Il Cobra è pronto a colpire

di Valerio Zeccato

Con la maglia tricolore, conquistata a Imola domenica 20 giugno, sulle spalle Son­ny Colbrelli si appresta ad affrontare due importantissimi impegni: l’Europeo “in casa” domenica 12 settembre a Trento e il Mondiale in Bel­gio domenica 26 dello stesso mese. Il trentunenne bresciano di San Felice del Benaco (sulla cosa ovest del Lago di Garda), portacolori della Bahrain Victorius ha mes­so nel mirino i due impegni con la ma­glia azzurra e si sta preparando per arrivarci nella migliore condizione.
Sulle strade del Trentino ti presenti da campione italiano con la possibilità di regalare all’Italia il poker di vittorie continentali consecutive dopo quelle di Matteo Trentin nel 2018, Elia Viviani nel 2019 e Gia­como Nizzolo nel 2020. Come ti approcci a quest’Europeo?
«Ho visto il percorso sulla carta ma non l’ho an­co­ra visionato sul posto. Di­ciamo che a grandi linee lo conosco in quanto dicono che ricalca quello del Trofeo De Gasperi per Under 23 che ho vinto da dilettante (Sonny si aggiudicò la corsa nel 2010, superando Matteo Trentin, ndr). So che c’è da affrontare la salita del Monte Bondone che è impegnativa anche se verrà fatta dal versante meno duro, forse sarà più problematica la discesa molto tortuosa nella quale, se qualcuno prenderà decisamente l’iniziativa, potrà fare danni. C’è però da dire che mancheranno mol­ti chilometri al traguardo (in totale la prova in linea ne misura 179, ndr)e quindi non sarà facile riuscire a compiere già l’azione decisiva. Il tracciato consente, a chi vuole evitare lo sprint, di trovare il terreno adatto per farlo, qualche Na­zio­ne potrebbe prendere in mano la situazione per fare la selezione sfruttando salita/discesa e partendo da lontano. Il percorso mi piace e mi si addice, ci credo e sto lavorando per arrivarci bene. Sarò in corsa col tricolore sotto la maglia azzurra e quindi ancora più motivato e stimolato».
Il Mondiale da Anversa a Lovanio in Belgio, al centro delle Fiandre, sarà tutta un’altra cosa a cominciare dal chilometraggio di 267 km. Nel 2017 ti sei aggiudicato la Freccia del Brabante più o meno sulle stesse strade. È un segnale importante…
«Qui è un’altra storia. Prima di tutto ci sono un centinaio di km in più dell’Eu­ro­peo e le cose cambiano a prescindere dal percorso. Poi parliamo del Mon­dia­le e quindi ci saranno altri corridori, tutti i migliori, e tutti sanno che conquistare la maglia iridata ti cambia la vita. Il percorso è un mix tra Giro delle Fiandre e strappi in pavé, si passa dall’asfalto normale allo sterrato dove si fa la differenza. Sarà sicuramente una gara da affrontare sempre davanti, altrimenti rischi di rimanere tagliato fuori perché inseguire e rientrare è difficile. Mi piace correre su questi percorsi e in queste situazioni, ho vinto il Brabante che è molto simile come tracciato, bisognerà arrivarci al 100% della condizione. Sono sicuro che l’Italia sarà al via con una squadra molto for­te, con i vari Trentin, Bettiol, Moscon, Ballerini e altri che vanno forte e sa­pranno bene figurare».
Dall’Europeo al Mondiale passeranno solo 14 giorni: come mantenere la condizione giusta?
«È una scelta importante. Vediamo se sarà il caso di andare ancora in altura oppure fare altre corse per mantenere il tono muscolare e lo spunto veloce. De­cideremo dopo Trento».
Cosa è cambiato nella vita di Sonny Col­brelli dopo il trionfo tricolore?
«Mi chiedono più fotografie e autografi! (e sorride soddisfatto, ndr). Per il resto non è cambiato assolutamente nulla: sono sempre il corridore di pri­ma, è cambiato il colore della maglia, questa mi piace tantissimo e spero di onorarla al meglio. Biancorossoverde è bellissimo, ma vorrei cambiarlo con il colore dell’iride...».
Si dice che “vincere lo scudetto” pesa mol­to perché bisogna difenderlo tutto l’an­no. Il Sonny solare che abbiamo conosciuto in questi anni sente questa “pressione”?
«No, l’importante è essere tranquilli e cercare di dare sempre il 100% quando firmi il foglio di partenza. Non mi cambia la vita: io sono così, vado alle corse come andavo prima, non sento alcun peso addosso. Se lo fai, finisci per metterti strane idee nella testa e ti blocchi. Al Tour de France, subito dopo aver vinto l’Italiano, sono andato tranquillo, non ho vinto ma la maglia tricolore penso che si sia vista spesso...».
A proposito del Tour, hai sfiorato la vittoria arrivando secondo a Saint-Gaudens e terzo a Tignes, oltre ad altri buoni piazzamenti. A bocce ferme hai qualcosa da rimproverarti?
«Un po’ di rammarico c’è, potevo davvero arrivare a conquistare un successo al Tour. Magari ho perso l’occasione nelle poche tappe adatte alle mie caratteristiche, forse ho perso l’attimo giusto. Ma se non ho vinto è principalmente perché in quelle tappe c’era chi andava più forte di me: il ciclismo è così!».
Il ct Davide Cassani è stato al centro di un “caso”, ora sappiamo che rimarrà nel suo ruolo fino all’appuntamento iridato. Come hai vissuto la situazione?
«Sono contento che Davide ci sia fino alla fine: c’è sempre stato un buon rapporto tra di noi. Certo, la Federazione giustamente fa le sue scelte, i rinnovamenti sono cose che esistono da sempre. Ma era importante che si concludesse insieme il percorso intrapreso, cambiare adesso non mi sembrava cosa giusta».
A proposito di cambiamenti, i rumors dicono che Sonny Colbrelli potrebbe vestire i colori dell’Astana la prossima stagione. Che c’è di vero?
«Nulla. Ho il contratto con la Bahrain Victorius ancora per due anni e non mi muovo. Sì, mi hanno cer­cato diverse squadre non lo nego, ma io resto dove sono».
È proprio vero, con il tricolore addosso o senza Sonny Colbrelli resta lo stesso: so­lare, niente giri di parole, le cose bel­le chiare e sicure. E questa è una grande garanzia di questi tempi!

Copyright © TBW
TBRADIO

00:00
00:00
Madrid, ore otto di una serata invernale. Nella hall di un hotel vicino all’aeroporto di Barajas, Fabian Cancellara chiacchiera con alcuni membri dello staff della sua Tudor. Uno scambio di saluti si trasforma in un’occasione per scambiare qualche battuta, per...


È passato un anno da quella volata a due tra Demi Vollering e Lotte Kopecky in  Piazza del Campo. È passato un anno e l’olandese e la belga tornano in Italia per battagliare e dare spettacolo assieme alle altre 142...


L’Union Européenne de Cyclisme e il marchio di abbigliamento da ciclismo Alé pedaleranno ancora insieme fino al 2029. Il prolungamento dell’accordo tra la confederazione continentale e il prestigioso brand italiano è stato siglato questa mattina tra il presidente UEC, Enrico Della Casa,...


Red Bull Junior Brothers, il programma globale di talent scouting su strada lanciato da Red Bull in collaborazione con BORA - hansgrohe, annuncia il suo attesissimo ritorno per la stagione 2024. Dopo il successo del suo anno d'esordio, il programma...


È nato poco dopo la mezzanotte all'ospedale di Treviglio Diego, figlio di Marta, seconda genita di Mirella e Adriano Baffi. Il piccolo - 3, 3 kg - sta bene, così come mamma Marta e il papà Cristian Siciliano è chiaramente...


L’offerta proposta da Fizik in questi giorni è davvero interessante e si basa su pacchetti “convenienti” che vi permettono di acquistare in una sola soluzione scarpe, nastro manubrio e sella usufruendo di sconti che arrivano fino al 20%. Se vi fate due conti...


Autonomia, peso ridotto, supporto di potenza completo. Rispetto al passato, i ciclisti di oggi vogliono molto di più dalle loro mountain bike a pedalata assistita e, come spesso succede, il miglior compromesso è non scendere a compromessi. Per ottenere una...


Tutto esaurito a Siena per il weekend di Strade Bianche, la Classica delle crete, che ogni anno incanta il pubblico di tutto il mondo con il suo percorso avvincente, che diventa teatro di guerre spietate combattute a colpi di pedale....


Si avvicina la storica partenza del Tour de Frane dall'Italia e dagli archivi eerge la storia di una corsa unica che ha legato i due Paesi: la 17a edizione della Parigi-Nizza, infatti, ha portato il gruppo da Parigi... a Roma...


Da fuori sembra un’immensa astronave adagiata nella pianura di una campagna asciutta e gelida a due pas­si da Bergamo e a uno da Treviglio, sotto un cielo color dell’orzata. È imponente questa struttura che si distende e si estende in...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi