TOUR DE FRANCE 2022. HOULE VINCE IN SOLITARIA
Partenza da Carcassonne, traguardo posto a Foix dopo 176,5 km
Copyright © TBW
17:08
Per cronaca e classifiche, seguiteci ora sulla home del nostro sito: grazie per averci seguiti, e non perdiamoci i tapponi decisivi del Tour de France 2022!
17:07
Volata a tre per il podio: Madouas precede Woods, Jorgenson sfiancato dal forcing post-caduta fuori dal podio
17:06
Madouas intanto è rientrato su Jorgenson e Woods!
17:05
VINCE HUGO HOULE (ISRAEL PREMIER TECH) CON DEDICA AL CIELO PER PIERRICK
17:03
Ultimi 2 chilometri! Ci siamo...
16:56
Jorgenson caparbiamente ritorna su Woods: la vittoria di tappa sarà sicuramente di Houle, ma il secondo posto è tutt'altro che scontato
16:55
9 km all'arrivo
16:54
Gaudu si ricompatta intanto al gruppetto maglia gialla: che discesa!
16:52
Cade Jorgenson in una curva a sinistra! A questo punto si prospetta una doppietta Israel, nonché doppietta Canada
16:50
Houle dieci anni fa ha perso il fratello Pierrick, ucciso da un automobilista che guidava in stato di ebbrezza mentre faceva jogging: i due guardavano insieme il Tour da ragazzi, oggi Hugo potrà dedicare al fratello questa vittoria
16:48
Due volte campione canadese a cronometro, Hugo Houle al di fuori di questi titoli nazionali non ha mai vinto una corsa: oggi si sta avviando verso un trionfo di tappa al Tour de France!
16:46
A 18 km all'arrivo: Hugo Houle ha oltre mezzo minuto su Jorgenson e Woods, e di seguito gli altri, mentre a 6'11'' si trova il gruppetto maglia gialla di Vingegaard-Kuss-Van Aert, Pogacar-McNulty, Thomas-Martinez, Quintana
16:45
Aggiornamento in lieve ritardo: IN QUATTRO ORE DI CORSA macinati 155 chilometri
16:44
Errata corrige: uno splendido Geraint Thomas rilancia e per intraprendere la discesa si riporta sul quartetto maglia gialla, avendo con sé pure l'ex fuggitivo Martinez
16:43
Per la discesa, il danese avrà con sé anche Van Aert, mentre lo sloveno troverà McNulty
16:42
Ancora devono arrivare alla sommità della salita Kuss, Vingegaard, Pogacar e Quintana (a 6'23'' da Houle)
16:40
Ora ci sono 24 chilometri in picchiata e poi spiana per i 2000 metri conclusivi a Foix
16:39
Tra gli ex fuggitivi, Vlasov ora conserva circa 5 minuti sugli uomini classifica: virtualmente sorpasserebbe solo Pidcock e Mas, issandosi al nono posto generale
16:38
Ultimo scollinamento per oggi: Hugo Houle passa in solitaria con 25'' di vantaggio su Matteo Jorgenson e Michael Woods
16:37
Salto di catena per Majka: ora tirano Vingegaard e Kuss, con solo Pogacar e Quintana a tenergli testa! Niente da fare per Thomas, Gaudu e Yates
16:36
Il gruppo maglia gialla: Bardet e Gaudu hanno perso le ruote degli altri big, solo Quintana e i due Ineos resistono
16:34
Passiamo davanti ora: bandiera bianca per Storer, a inseguire Houle restano Jorgenson (Movistar) e l'altro Israel Woods
16:33
Parecchi uomini in gruppo stanno perdendo terreno in questo Mur de Peguere: tra questi Froome, Bardet, Mas e Gaudu
16:29
Che bello vedere un Froome insieme al gruppo maglia gialla fino a questo punto!
16:28
Sguardo sul gruppo maglia gialla: la Movistar bella decisa a recuperare terreno su un Vlasov che ora è distante circa 6 minuti e mezzo da loro (quindi ancora tra la quinta e l'ottava posizione generale)
16:27
Due chilometri e mezzo di salitona ancora: Houle conduce con 43'' su Jorgenson, Storer e il compagno Woods, a seguire tutti gli ex fuggitivi superstiti e a 7'55'' il gruppo
16:26
... e infatti Caruso, Madouas e Gallopin perdono le ruote
16:25
Ma il tratto davvero duro è adesso...
16:24
Poi 1 minuto e mezzo su Vlasov, Teuns, Van Aert, Geschke, Burgaudeau e McNulty, e 8 sul gruppo maglia gialla
16:23
Hugo Houle (Israel Premier Tech) ha 50'' su Tony Gallopin (Trek Segafredo) che nel frattempo è stato riacciuffato da Damiano Caruso (Bahrain Victorious), Matteo Jorgenson (Movistar), Michael Woods (Israel, compagno di Houle), Valentin Madouas e Michael Storer (Groupama FDJ)
16:22
Dopo 6 km su 9 di scalata questa è la situazione:
16:17
L'azione del canadese ha spaccato la ex fuga
16:13
Al km 142 inizia l'ultima asperità di oggi: il Mur de Peguere, che rispetto alla precedente ha due chilometri in meno (9 km) ma un punto di pendenza in più (8%)
16:11
Sul finire della discesa, Hugo Houle attacca e fa il vuoto dietro a sé! Solo Tony Gallopin accenna a una risposta
16:09
Gruppo maglia gialla ridotto ormai a 16 unità: Jonas Vingegaard, Nathan Van Hooydonck e Sepp Kuss (Jumbo Visma), Tadej Pogacar e Rafal Majka (UAE), Geraint Thomas, Tom Pidcock e Adam Yates (Ineos), Romain Bardet (DSM) Nairo Quintana (Arkea Samsic), Nick Scultz (Bike Exchange), Chris Froome (Israel Premier Tech), David Gaudu (Groupama FDJ), Bob Jungels (Ag2r Citroen), Louis Meintjes (Intermarché Wanty Gobert) ed Enric Mas (Movistar) che in discesa è stato ripreso nonostante avesse trovato per un pezzo l'assistenza di Izagirre
16:08
Al netto degli ex fuggitivi, alcuni in "terra di mezzo" altri riassorbiti dalla pancia della corsa, questi 13 fuggiaschi hanno 7 minuti di vantaggio sul gruppo maglia gialla
16:06
Al km 39 ci sono 13 battistrada in discesa: Aleksandr Vlasov (Bora Hansgrohe), Mathieu Burgaudeau (TotalEnergies), Wout Van Aert (Jumbo Visma), Simon Geschke (Cofidis), Matteo Jorgenson (Movistar), Brandon McNulty (UAE), Tony Gallopin (Trek Segafredo), Damiano Caruso e Dylan Teuns (Bahrain Victorious), Michael Storer e Valentin Madouas (Groupama FDJ), Hugo Houle e Michael Woods (Israel Premier Tech)
16:05
Proviamo a ricapitolare una situazione scoppiettante, mentre in discesa alcuni inseguitori si sono uniti alla fuga
16:01
Scatto televisivo:
16:00
Non è una brutta idea: si tratta di una discesa parecchio impegnativa
15:59
Il gruppo scollina il Port des Lers... e Pogacar attacca ancora, nuovamente seguito da Vingegaard
15:58
Non sappiamo più dove guardare: nella fuga, Teuns si unisce al drappello di testa (dove ritrova il compagno siciliano)
15:57
E sono loro, sempre loro, i due protagonisti assoluti del Tour de France 2022: Pogacar e Vingegaard, scattati all'inseguimento dell'ambizioso Mas
15:55
Attacco anche di Pogacar, subito marcato da Vingegaard!
15:53
Mentre dal gruppo (a 8'20'' di distacco dai 7 di testa) attacca Enric Mas! Ma quante ne stanno succedendo su questa salita, e al termine della discesona ce ne sarà un'altra mica male...
15:52
A prendersi il GPM è stato Simon Geschke, che se dovesse prender punti pure sul Mur de Peguere blinderebbe o quasi la maglia a pois
15:51
Scollinamento al km 125: i 7 battistrada hanno 15'' su un gruppetto composto da Vlasov, Houle, Izagirre e Teuns, unici a reggere il ritmo dell'inseguimento alla sommità del Port des Lers
15:50
All'ultimo chilometro della salita, si ritrovano in 7 al comando: Damiano Caruso (Bahrain Victorious), Brandon McNulty (UAE), Matteo Jorgenson (Movistar), Michael Woods (Israel Premier Tech), Michael Storer (Groupama FDJ), Simon Geschke (Cofidis) e un pazzesco Wout Van Aert (Jumbo Visma)
15:46
Contrattacco fulmineo di Van Aert, Geschke, Jorgenson e McNulty, che lasciano lì Vlasov
15:44
Allora, a distanza, Aleksandr Vlasov risponde: il russo della Bora Hansgrohe, mette il turbo e spezza ulteriormente la fuga
15:43
In gruppo l'Arkea Samsic e la Movistar, ossia le squadre degli uomini classifica aggrappati alla top 10 generale, iniziano a tirare
15:42
3 chilometri ancora di salita (122 km della tappa, ne mancano 56.5 all'arrivo)
15:39
Al km 121 mancano 4000 metri di salita: Damiano Caruso (Bahrain Victorious), Michael Woods (Israel Premier Tech) e Michael Storer (Groupama FDJ) hanno 50'' di vantaggio su Vlasov, Powless, Madouas, Teuns, McNulty, Van Aert, Gallopin, Martinez, Houle, Geschke, Honorè, Wellens, Burgaudeau, Izagirre e Jorgenson
15:37
Intanto Storer e Woods si uniscono a Caruso
15:35
Questi 11 hanno quindi mollato la presa: Velasco, Owsian, Bouet, Le Gac, Eekhoff, Grossschartner (Vlasov quindi è senza compagno adesso), Gilbert, Bissegger, Gougeard, Barthe e Van Hooydonck che, se ne avrà la forza, potrà aiutare Vingegaard
15:33
50 secondi più indietro si trovano in 15: Aleksandr Vlasov (Bora Hansgrohe), Neilson Powless (EF), Valentin Madouas (Groupama FDJ), Dylan Teuns (Bahrain Victorious), Brandon McNulty (UAE), Hugo Houle (Israel Premier Tech), Wout Van Aert (Jumbo Visma), Mathieu Burgaudeau (TotalEnergies), Mikkel Honorè (Quick Step), Tim Wellens (Lotto Soudal), Tony Gallopin (Trek Segafredo), Dani Martinez (Ineos), Simon Geschke (Cofidis), Gorka Izagirre e Matteo Jorgenson (Movistar)
15:32
Dopo 5 chilometri di ascesa: Damiano Caruso (Bahrain Victorious) ha 15'' sui due Michael, Woods (Israel Premier Tech) e Storer (Groupama FDJ)
15:28
Torniamo sulla testa della tappa: Michael Woods e Michael Storer rilanciano l'inseguimento
15:26
Un accenno al gruppo e alla lotta per la classifica generale: se Pogacar ha un Soler in meno, la parità numerica nel plotone tra Jumbo Visma e UAE è al momento ristabilita dal fatto che l'ammiraglia giallonera non ha ancora richiamato uno tra Van Aert e Van Hooydonck
15:24
Con ancora dieci chilometri di salita, Caruso resta solo al comando con 12'' di vantaggio sugli altri 28
15:23
Le Gac desiste subito
15:21
Con Damiano Caruso e Olivier Le Gac che attaccano decisi!
15:20
Ed eccoci: inizia il Port des Lers
15:16
Il gap fuga-gruppo tocca gli 8 minuti: Vlasov insidia il podio generale adesso!
15:12
Immagine televisiva della fuga:
15:02
Invariata la situazione: è una fase di "quiete prima della tempesta", dato che mancano 13 chilometri all'imbocco del primo dei due GPM cat.1 che infiammeranno questa 16^ tappa
15:00
CENTO CHILOMETRI PERCORSI in 2 ore e 18 minuti
14:57
La corsa passa ora da Tarascon-sur-Ariège
14:49
Questi i 29 battistrada, scattati al km 3: Brandon McNulty (UAE), Mathieu Burgaudeau (TotalEnergies), Simon Geschke (Cofidis), Simone Velasco (Astana), Nils Eekhoff (DSM), Mikkel Honorè (Quick Step), Tony Gallopin (Trek Segafredo), Dani Martinez (Ineos), Wout Van Aert e Nathan Van Hooydonck (Jumbo Visma), Hugo Houle e Michael Woods (Israel Premier Tech), Damiano Caruso e Dylan Teuns (Bahrain Victorious), Aleksandr Vlasov e Felix Grossschartner (Bora Hansgrohe), Matteo Jorgenson e Gorka Izagirre (Movistar), Maxime Bouet e Lukasz Owsian (Arkea Samsic), Neilson Powless e Stefan Bissegger (EF), Alexis Gougeard e Cyril Barthe (B&B Hotels), Tim Wellens e Philippe Gilbert (Lotto Soudal), Michael Storer, Olivier Le Gac e Valentin Madouas (Groupama FDJ)
14:47
7 minuti e mezzo il vantaggio dei 29 fuggitivi sul gruppo, mentre si stacca vicino al carro-scopa Marc Soler: un uomo in meno per Tadej Pogacar?
14:46
Siamo a metà tappa!
14:42
DUE ORE DI CORSA, percorsi 86 chilometri
14:30
Ora Vlasov sarebbe sui 4 minuti di ritardo da Vingegaard in classifica, appaiato con Adam Yates al 4°-5° posto generale, scalzando Enric Mas dalla top 10
14:28
Al km 74 i 29 fuggitivi procedono a 52 km/h con 6'34'' sul gruppo
14:20
Al km 68 risate olandesi in testa alla fuga: tutti si aspettano che il traguardo volante di Lavelanet se lo prenda la maglia verde Wout Van Aert, invece spunta la sagoma di Nils Eekhoff che si aggiudica lo sprint e i due poi scherzano insieme
14:08
A conti fatti, solo Alpecin, Bike Exchange, Intermarché Wanty Gobert, Ag2r Citroen sono assenti da questo nutrito attacco
14:05
Tutti i team francesi, tranne l'Ag2r rimasta coi soli Jungels, Cosnefroy e Dewulf, sono nel fugone di giornata
14:02
I battistrada hanno 5'24'' sul gruppo: Vlasov, che in questa azione può contare sul prezioso aiuto di Grossschartner, continua ad avere un gap virtuale dimezzato (circa 5 minuti) in classifica da Vingegaard
14:01
Al km 54, proprio al termine del tratto in discesa e in avvio del lungo falsopiano, Gougeard viene ripreso e la fuga torna di 29 uomini
13:59
Ennesima fuga buona per la Israel, perfetta da questo punto di vista da inizio Tour
13:57
Questa 16^ frazione è da attaccanti, ed ecco in fuga alcune squadre "da vittoria di tappa" per eccellenza: la Quick Step con Honoré, la Trek Segafredo con Gallopin, la Lotto Soudal con i belgi Wellens e Gilbert (sempre bello vedere protagonista un veterano come lui all'ultimo anno di carriera)
13:55
Per quanto riguarda la maglia a pois: Geschke ha centrato la fuga per difendersi da Powless, che per provare a insidiarlo ha portato con sé Bissegger
13:53
Tutte le squadre degli uomini classifica (tranne l'Intermarché, che ci ha provato troppo tardi) hanno almeno un uomo in fuga: la Jumbo ha due super polmoni come Van Aert e Van Hooydonck; la Ineos ha Martinez che ormai è "uomo da avanscoperta" dello squadrone britannico; la DSM ha Eekhoff, la UAE McNulty; l'Arkea ha Bouet e Owsian; la Movistar Jorgenson e Izagirre; la Groupama addirittura il trio Storer-Madouas-Le Gac
13:51
Due gli italiani in fuga oggi, desiderosi di riscatto dopo essere rimasti un po' nascosti finora: Caruso (assistito da Teuns, vincitore della Freccia Vallone) e Velasco
13:48
I 28 inseguitori: Brandon McNulty (UAE), Mathieu Burgaudeau (TotalEnergies), Simon Geschke (Cofidis), Simone Velasco (Astana), Nils Eekhoff (DSM), Mikkel Honorè (Quick Step), Tony Gallopin (Trek Segafredo), Dani Martinez (Ineos), Wout Van Aert e Nathan Van Hooydonck (Jumbo Visma), Hugo Houle e Michael Woods (Israel Premier Tech), Damiano Caruso e Dylan Teuns (Bahrain Victorious), Aleksandr Vlasov e Felix Grossschartner (Bora Hansgrohe), Matteo Jorgenson e Gorka Izagirre (Movistar), Maxime Bouet e Lukasz Owsian (Arkea Samsic), Neilson Powless e Stefan Bissegger (EF), Tim Wellens e Philippe Gilbert (Lotto Soudal), Michael Storer, Olivier Le Gac e Valentin Madouas (Groupama FDJ) e Cyril Barthe compagno di Gougeard
13:47
Scollinamento: Alexis Gougeard (B&B Hotels) ha 1'08'' sugli inseguitori e 6'29'' sul gruppo
13:42
UN'ORA DI CORSA, percorsi 41 chilometri
13:40
I primi intraprendono ora il col du Bac
13:35
Scollinamento al km 37: Alexis Gougeard ha 53'' sui 28 inseguitori e 6'20'' sul gruppo che ha riassorbito Simmons e Matthews
13:33
Gougeard e il resto della fuga invece continuano a scappare con circa 6 minuti di vantaggio sul gruppo (ora Vlasov ha dimezzato il gap dalla maglia gialla in classifica)
13:32
Simmons e Matthews non sembrano farcela, il gruppo continua a guadagnare su di loro
13:31
Ancora due chilometri di scalatina, alla quale seguirà subito un'altra
13:27
E con la prima vera accelerata del gruppo in salita, una manciata di corridori si stacca in coda: non solo velocisti, ma anche Giulio Ciccone che sta combattendo con forti malesseri intestinali da inizio Tour
13:26
A guidare il gruppo sono Jumbo Visma e Ineos
13:25
Inizia il colle d'Espinas
13:20
Al km 29 è il solo Alexis Gougeard a scappare, con 43'' sui 28 inseguitori, 3'34'' su Matthews-Simmons e 5'46'' sul gruppo
13:19
L'ammiraglia della TotalEnergies si avvicina a Burgaudeau e gli intima di desistere da questo tentativo di coppia
13:16
Al km 26 sono due francesi di squadra francese, Gougeard della B&B Hotels e Burgaudeau della TotalEnergies, a condurre con 55'' sui 27 inseguitori, 2'45'' su Simmons-Matthews e 5'48'' sul gruppo
13:14
Jorgenson discute con gli altri due: l'americano non è convinto della bontà di questo tentativo sparuto e si stacca
13:10
Partecipando alla fuga, Vlasov per ora ha quasi dimezzato il ritardo in classifica generale (al momento resta in ogni caso a circa 6 minuti da Vingegaard)
13:09
Al km Matteo Jorgenson, Alexis Gougeard e Mathieu Burgaudeau hanno 1'04'' sugli altri 26 corridori, 2'51'' su Simmons e Matthews ricnongiuntisi, e 5'19'' sul gruppo
13:02
Burgaudeau si prende il Gran Premio della Montagna cat.4 e si porta via Jorgenson e Gougeard
12:58
Al km 13 il nutrito gruppo di testa intraprende la côte di Sant'Ilario con 1'45'' su Matthews, 2'15'' su Simmons (Zimmermann si è rialzato) e 3'25'' sul plotone
12:51
Ci provano pure Georg Zimmermann (Intermarché Wanty Gobert) e Quinn Simmons (Trek Segafredo) che si è tagliato la barba
12:49
Prova a inseguire Michael Matthews (Bike Exchange)
12:47
Brandon McNulty (UAE), Mathieu Burgaudeau (TotalEnergies), Simon Geschke (Cofidis), Simone Velasco (Astana), Nils Eekhoff (DSM), Mikkel Honorè (Quick Step), Tony Gallopin (Trek Segafredo), Dani Martinez (Ineos), Wout Van Aert e Nathan Van Hooydonck (Jumbo Visma), Hugo Houle e Michael Woods (Israel Premier Tech), Damiano Caruso e Dylan Teuns (Bahrain Victorious), Aleksandr Vlasov e Felix Grossschartner (Bora Hansgrohe), Matteo Jorgenson e Gorka Izagirre (Movistar), Maxime Bouet e Lukasz Owsian (Arkea Samsic), Neilson Powless e Stefan Bissegger (EF), Alexis Gougeard e Cyril Barthe (B&B Hotels), Tim Wellens e Philippe Gilbert (Lotto Soudal), Michael Storer, Olivier Le Gac e Valentin Madouas (Groupama FDJ)
12:46
Detto, fatto: al km 3 partono in 29, e che nomi!
12:45
Caldo, tanto caldo... ancora nessuno scatto
12:42
PARTITI!
12:38
Immergiamoci adesso nella lotta per la vittoria di questo Tour: ascoltate cosa ci ha detto ieri il direttore sportivo (e connazionale) del buon Tadej
12:36
Ultima notazione prima di tuffarci nella corsa: dieci anni fa l'arrivo a Foix premiò Luis Leon Sanchez, in gara anche quest'anno, in fuga verso Mende tre giorni fa
12:34
Sono quindi 147 i corridori che stanno effettuando il tratto di trasferimento, l'Ag2r Citroen corre con appena tre uomini
12:33
Il forfait per costola rotta di Jakob Fuglsang è stato il 25° ritiro di questo Tour, mentre il numero 26 è arrivato stamattina per la non partenza di Lennard Kamna (Bora Hansgrohe) causa forte raffreddore, seppur negativo al Covid-19; positivi al coronavirus nei test molecolari del giorno di riposo sono inoltre risultati Max Walscheid (Cofidis), Mikael Cherel e Aurelien Paret-Peintre, che fanno salire a 29 gli abbandoni totali
12:31
Ma a dominare la graduatoria a squadre è sempre la Ineos, con oltre 35 minuti sugli stessi "calabroni" e sulla Groupama FDJ
12:30
Coi suoi due campioni Van Aert e Vingegaard, la Jumbo Visma è il team che ha vinto più tappe finora: 3
12:28
La maglia a pois Simon Geschke (Cofidis) ha 7 punti di vantaggio su Louis Meintjes, 9 su Neilson Powless, 10 su Jonas Vingegaard e 11 sulla coppia Ciccone-Latour, ma attenzione anche a chi insegue a una ventina di lunghezze come Tom Pidcock, Anthony Perez o lo stesso Pogacar
12:27
Se il gregario extra-lusso Wout Van Aert è saldamente maglia verde e Pogacar è ampiamente maglia bianca, appassionante quasi quanto la generale è la classifica degli scalatori:
12:26
A tal proposito ricordiamo che Jonas Vingegaard (Jumbo Visma) è in maglia gialla con 2'22'' su Tadej Pogacar della UAE: se proprio volessimo allargare la contesa a un terzo e un quarto incomodo, a 2'43'' da Vingegaard c'è Geraint Thomas (Ineos) e a 3'01'' Romain Bardet della DSM
12:25
I tapponi che dovrebbero decidere la corsa (crono di sabato permettendo) sono quelli di domani e dopodomani, ma chissà che oggi non ci sia già un attacco a sorpresa tra i big!
12:23
Dopo 14 km il primo assaggino d'altura con la côte di Sant'Ilario, poi tra i km 32 e 43 doppia scalatina ai colli Espinas e Bac; lunghissimo falsopiano con traguardo volante di Lavelanet al km 68 che ci porterà in un settore finale decisamente altimetrico: Port de Lers (11 km al 7%) e Mur de Peguere (9 km all'8%) con scollinamento a 27 km all'arrivo e discesona fino al rettilineo finale
12:22
La Grande Boucle va verso i Pirenei: dopo l'arrivo in volata dell'altroieri e il riposo di ieri a Carcassonne, è dalla stessa città occitana che la gara odierna prende il via in direzione Foix per la 16^ tappa, da 178,5 chilometri
12:21
Amiche e amici ben ritrovati: dopo il terzo e ultimo giorno di riposo il Tour de France 2022 è pronto a riprendere per la settimana finale!
12:20
DIRETTA A CURA DI NICOLO' VALLONE

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Si è tenuto a Riccione, nei giorni 26 e 27 novembre, il nono Consiglio federale 2022 (in concomitanza con il convegno nazionale dal titolo ‘La sicurezza nelle gare ciclistiche - Confronto fra Direttori di Corsa e Giudici di...


Non tutti i ciclisti hanno la fortuna di abitare nelle zone temperate dell'Europa, ma tutti hanno l'obbligo di inizare la loro preparazione. E cosi Rein Taaramäe e Madis Mihkels fanno di necesità virtù e nella loro Estonia pedalano nella neve....


Mentre in Italia aspettiamo l'annuncio del Grand Départ del Tour de France 2024 nel nostro Paese, gli uomini della ASO sono già impegnati nello studio di un progetto ancora più affascinante: la partenza dal Canada nel 2030. Stephane Boury, responsabile...


L’Auditorium Capretti dell’Istituto Artigianelli di Brescia è tornato a riempirsi di giovani ciclisti come non capitava dai tempi prepandemia in occasione delle premiazioni della Federciclismo provinciale. Tanti ragazzi e ragazze, vincitori nel corso della stagione dei campionati provinciali nelle...


Christian Scaroni, che è approdato alla Astana Qazaqstan Team alla fine di luglio 2022, ha firmato un contratto con il team kazako per la prossima stagione e disputerà così la sua prima stagione completa in un team di WorldTour. "La...


Mathieu van der Poel non si accontenta della vittoria e, dopo il successo ieri nella Coppa del Mondo di  Hulst, appare critico verso se stesso, convinto di aver commesso almeno una decina di errori. Per van der Poel la gara di...


Il Campione del Mondo Tom Pidcock ieri nella tappa di Coppa del Mondo a Hulst si è dovuto arrendere alla supremazia di Mathieu Van der Poel. L’olandese dell’Alpecin-Deceuninck ha fatto il suo esordio stagionale nel ciclocross ed ha subito conquistato...


Sono settimane intense per Rachele Barbieri, scandite da corse in aeroporto, voli aerei e gare in pista. La 25enne modenese tesserata per Liv Racing Xstra e Fiamme Oro è infatti impegnata nelle prove di UCI Track Champions League e proprio...


Tutto prende il via da una domandina come questa: si è accorto qualcuno che non è stato detto quanti soldi ha guadagnato Filippo Ganna con la sua impresa? Lasciamo per ora la domandina da parte. Lunga premessa, adesso, e pazienza...


Vittoria lancia ufficialmente il programma per il riciclo di pneumatici e camere d’aria da bici fuori uso che coinvolge i negozi di ciclismo in Italia, un programma che ci fa capire quanto il marchio di Brembate sia impegnato in ottica di...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach