GANNA, PENSIERI MONDIALI E SOGNI OLIMPICI

PROFESSIONISTI | 06/03/2018 | 11:23
Campione del mondo a 19 anni. E di nuovo a 21. Filippo Ganna, più bella la prima volta o la seconda?
«Uguale. E’ sempre un Mondiale».

Non si dice sempre che rivincere sia più difficile?
«Infatti l’anno scorso ho ciccato».

Come ciccato? Ha vinto la medaglia d’argento.
«Il secondo è il primo degli sconfitti. Se vai con l’intenzione di vincere e arrivi secondo hai ciccato. Io punto in alto».

Bravo, ci serve così a Tokyo.
«Confesso che ho già cominciato a pensarci. E’ uno dei miei obiettivi. Magari nel ciclismo vale di più una classica, ma come sportivo vedo le Olimpiadi come il massimo».

A Rio col quartetto vi ripescarono all’ultimo momento. Così vi siete persi un po’ l’atmosfera.
«Sì, infatti. Siamo arrivati di corsa, abbiamo gareggiato e siamo tornati a casa, come in una qualunque prova di coppa del mondo. Ci rifaremo alla prossima. Sempre che riusciamo a qualificarci».

Quinti a Rio senza neanche prepararvi, e due volte di bronzo agli ultimi Mondiali. Vuole scherzare?
«Finchè non mi arriva la lettera...».

Suo padre era un canoista, ha fatto le Olimpiadi. Ne parlate mai?
«Veramente in genere è lui che mi chiede del ciclismo, più che il contrario. Ogni tanto sfioriamo l’argomento, niente più».

Allora ne avrà parlato con Viviani. Le ha raccontato cosa si prova a vincere un oro?
«Veramente no, gli ho solo fatto i complimenti, e lui mi dà tanti consigli. Ma non gli ho proprio chiesto dell’oro».

Quanto ha preparato il Mondiale?
«In pista poco, giusto l’ultima settimana. Dovevo lavorare per la strada, e poi cerco di mettere assieme le due discipline. Si può fare benissimo tutto, una cosa aiuta l’altra. Basta metterci passione. Come quando andavo e tornavo da Montichiari con la mia vecchia macchina a benzina: consumava più lei in un giorno che io in tutta la stagione su strada».

Nella sua testa è un pistard o un corridore da strada?
«Ancora non lo so. Ho soltanto 21 anni, è presto. Finché ce la faccio non scelgo».

Da domani si torna alla strada, alla Tirreno correrà per Aru. Ma in gennaio, in Argentina, è stato lei il leader della UAE. Che effetto fa?
«Abbastanza strano, di solito ero sempre io a tirare per gli altri. Però mi è piaciuto farmi coccolare».

Poi andrà al Nord a correre le classiche. Due anni fa vinse la Parigi-Roubaix Espoirs. Che cos’è la Roubaix?
«E’ una cosa diversa dal ciclismo. Mi ricordo poco, soltanto gli ultimi chilometri, la fatica, il mal di gambe».

Il pavè le piace?
«Con moderazione. Quando è troppo stufa».

Ma allora cosa le piace della Roubaix, il velodromo?
«Anche quello, sì. E’ poi è una corsa animalesca, la fai col coltello fra i denti, sei tu con la tua bici. Ci vuole tanta fortuna».

E’ la corsa che guardava anche da ragazzo, in tivù?
«Dico la verità: non ho mai seguito tanto il ciclismo. Anche adesso mi collego negli ultimi chilometri, quando scatta la bagarre».

Ha votato?
«No, non avevo seguito e non volevo fare un ripassino veloce all’ultimo. Prima voglio capire bene».

Legge?
«Poco. I libri mi davano fastidio anche a scuola. Preferisco ascoltare la musica».

Quale musica?
«Tutta, dalla classica al rap, anche le canzoni di Sanremo. Ho le mie playlist multiple».

Al cinema ci va?
«Quando sono a casa, qualche volta, per fare contenta la mia ragazza. Ultimamente ho guardato le serie tivù».

Quali?
«Narcos, Gomorra, Suburra».

Un tipo romantico, la sua ragazza sarà contenta.
«Carlotta è peggio di me, lei guarda gli horror. Io sono più tenero».

Porta gli occhiali. Quando corre usa le lenti a contatto?
«Ho cominciato quest’anno, sono lenti spagnole, più sottili del normale. Me le fa avere un ottico di Varese. L’impatto è stato buono, poi mi sono accorto che cambiavo la postura, e dopo mi serviva l’osteopata. Così ai Mondiali non le ho messe».

E come ha fatto?
«Tanto la pista la conosco. E poi alla fine non avrei visto niente comunque, dopo tutta quella fatica arrivo annebbiato».

Alessandra Giardini, dal Corriere dello Sport
Copyright © TBW
COMMENTI
Messag
6 marzo 2018 12:43 BARRUSCOTTO
Ciao grazie per le emozioni che ci dai eisiste un recort dell ora under 23 se si provaci

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il grande giorno si sta avvicinando e a Laigueglia è ormai tutto pronto per la gara che, il prossimo 3 marzo, aprirà il calendario professionistico in Italia. Il Trofeo Laigueglia, che quest’anno festeggerà la sua cinquantottesima edizione, vedrà al via...


Possono partire le richieste per il riconoscimento del credito d’imposta introdotto dal decreto “Agosto” a vantaggio di chi investe in campagne pubblicitarie, comprese le sponsorizzazioni, a favore di leghe e società sportive professionistiche e di società e associazioni sportive dilettantistiche....


Ripartire dalle eccellenze, da un evento all’aria aperta, per guardare con ottimismo al futuro e alle sfide della sostenibilità. Open Bike Fest, l’evento sulla bicicletta in programma dall’11 al 13 giugno prossimo...


Ancora Sam Bennett, ancora festa Deceuninck Quick Step. L’irlandese è il velocista più forte dell’UAE Tour e conquista il successo anche nella sesta tappa della corsa, la Deira Island-Palm Jumeirah di 165 km. Bel secondo posto per Elia Viviani -...


La Work Service Marchiol Vega targata 2021 si appresta a scendere in strada per affrontare le prime sfide della nuova stagione. Ad aprire il nuovo anno agonistico saranno due classiche del calendario nazionale come la Coppa San Geo e la...


Questa mattina Open Bike Fest vivrà il suo primo momento ufficiale. Alle ore 11.30, il nuovo evento sulla bicicletta in programma a Treviso (11-13 giugno) verrà presentato con uno speciale in streaming, con diffusione sui canali Facebook e Youtube di Open Bike Fest.   Il Presidente di Open Bike Fest Luca Businaro e...


Tutto pronto per la stagione 2021. Da oggi è online il nuovo sito del Team Colpack Ballan: www.teamcolpack.it portale che è un riferimento per tutti i tifosi del sodalizio bergamasco che potranno trovare le informazioni relative alla società, agli atleti, lo staff...


SHIMANO sarà ancora una volta al fianco del Team belga Deceuninck-Quickstep dopo una campagna 2020 di grande successo. L'accordo è un'estensione della partnership di lungo termine esistente tra Shimano e Deceuninck-Quick-Step. Shimano fornirà componenti di prima classe al team oltre...


Il C.O. del Colnago Cycling Festival ha deciso di posticipare la data al 17, 18, 19 Settembre 2021. La decisione è stata, ancora una volta, sofferta, ma necessaria e siamo a comunicarvelo in anticipo per dar modo a tutti di riorganizzare...


Sabato 27 febbraio è il giorno in cui le maglie della A.R. Monex Liv Women's Pro Cycling Team faranno ufficialmente il proprio debutto nel gruppo del ciclismo femminile: la squadra presieduta da Maurizio Fabretto aprirà la stagione agonistica 2021 sulle...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155