L'ORA DEL PASTO. C'è Bike Night

INIZIATIVE | 15/09/2016 | 08:04
Sono pipistrelli e ricci, falene e lucciole, ma a due ruote. Sono notturni e nottambuli, fuori orario e anche un po’ fuori, ma a pedali. Sono quelli delle ore piccole ma non dei minuti contati, quelli che amano il buio anche oltre la siepe, quelli che non amano stare sotto i riflettori, al massimo sopportano le lucine intermittenti. Sono quelli delle “bike nights”.

Pedalate notturne non competitive sulle vie ciclabili italiane: quest’anno, per la terza edizione, il calendario proponeva cinque tappe. Alle prime tre, Ferrara-Lido di Volano (18 giugno), Bolzano-Lago di Resia (9 luglio) e Udine-Alpe Adria (20 agosto), hanno partecipato più di mille ciclonotturni, i prossimi appuntamenti sono Verona-Riva del Garda (24 settembre) e Milano-Arona (8 ottobre).

“Cerchiamo di promuovere un modo di vivere il rapporto con la bici libero da vincoli spaziotemporali – spiegano i coraggiosi organizzatori di Witoor -. Andare in bicicletta quando si ha voglia, magari anche di notte, appunto, in posti dove di solito si prenderebbe la macchina per andarci (da una città al mare, per dire). Senza pensare a quanto tempo si impiegherà, cercando di farlo in compagnia”.

Una volta le notti in bicicletta erano un’anormale normalità. Il primo Giro d’Italia scattò dal rondò di piazzale Loreto, a Milano, il 13 maggio 1909 alle 2.53, quando è ancora più notte che alba. E nei velodromi le Sei Giorni prevedevano rigorosamente che un corridore di ogni coppia in gara continuasse a girare, a bordo pista, con il tempo neutralizzato e le palpebre, a volte, mezze abbassate, mentre il suo compagno tentava disperatamente di chiudere almeno un occhio in una cabina. Poi le notti in bicicletta sono diventate una devianza, una follia, un tentativo di suicidio. Ora rappresentano una diversità, anche una curiosità, forse già una moda e una tendenza, se non addirittura una filosofia o uno stile. E più passano le notti, più si moltiplicano i nottambuli. Forse perché ci siamo tutti rassegnati: sconfiggere l’insonnia è impossibile, ma accompagnarla e guidarla può essere un vero piacere. “La nostra passione – giura Simone Dovigo di Witoor – non dorme mai”.

Marco Pastonesi
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Il forzato ritiro di Vincenzo Nibali spinge Ivano Fanini, sempre attento a qunto accade nel grand eciclismo, a proporre una riflessione: «Il Tour è finito con il ritiro di Nibali, era l’unico che poteva contrastare il dominio della Sky. E...


E’ un ragazzo del ’99. Del 1999. Fabio Mazzucco ha 19 anni, è veneto, anzi, padovano di Este e corre per la Trevigiani, che se fosse rugby (un padovano a Treviso, un petrarchino al Benetton) sarebbe un sacrilegio, ma essendo...


A Barranquilla in Colombia ieri sono state assegnate le prime medaglie della 23esima edizione dei Giochi Centroamericani e Caraibici che si disputano ogni quattro anni con la partecipazione di più di 30 paesi: il primo oro in assoluto della rassegna...


Ecco le immagini della terza frazione della 3giorniorobica: buona visione!


  Eddy MERCKX. 8. Sto basso, perché quando si parla di una leggenda del ciclismo non bisogna mai esagerare: è già un mito. Oggi, nel giorno della festa del Belgio, è l’ospite d’onore del Tour. Essendo il più grande ciclista...


Il Gp Fabbi Imola è un appuntamento unico nel panorama ciclistico giovanile italiano. Merito dell’ottima organizzazione dei volontari della Ciclistica Santerno Fabbi Imola, società sportiva giovanile imolese attiva dal 1995, e sicuramente della suggestiva location dell’Autodromo Enzo e Dino Ferrari...


Il corridore marchigiano della MsTina Focus Riccardo Stacchiotti ha vinto la quarta tappa del Gran Prémio Nacional 2 de Portugal (Montargil – Aljustrel – 159, 7 km) con una volata prepotente nella quale è riuscito a regolare lo spagnolo Morata...


Si è fatto il regalo di compleanno - che regalo - con qualche giorno di ritardo: Omar Fraile ha tagliato il traguardo dei 28 anni il 17 uglio scorso e oggi ha centrato l'impresa a Mende. «È una gioia incredibile,...


Damiano Caruso è stato grande protagonista della giornata odierna e ha colto un ottimo quinto posto di giornata: «Volevo andare all’attacco sin dal mattino, ci sono riuscito e poi ho collaborato nel finale per chiudere su Stuyven. Ho fatto la...


Giornata di festa in casa Team Colpack per il primo successo stagionale ottenuto da Riccardo Lucca nella classica per scalatori 52/a Cirié – Pian della Mussa. Il corridore trentino già da diverse settimane aveva evidenziato un ottimo stato di forma...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy