Scripta manent
Propongo il Memorial Bardelli

di Gian Paolo Porreca

Avrebbe compiuto 81 an­ni, il 3 di questo mese, Renzo Bardel­li, l’uomo politico e l’uomo di ciclismo di Pistoia, scomparso il 2 marzo scorso. Avrebbe visto un’altra primavera di classiche, vissuto un altro Giro, e voluto ispirare certo un’altra edizione del suo Memorial “Giam­pao­lo Bardelli”, creato nel 1985 in onore del fratello scomparso, e riservato in una prima fase al ciclismo dei dilettanti emergenti, e dal 1998 riservato invece - unica iniziativa del genere, nel mondo - a quanti si fossero prodigati a diffondere una visione etica dello sport, e in particolare del suo e no­stro tanto amato ciclismo. Dal 1998, appunto, in quella stagione miliare di non ritorno dalla lotta al doping... Già, Renzo Bardelli, e il suo ciclismo beneamato, e “ma­­leamato” in quegli anni da troppi primattori: atleti di­rettori sportivi medici sociali.

Renzo Bardelli è an­dato via, e abbiamo aspettato questa ri­cor­renza e questa occasione per scriverne, e ringraziarlo. Pensare che l’avevamo conosciuto nel 1983, da sindaco di Pistoia, al Premio Ceppo di narrativa, e l’avremmo poi rincontrato, negli anni ’90, lui intellettuale di buone letture civili, su un’altra frontiera di civiltà: lo sport e la morale.
Senza dicotomie, senza frizioni, senza opportunismi Renzo Bardelli - e saremo brevi - era questo. Una persona tutta di un pezzo, senza flessioni, capace di andare via da una formazione politica (il PCI) quando in essa non si sarebbe più riconosciuto e capace di guardare im­pietoso nel suo mondo prediletto (il ciclismo) quando ne avrebbe colto - Gene­ra­zione EPO - la deriva.

Renzo Bardelli è an­dato via, e per la pri­ma volta abbiamo oggi riaperto la galleria delle edizioni del suo Memorial, sfogliato le brochure e rivisto quanto di importante vi sia stato scritto. Nel nome dello sport, e lo ripetiamo fi­no a stancarci, del ciclismo migliore, quello dei non le­stofanti.
Pensiamo, alla rinfusa, e re­stiamo in questa scrittura og­gettivi, perché riguardare a Bardelli è di per sè una vertigine culturale, a Walter Po­lini, il medico ex-ciclista che puntò l’indice contro l’EPO di squadra, a Rosello e Giu­liana Frigo, i genitori di Da­rio, a Giuliana Salce, a Fla­vio Alessandri, a Mauro Sa­lizzoni, anche ai NAS di Fi­renze, perdonateci, al cardinale Luigi Tettamanzi, a Iva­no Fanini, a Silvio Garattini, a Mario Zorzoli, a Carlo Petrini, a Françoise Lasne, in ricordo di Jacques De Ceaur­riz, per il laboratorio francese di Chatenay - Ma­la­bry... Ai tanti giornalisti, tecnici, scrittori, ciclisti in attività o meno che sul palco di quella manifestazione, che diventò poi un appuntamento di amici, un Capodanno di valore non occasionale, si sono succeduti: per un riconoscimento, un applauso, un titolo di merito.

E Renzo Bardelli - scusateci adesso - non ci è parso che dal ciclismo in senso lato sia stato an­cora degnamente onorato e illustrato. Non ci fa velo l’af­fetto personale, è un testo questo a ciglio asciutto, con il freno del batticuore tirato, perché sia compreso senza ermetismi da tutti.
Nel riguardo di una persona che il ciclismo lo ha amato nella gioia e nel dolore estremamente - “estremamente”, già, come avrebbe detto Adria­no De Zan - sarebbe davvero cosa buona e giusta che le istituzioni del ciclismo nazionale, se non proprio il CONI, istituissero un riconoscimento almeno per un un ricordo, o ancor più per coniugare nel tempo la sua autentica passione. Au­ten­ti­ca, e non di comodo. Che sia adesso dedicato a lui, dall’anno che verrà, senza più il limite di un caro nome proprio, il “Memorial Bardelli”.
Copyright © TBW

Grande spettacolo sulle salite dell'Algarve per la seconda tappa della corsa portoghese, da Sagres ad Alto da Foia. A conquistare il successo è stato Remco Evenepoel che con un scatto bruciante ai 600 metri ha conquistato tappa e maglia di...


Gonzalo Serrano centra il primo successo della sua carriera imponendosi sul traguardo della seconda tappa della Vuelta Andalucia. Il portacolori della Caja Rural RGA si è esaltato sulla salita finale che portava alla linea d'arrivo di Iznajar attaccando ad un...


Chris Froome è uno dei personaggi più indecifrabili e affascinanti dei nostri anni. Quattro Tour de France, un Giro d’Italia e una Vuelta di Spagna: vittorie, attacchi epici, scene memorabili e un’autentica rivoluzione che lo ha proiettato nell’olimpo del ciclismo...


La famiglia della Zalf Euromobil Désirée Fior si allarga: la notizia arriva alla vigilia del debutto su strada e aggiunge ancora più entusiasmo nel clan presieduto da Gaspare Lucchetta ed Egidio Fior. A completare la rosa 2020, infatti, sono due atleti Under 23 dal pedigree decisamente...


Parla estone la prima tappa del Tour of Antalya. Ad aggiudicarsi la volata serrata è stato Mihkel Räim della Israel Start-Up Nation, unica formazione WorldTour al via, bravo ad anticipare Marko Kump (Adria Mobil) e Kenneth Van Rooy (SportVlaanderen-Baloise). Tra...


L’UAE Team Emirates ha annunciato la selezione di corridori che parteciperà, dal 23 al 29 febbraio all’UAE Tour (2.WT), con ambizioni sia per le volate che per le tappe con salite. Con 10 successi già all’attivo nel 2020, la formazione...


All’Upcycle Cafè di Milano – e dove, sennò? – è stata oggi presentata ufficialmente la stagione 2020 degli Internazionali d’Italia Series, sponsorizzati da realtà di prim’ordine come Shimano e Northwave. Dal 2000 principale circuito italiano di Mountain Bike, anche quest’anno...


Un rinnovo da record, quello di Luke Rowe, che ha firmato con il team INEOS un accordo per le prossime quattro stagioni. Spiega il corridore britannico: «Ovviamente questa nuova estensione del contratto mostra molto impegno da parte mia e del team....


Stasera alle 20.30 secondo appuntamento stagionale con «Ciclismo Oggi» su Teletutto: il menu si annuncia decisamente ricco con la presentazione di tre grandi squadre come la Iseo Serrature Rime Carnovai Sias, la Colpack Ballan e la Casillo Petroli Firenze Hopplà....


Il 2020 è iniziato con un convincente quinto posto al Trofeo Laigueglia e adesso Lorenzo Rota non ha intenzione di fermarsi. Il 24enne bergamasco è stato tra gli ultimi a trovare squadra nella sessione invernale di ciclomercato, accasandosi con la...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155