CYCLING ACADEMY. Prosegue la selezione al Garda Bike Hotel. FOTO

PROFESSIONISTI | 27/10/2015 | 12:42
L'inedito "camp" della Cycling Academy Team è entrato nel vivo. Al “Garda Bike Hotel” di Peschiera del Garda tra visite e test ragazzi promettenti da tutto il mondo si stanno facendo conoscere da patron Ron Baron, che nella vita si occupa di finanza e sostiene questo progetto per pura passione, dal giovane manager dell’accademia Ran Margaliot e dallo staff qualificato che volontariamente (da sottolineare come nessuno dei partecipanti al camp riceve alcun compenso per questi 3 giorni di lavoro) li sta mettendo alla prova.

I 17 giovani che hanno risposto presente (3 provenienti da Eritrea ed Etiopia non sono riusciti ad arrivare per problemi di visto) si stanno giocando un posto dei 12/15 a disposizione nel team israeliano, dei quali un paio saranno però riservati a israeliani e italiani.


«Questa mattina dopo il riscaldamento abbiamo effettuato il test della forza, dopodichè il test incrementale mi ha davvero portato al limite. Dopo 4 anni tra Francia e Belgio, sogno di poter restare stabilmente in Europa e realizzare il mio sogno di essere un corridore professionista. Vorrei rendere orgogliosa la mia famiglia, papà lavora in banca, mamma in un'agenzia di assicurazione e mi hanno sostenuto anche in questo viaggio, che ho pagato con i nostri risparmi e con l'aiuto del mio ds Takashi Miyazawa che crede molto in me» racconta il 23enne giapponese Masaru Nakazto, computerino alla mano per trovare le parole in inglese che fa fatica a ricordarsi.


Per la prima volta, una squadra di ciclismo professionistico ha organizzato un ritiro con il preciso obiettivo di scegliere e definire il suo roster per la stagione 2016. I ragazzi tra ieri e oggi si stanno sottoponendo ad analisi biomeccaniche e a verifiche approfondite dei loro profili sanitari, oggi in particolare si sono sottoposti a test di valutazione funzionale indooor

«È dura, ma voglio dare il massimo. Per me stesso che inseguo questo traguardo da quando ero bambino, per il piccolo negozio di bici di Salonicco che mi sostiene economicamente come sponsor, per la mia famiglia che mi motiva molto. Papà è professore di economia al liceo, mamma fa l'ostetrica e ho una sorella gemella che studia chimica ed è molto paziente con me, abbiamo una stanza piccola e tra bici e materiale vario occupo tanto spazio. Darò l'anima per sfruttare al meglio questa chance, ma non vedo gli altri ragazzi come dei nemici anzi parlandoci sembra che ci conosciamo da anni, arriviamo da posti molto lontani tra loro ma siamo uniti dalla stessa passione, abbiamo tutti voglia di arrivare e forse ce lo meriteremmo. Sarebbe un sogno creare un team con tutti noi» chiosa il 23enne greco Nikolaos Laonnidis, che con i suoi baffi e una teatralità fuori dal comune è rimasto impresso a tutti.

Domani l'ultimo scoglio da superare, l'uscita in bici. Il meteo prevede pioggia.

da Peschiera del Garda, Giulia De Maio

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Arriva nella tappa finale del Sibiu Cycling Tour il primo successo da professionista per Stefano Gandin che porta a 9 il computo totale del Team corratec in questa stagione d'esordio nel ciclismo mondiale. Il corridore veneto ha gestito alla perfezione...


Wout VAN AERT. 10 e lode. Un due tre, alza… le braccia al cielo. Sorride Wout, sorride e allarga le braccia come un albatros o un gabbiano, forse un’aquila reale, che spicca il volo e se ne va, con apparente...


La vittoria nella prima tappa francese del Tour de France è andata a Wout van Aert che, in maglia gialla a 11 km dal traguardo ha preso l’iniziativa e, come se fosse una cronometro, è andato a tutta velocità verso...


Gli attriti che ci sono stati in Danimarca tra Fabio Jakobsen e Dylan Groenewegen sembrano ormai appianati e oggi a Calais Jakobsen - ai microfoni di Nos tv - si è scusato con  Groenewegen. Il motivo delle scuse va ricercato...


Per tre giorni ha trovato una ruota più veloce della sua e allora oggi, nella quarta tappa (Dunkerque - Calais di 171, 5 km) Wout van Aert ha fatto alla maniera dei campioni: se n'è andato tutto solo, ha staccato tutti sulle...


Si chiude con un brindisi il week end di gare del VO2 Team Pink e del Ciclismo giovanile VO2 Team Pink, inaugurato ieri dal diciassettesimo posto di Valentina Zanzi al campionato italiano Donne Juniores su strada a Cherasco (Cuneo).Le "panterine"...


  Qualche giorno fa Elisa Balsamo aveva messo la sua prima firma al Giro d’Italia donne sfrecciando a Tortolì rispettando tutti i favori dei pronostici. Oggi a Reggio Emilia la chiamata si è fatta ancora forte, una tappa praticamente piatta,...


L’Associazione Corridori Ciclisti Professionisti Italiani esprime la propria disapprovazione sulla perquisizione che è stata messa in atto dalla polizia nei confronti di una squadra impegnata al Tour de France alla viglia della Grande Boucle. A un anno di distanza da una...


Elisa Balsamo ha vinto allo sprint la quinta tappa del Giro d'Italia Donne, la Carpi-Reggio Emilia di 126 km, la frazione più lunga, piatta e calda della corsa rosa. La campionessa mondiale, oggi in maglia ciclamino, è uscita in testa...


Giovanni Aleotti sfrutta il suo grande momento di forma e bissa il successo ottenuto ieri sulle strade del Sibiu Tour. Il modenese della Bora Hansgrohe ha vinto infatti anche la cronoscalata di questa mattina, da Curmatura Stezii all'Arena Platos Paltinis...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach