CARAPAZ: «VENGO AL GIRO PER SALIRE SUL PODIO»

PROFESSIONISTI | 08/05/2019 | 09:52

Richard Carapaz arriva al Giro dopo il bel successo colto nella Vuelta a Asturias con un ruolino di marcia che parla di cinque corse a tappe disputate in questa stagione: San Juan (6º), Colombia (9º), Tirreno-Adriatico (20º) , Catalunya (26º) e Asturias (1º), dove ha ripetuto il successo colto lo scorso anno.

Dall’Ecuador a Pamplona, ha ripetuto lo stesso cammino del 2018 prima del Giro...
«Sono davvero felice. Dopo il Catalunya mi sono allenato in Ecuador, a casa, tranquillo, con la mia familgia. Ero a 3.000 metri di quota, a Julia Andrade, nella provincia del Carchi. E ora arrivo al Giro, che è il mio grande obiettivo stagionale».

Quale il bilancio della prima parte della sua stagione?
«Penso di aver fatto un buon percorso, aiutando la squadra quando serviva e assumendo le mie responsabilità quando era necessario. Ho sempre avuto presente il Giro, ho lavorato per arrivare al top in questo mese di maggio. Ma il livello del WorldTour continua a crescere e la sfida sarà durissima».

Cos’ha significato per lei il Giro 2018?
«Molto, è stato davvero incredibile. Ho vinto una tappa, ho concluso al quarto posto, è stato un passaggio decisivo per farmi dire “posso lottare per un grande giro”».

Quali le sue sensazioni della vigilia?
«Ho studiato le tappe e l’ultima settimana è davvero durissima. Al momento però sto bene, la preparazione è andata perfettamente: so che il Giro è una corsa unica, nella quale ogni giorno può esserci una sorpresa ma sono pronto. Nel 2018 abbiamo avuto un Simon Yates dominatore fino all’impresa di Froome, Dumoulin è stato il più costante e ha chiuso secondo, ogni giorno può accadere qualcosa».

Quali i suoi obiettivi?
«Punto al podio finale. So che ci sono tanti rivali, ma mi esalta battermi contro grandi corridori. Il livello sarà ancora più alto, bene così...».

L’assenza di Alejandro Valverde si farà sentire nel Movistar Team.
«È una assenza impostante, senza dubbio, ma la squadra è comunque molto forte: Landa si è preparato bene e ha dimostrato di stare bene».

Dopo il Giro, quali saranno i suoi appuntamenti?
«L’idea è di ripetere il calendario 2018 con il Giro di Polonia, le classiche spagnole, la Vuelta e il Mondiale. Il Tour? C’è tempo in futuro, per una corsa così grande».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Ciclisti sempre primi in solidarietà, anche in questo particolare e difficile momento. A Rufina in Provincia di Firenze a consegnare le mascherine alle famiglie per conto dell’amministrazione comunale, sono scesi in bici anche i fratelli Alessandro e Lorenzo Iacchi. Il...


Canyon è fiera di annunciare l’arrivo della prima bici da strada a pedalata assistita, ovvero la nuovissima Endurace:ON, disponibile fin da ora sulla piattaforma digitale di Canyon. Spesso chi  ha il desiderio di comprare una bici a pedalata assistita ha paura di...


Fernando Gaviria finalmente è tornato a casa. Ad oltre un mese e mezzo dal suo arrivo negli Emirati Arabi Uniti, il corridore della UAE ha potuto fare rientro in patria. Lo ha fatto a bordo di un volo partito dagli...


Il professionismo ai tempi del Covid-19 è una bella sofferenza, si è come leoni chiusi in gabbia, ancor di più se i rulli e Zwift non riesci proprio a sopportarli. È il caso di Andrea Vendrame, che ogni mattina si...


Parlare con Maurizio Bellin, European General Manager di FSA, significa trovarsi direttamente sul fronte della malattia e della crisi economica. L'ex professionista varesino, infatti, è in quarantena dopo aver sconfitto il coronavirus e segue con grande attenzione il mondo del...


Claudio Bortolotto, veneto, trevigiano precisamente, nato a Orsago nel 1952, il 19 marzo, giorno di San Giuseppe e della Milano-Sanremo, almeno a quel tempo, è stato un valido corridore professionista con carriera che si è sviluppata dal 1974 al 1984...


È un tweet che fa davvero felici tutti quello che è stato postato nella notte dalla Gazprom Rusvelo: «Igor Boev e Dmitry Strakhov, che si sono completamente ripresi dal coronavirus, hanno lasciato gli Emirati Arabi Uniti dopo un mese di...


In questa puntata Giancarlo Gentina e Italo Zilioli. Due piemontesi. Gentina, gregario, e Zilioli, battitore libero. Gentina lo incontrai al Ghisallo, con un altro campione fra i portatori d’acqua, Germano Barale. Con Zilioli è stata una frequentazione più assidua, tra...


Il mondo del ciclismo scende in campo, o meglio sulle strade virtuali del Giro d’Italia, e si attiva per dare un contributo nella lotta contro il Coronavirus. Sono stati Mario Cipollini (recordman di vittorie alla Corsa Rosa) e Gianni Bugno,...


Voijslav Peric è un talento ancora tutto da scoprire. Cognome veneto, nome ucraino grazie alla madre Nataliya, nata in un piccolo paesino della Ucraina al confine con la Polonia. Peric è nato in Italia, a Thiene, nel Vicentino, l'8 novembre...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155