I VOTI DI STAGI. GILBERT: UN PRINCIPE PER LA REGINA

I VOTI DEL DIRETTORE | 14/04/2019 | 18:24
di Pier Augusto Stagi

di Pier Augusto Stagi   -

Philippe GILBERT. 10 e lode. Era dai tempi di Sean Kelly (corridore immenso l’irlandese, voto 11) che non c’era un protagonista del nostro tempo capace di vincere quattro Monumenti su cinque. Monumentale Gilbert, che a 36 anni si porta a casa, dopo Fiandre, Liegi e Lombardia un’altra gemma da mostrare nella sua personalissima collezione di preziosi. Un principe per la “Regina”. Un principe del pedale che dà lustro a se stesso, ai lupi affamati di Lefevere (voto 12) e a tutto il movimento. Vince con forza e acume tattico. Perfetto in ogni fase della corsa: e che corsa. Da far vedere e rivedere nelle scuole di ciclismo. Lucidità tattica, quel sano senso di egoismo, che poi è rivelatore di forza. Lampaert attaccato, staccato, ma chi ne ha di più? Chi sta meglio? Chi ha quel qualcosa in più? Il principe che, in questo caso non cerca moglie, ma una “Regina”, da stringere all’arrivo. Sarà pure una donna di pietra, ma che fascino.

Nils POLITT. 9. Il 25enne corridore tedesco della Kastusha Alpecin, quinto al Fiandre e settimo alla Roubaix di un anno, fa conferma d’essere atleta avvezzo a questo tipo di competizioni. Le ha nelle corde. Sono cosa sua, su questo non ci sono dubbi. È “solo” secondo, ma ha tutto per colmare il gap nei prossimi anni. Su questo credo che non ci siano dubbi.

Yves LAMPAERT. 8. Il campione del Belgio fa corsa d’avanguardia, sempre nel vivo dell’azione, ma nulla può davanti allo strapotere del suo compagno di squadra, del Principe delle Ardenne, il vallone di Verviers Philippe Gilbert. È terzo, ma va bene anche così

Peter SAGAN 5,5. Perfetto fino a 20 km dal traguardo, quando molti lo vedono chiaramente favorito per il successo finale. Poi si spegne la luce, e c’è ben poco da dire. Arriva quinto: per lui è un insuccesso, per noi italiani sarebbe stata tanta roba.

Florian SÈNÈCHAL. 7,5. Ottima prova del 25enne francesino della Deceuninck-Quick Step. È uno specialista delle classiche del Nord, è il nuovo che avanza: e lo fa spedito.

Mike TEUNISSEN. 7,5. Interessante anche questo 26enne ragazzo olandese che viene dal cross. Buonissimo settimo posto per l’uomo del Team Jumbo-Visma: lo rivedremo.

Zdenek STYBAR. 4. Un ottavo posto che è davvero poca cosa per chi da settimane è sempre dato tra i grandi favoriti, se non il favorito assoluto. Anche oggi, come domenica scorsa al Fiandre, è il vero sconfitto di giornata.

Evaldas SISKEVICIUS. 6,5. Ha 30 anni il lituano della Delko-Marseille Provence-KTM. Ama lo sterrato, visto che viene della mtb, e si porta a casa un ottimo piazzamento nei dieci.

Sep VANMARCKE. 5. Il 30enne corridore belga della EF Education First non vive una giornata felicissima, a alla Roubaix si deve mettere in conto il fatto che di situazioni negative ce ne sono parecchie. Lui però non è baciato da una giornata super.

Stefan KUNG.  6,5. Il 25enne svizzero della Groupama è un passista eccezionale, e come tale si conferma. Decimo all’arrivo: è un punto di partenza.

Greg VAN AVERMAET. 4. Assieme a Stybar è il grande sconfitto. Corre con il vento in faccia, fin troppo. Sempre ad inseguire, con trenate folli più di rabbia che di testa. Ha esperienza da vendere, ma oggi non si percepisce. Vince il nervosismo.

Oliver NAESEN. 5,5. Non vive una giornata di luce, piuttosto in ombra.

Henrich HAUSSLER. 5,5. Il corridore del Bahrain Merida lotta con tutte le sue forze, ma non raccoglie molto.

Arnaud DEMARE. 5. Chi l’ha visto?

Dylan VAN BAARLE. 4. Squadra molto distratta, anche nel momento della prima fuga vera di giornata. Poi mai nel vivo della corsa.

Wout VAN AERT. 5,5. Nella Foresta è rallentato da un guasto meccanico, cambia la bicicletta con un compagno di squadra e rientra da campione, prima di fermarsi nuovamente per prendere la bici di scorta e malamente finire per le terre: non bene per uno che ha motore, ma deve imparare a gestirsi meglio, con meno foga e esuberanza. Alla fine non ha più benzina: strano…

Alexander KRISTOFF. 5. Non è risparmiato dalla malasorte. Gliene succedono di ogni, ma pare poco reattivo. Giornata no

Daniel OSS. S.V. Cade quando al traguardo mancano più di cento chilometri. Dopo aver contribuito per due anni consecutivi a portare al successo il proprio capitano (Van Avermaet prima e Sagan poi) questa volta i piani - e lui – saltano per aria.

Davide BALLERINI. 6,5. È alla sua prima Roubaix ed è il primo degli italiani: 31° a 4’25” da Gilbert. Corre con grande intensità e generosità. Nel finale è ancora lì con i migliori, poi paga la fatica: se la paga Sagan, figuriamoci lui.

Matteo TRENTIN. 5,5. Il campione d’Europa non è fortunatissimo, soprattutto in occasione della fuga dei ventitré che lo vede in avanscoperta. Poi buca, deve cambiare la bici, perde tanto per colpa del cambio ruote, ed è costretto ad inseguire e nel finale paga dazio e si dissolve come polvere di carbone.

Gianni MOSCON. 4. Lo sapevamo che non era in palla, che non avrebbe avuto alcuna chances, ma si sperava in qualcosa di più: arriva 84° a 15’51”

Edoardo AFFINI. 6,5. Il 22enne ragazzo mantovano porta a termine la sua fatica. Arriva novantanovesimo a 24’12”: ma arriva

Filippo FORTIN. 6. Ultimo posto per il 30enne veneziano. Centesimo a 27’17”. Ma per il corridore della Cofids arrivare al velodromo è già molto

Joseph ARERUYA. 7. Giornata storica per il 23enne ruandese di Kigali, che quest’oggi in maglia Delko Marseille ha regalato all’Africa la prima partecipazione nella “Regina delle classiche”. A cento chilometri dal traguardo assapora anche l’amaro della caduta. Ma questa corsa è paradigma della vita: la differenza la fa solo chi ha la forza di rialzarsi.

Michael GOOLAERTS. 28. È stato ricordato nel secondo tratto, quello da Briastre a Viesly, da quest'anno a lui intitolato. Il ventitreenne belga che in quel settore perse la vita lo scorso anno a causa di un malore, non è stato dimenticato. La “Regina è inferno, ma anche paradiso.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
pagelle
14 aprile 2019 21:25 fulvio54
Completamente in disaccordo con il direttore Stagi a proposito del voto a Van Aert. Il belga si merita invece, a mio parere, quantomeno un 7. Ha avuto parecchi problemi
ma ha dimostrato di essere un grande corridore. Questo ragazzo nei prossimi anni la Roubaix la vincera' sicuramente.

Sep Vanmarcke
14 aprile 2019 23:32 GiuseppeGobbi
Direi corra per la Ef non per la lotto visma

VANMARCKE ???
15 aprile 2019 07:25 ERIO
ma controllare prima, no ??? corre per la EF...

pagelle
15 aprile 2019 08:32 Anbronte
Forse Stagi non ha visto la corsa, Vanmarcke 5? È arrivato quarto, è sempre stato nel vivo della corsa. E per finire corre nella EF è non nella Visma

VANMARCKE
15 aprile 2019 09:17 ERIO
non ammettere l errore e' patetico, come cancellare i post, o sbagliare il voto a Van Aert...

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

È la svizzera Marlen Reusser a salire sul gradino più alto del podio della prova a cronometro degli European Games. L'elvetica ha nettamente sbaragliato il campo precedendo l'olandese Chantal Blaak e la britannica Hayley Simmonds. Non brillante la prestazione di...


La Lotto Soudal ha ufficializzato la sua formazione per il prossimo Tour de France: al via da Bruxelles ci saranno Tiesj Benoot, Jasper De Buyst, Thomas De Gendt, Caleb Ewan, Jens Keukeleire, Roger Kluge, Maxime Monfort e Tim Wellens. Il...


La AG2R LA MONDIALE continuerà ad investire nel ciclismo fino al 2023 e proseguirà quindi l asua avventura - iniziata nel 1997 - al fianco del team guidato da Vincent Lavenu. «A pochi giorni dall'inizio del Tour de France 2019,...


Una settimana all’insegna del tricolore sulle strade della Toscana. Domani con partenza a Camaiore e arrivo a Corsanico si terrà il campionato italiano a cronometro maschile categoria under 23 su un percorso di 20 km. Giovedì 27 giugno con partenza...


Siete dei nostalgici? Vi manca lo stile dei prodotti anni ’60 e ’70? Tranquilli,  ci pensa fi’zi:k con le nuove Tempo Overcurve R5 1969,  calzature moderne e performanti dotate di un aspetto iconico che riporta direttamente alle competizioni corse in...


È una giornata calda e assolata ad Ulrichen, sede di partenza e di arrivo dell’ultima tappa del Tour de Suisse 2019. Tre importanti salite aspettano i corridori al termine delle quali Egan Bernal verrà poi incoronato vincitore dell’edizione di quest’anno....


Noi non sappiamo an­cora, oggi che scriviamo, chi avrà vinto il Giro del 2019. Curio­sa­mente, per quella supremazia del maggior diritto che certe volte ha il lettore, voi che leggete que­sto testo, lo avrete già co­nosciuto. Un bel vantaggio, certo,...


Mezzo assiderato, inferocito, felice, stordito. Giu­­lio Ciccone taglia il traguardo urlando, strap­pandosi anche quel poco che ha addosso, gli occhiali, e battendosi il petto, quel cuore che andava troppo veloce ma non gli ha impedito di domare il terribile Mortirolo...


Dopo gli annunci di Galeotti, Crescioli, Bozicevich, Brugnoli e Coltelli  quest'oggi il team manager Christian Castagna annuncia l'arrivo di altri due atleti di ottimo spessore. Arrivano infatti dalla Polisportiva Milleluci di Casalguidi la coppia Lorenzo BOSCHI e Lorenzo GIORDANI, atleti...


Grande vittoria per Sidi con Egan Bernal al Tour de Suisse. Un successo cercato e fortemente voluto quello del giovane talento colombiano, costruito con la vittoria nel tappone con arrivo in salita sul passo San Gottardo. Dopo il successo alla...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy