre Valli Varesine del 1940, superando per un niente Mario Ricci, grazie a un colpo di reni da...


Si delinea una starting grid di altissimo livello per il Cycling Stars Criterium in progamma a Belluno la sera di lunedì 3 giugno. Anche Elia Viviani (Deceuninck-Quick Step), già vincitore della passata edizione, sarà della partita. Il forte sprinter...


Tempi moderni, verrebbe da dire, e cambia anche il modo di lavorare al Giro d'Italia. Da quest'anno, infatti, il comunicato ufficiale della organizzazione di corsa ha perso una pagina importantissima, una delle più attese: ci riferiamo al classico e preziosissimo...


E' il giorno di Fausto Coppi, al 102° Giro d'Italia. La leggenda del Campionissimo riecheggerà sulle strade della tappa odierna Cuneo-Pinerolo di 158 km, omaggio alla cavalcata solitaria di Coppi del 1949. Per l'occasione, anche Bianchi celebra il mito di...


Sale la febbre da Giro in Val di Sole. Ad esattamente sette giorni dalla partenza della diciassettesima tappa del Giro d’Italia di Mercoledì 29 Maggio (Commezzadura/Val di Sole-Anterselva, 180 Km), c’è grande entusiasmo nella capitale italiana della Mountain Bike per...


Federico Zurlo conquista un'esaltante vittoria nella quinta tappa del Tour of Japan. Percorso senza un metro di pianura, quello della quinta frazione, con partenza ed arrivo a Minami Shinsu. Dieci  giri, 123 chilometri di puro agonismo. L'arrivo è adatto a...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy