Alfredo Martini:«Quella classifica è ridicola»

| 30/12/2006 | 00:00
ALFREDO Martini legge la classifica che fa discutere e s’appresta a portar subito correzioni importanti. E’ il personaggio giusto per esprimere certi giudizi e sollecitare altri commenti, magari anche soltanto per gioco e per parlare dell’appassionante sport della bicicletta in attesa d’una stagione come il 2007, ricca di spunti e di attese. Compirà 86 anni nel prossimo febbraio, l’Alfredone. Correva con Coppi e Bartali negli anni 40 e 50. Come direttore sportivo ha portato al successo al Giro d’Italia addirittura uno svedese, Gosta Pettersson. Come ct ha vinto il mondiale con Moser, Saronni, Argentin, Fondriest e due volte Bugno. In un ventennio splendido. Martini possiede arguzia e lucidità eccellenti. Ed attacca: « Nel ciclismo conta la grandezza del campione, conta l’impresa che sa compiere. Una classifica dei corridori di tutti i tempi la si può fare più che altro per gioco. Certo chi l’ha stilata merita un grande plauso per il lavoro certosino compiuto. Ma non può non far sorridere il veder Coppi alle spalle di Kelly e Zoetemelk. Il grande Fausto è stato un personaggio straordinario, inimitabile. Quante storie ho vissuto al suo fianco, un’epoca bellissima, momenti indimenticabili » . Martini consiglia: « Bisognerebbe prendere in esame i differenti periodi, tener conto dello stato delle strade, delle biciclete, delle squadre. Magari un campione come Bottecchia, che vinse due Tour de France consecutivi dominando la scena, a metà degli anni venti, oggi sarebbe meno bravo in un ciclismo che non è più soltanto una prova di forza. E’ un esempio. E poi sul piano della resistenza fisica Bartali sarebbe il primo in assoluto. Era straordinario. Come l’amico Fiorenzo Magni, in testa a tutti sul piano del coraggio e del carattere » . Proviamo un po’ per gioco a citare i primi dieci di una ipotetica classifica dei campioni di tutti i tempi: « Merckx è stato il più forte, è indubbio, al di là della grandezza di Coppi. Eddy per un decennio non ha concesso che le briciole ai rivali. Non perdeva mai, una serie impressionante di vittorie su ogni terreno. Tutti i giorni in trincea, a combattere, a primeggiare. A Coppi bastavano due tappe per aggiudicarsi un Giro d’Italia. Dietro ai due metterei Binda, classe e potenza, grande signorilità, pur tenendo conto che si trattava di un altro mondo, di un altro ciclismo » . E Bartali? « Sì, poi viene Ginettaccio, il quale chissà quanto avrebbe vinto senza la guerra. E già prima della guerra, nel ’ 38 avrebbe potuto vincere Giro e Tour, ma non vollero iscriverlo al Giro. Al quinto posto starebbe bene Hinault, straordinario su tutti i terreni, dalle crono al pavè, alle montagne, l’ultimo a trionfare alla Roubaix ed al Tour, nelle classiche e nelle corse a tappe. Poi direi Gimondi, che ha vinto tutto. E quasi alla pari con Felice, piazzerei il grande amico mio, Fiorenzo Magni, che nell’epoca di Coppi e Bartali ha trionfato per ben tre volte al Giro d’Italia. Contro quei campioni. E poi magari Moser, anche se non ha vinto il Tour, ma ha cambiato il ciclismo col record dell’ora messicano. Poi Indurain e Armstrong, ma Indurain davanti ad Armstrong. Senza dimenticare un personaggio come Saronni. Però, ripeto, prendiamolo come un gioco, niente più, perchè è impossibile paragonare personaggi che hanno vissuto in epoche completamente differenti fra loro » . (da Tuttosport del 30 dicembre 2006 a firma Beppe Conti)
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Si è svolta oggi, presso la sede del Corriere della Sera, la 5^ edizione di Sport Industry Talk organizzata dalla RCS Academy Business School. Innovazione, investimenti e nuovi orizzonti per il rilancio dello sport industry, questo il titolo dell’iniziativa curata...


Avrebbe potuto essere uno dei colpi del ciclo-mercato ma la “pista calda” secondo cui Lorenzo Milesi, Campione del Mondo della cronometro tra gli Under23, sarebbe stato vicino ad un accordo con la INEOS Grenadiers sembra essersi raffreddata di colpo. La...


Anche se è difficile tornare a correre ad alto livello dopo un anno di stop, Nairo Quintana è ottimista e vuole sfruttare al massimo l’opportunità che gli è stata data dalla Movistar, che ha fatto firmare al Condor un contratto...


Nathan Van Hooydonck era il compagno di squadra perfetto, sempre pronto ad aiutare i capitani, senza pensare mai alla fatica fatta. Nel 2023 per questo suo senso di sacrificio e per un addio alle corse causato da problemi cardiaci, Van...


E' Rebecca Gariboldi la regina del Giro d'Italia di Ciclocross. Per il secondo anno consecutivo la bionda di Lissone conquista la prestigiosa manifestazione del fuori strada nazionale che già aveva vinto da esordiente nel 2009. Dopo sei tappe, Gariboldi (Team...


La Nazionale Italiana di Ciclocross sarà ospite a Bisceglie dal 29 novembre al 1° dicembre per un raduno di grande rilevanza in preparazione ai prossimi impegni internazionali degli Azzurri nella disciplina. Il 29 novembre alle ore 17.30, la delegazione azzurra,...


Con la cerimonia protocollare di Premiazione di Atleti e Società che si sono distinti in campo Internazionale, Nazionale e Regionale va in archivio la stagione 2023 del Settore Amatoriale della Federciclismo Lombardia. La stagione appena terminata ha visto per l'ennesima volta negli ultimi lustri la...


Durante la riunione in Toscana dell’ADISPRO (Associazione direttori sportivi professionisti) avvenuta presso il Monastero di S.Lucia alla Castellina a Sesto, il presidente David Goetz ha consegnato al termine dei lavori il Timone d’Oro 2023 al fiorentino Roberto Poggiali, ottimo professionista...


Per la terza volta consecutiva, il Memorial Americo Severini è tornato ad onorare il borgo anconetano di Barbara e lo ha fatto alla grande con la riconferma dell’Adriatico Cross Tour, lo svolgimento del campionato regionale FCI Marche e con la...


Polartec®, un marchio Milliken™ & Company e creatore premium di soluzioni tessili innovative e sempre più sostenibili, ha pubblicato recentemente l’elenco dei vincitori del Polartec Apex Awards 2023,  il premio annuale che celebra i marchi e i designer che incarnano al...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi