De Marchi: «Oggi ho fatto un giretto in bici, speriamo bene»

PROFESSIONISTI | 05/06/2015 | 15:39
Oggi ha fatto il suo primo giretto in bicicletta. Un ora di sella, per provare quel tallone d’Achille che l’ha messo davvero in ginocchio. Alessandro De Marchi non stappa prosecco ma incrocia le dita. «Speriamo che sia la fine di un incubo e l’inizio di una storia che io ho lasciato a metà – spiega a tuttobiciweb.it il rosso di Buia -. Questa infiammazione, probabilmente trascurata, mi ha fatto davvero penare ma ora spero proprio che il peggio sia alle spalle. L’infiammazione è risolta, ora devo solo stare attento a non forzare la situazione. Devo avere pazienza, anche se per uno come me, piuttosto insofferente all’inattività,  non è assolutamente cosa facile».

Come ebbe modo di dirci lui qualche settimana fa, nel pieno del suo problema «per cinque anni non ho mai avuto un raffreddore, ora sto pagando qualche arretrato con la sorte». E il rosso della Bmc ricorda: «Tutto è incominciato dopo la Sanremo, quando stava arrivando il mio momento, quelle delle classiche del nord. Invece, a causa di questo problema, che inizialmente sembrava di poco conto, mi sono dovuto fermare. Prima sette giorni, poi, visto il persistere del problema, altre due settimane ricche di terapie di ogni genere. Di settimana in settimana, sono arrivato ad oggi, con un Giro finito e un Tour che è alle porte. Se ci penso mi viene da piangere».



La domanda è sempre la stessa: quale è stata la causa di tutto questo? «È difficile dirlo con precisione – spiega il friulano -, probabilmente una vecchia storta sulla stessa caviglia rimediata a dicembre. Sembrava tutto risolto, invece probabilmente è rimasta una botta latente. Una cosa però è certa e ci tengo a dirlo senza tanti giri di parole: le scarpette non c’entrano assolutamente».



Se gli si chiede quando pensa di tornare alle competizioni, lui sospira… «Intanto speriamo che tutto vada per il meglio. A questo punto è necessario guarire bene, non posso forzare prima del tempo. Sarei comunque contento di rientrare alle corse a metà luglio, anche solo per riassaporare il gusto del gruppo e sentire il vento in faccia. Poi, l’obiettivo è essere al via della Vuelta, ma a questo punto, dopo tanti patemi, non ho voglia di fare programmi. Calma e sangue freddo e già che ci sono incrocio le dita».
Copyright © TBW
COMMENTI
5 giugno 2015 22:21 Dante
Forza Alessandro

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La Israel - Premier Tech si presenta alla partenza della diciannovesima tappa del Giro d’Italia con solo tre corridori: Simon Clarke, Marco Frigo e Hugo Hofstetter. Lascia invece la corsa rosa il 29enne australiano Nick Schultz che, dopo aver lottato...


Tubolight, marchio distribuito in Italia da Ciclo Promo Components,  propone dalla sua nascita soluzioni innovative nel segmento delle coperture, un catalogo che abbraccia diverse specialità dalla mtb fino al mondo road. Innovazione e massima ricerca per la performance accompagnano il nuovo...


Il Giro d’Italia torna a Sappada 37 anni dopo la guerra tra Stephen Roche e Roberto Visentini, compagni di squadra alla Carrera. Il ciclismo è sport individuale o di squadra? Se lo chiesero in molti il 6 giugno 1987 dopo...


La tiratissima volata di Padova ha premiato questa volta il belga Tim Merlier con Jonathan Milan secondo dopo qualche esitazione nella fase di preparazione dello sprint. Nulla da segnalare per la classifica. § Oggi è una tappa tracciata per intero...


Wout van Aert è tornato a correre: ieri al Giro di Norvegia ha messo nuovamente un numero sulla schiena. Il belga della Visma-Lease a Bike ha tagliato il traguardo al sessantesimo posto a 2'52" dal vincitore di tappa Thibau Nys,...


Giovanni Carboni conquista il Monte Fuji. Il 28enne marchigiano del JCL Team UKYO, già vincitore martedì della terza tappa del Tour of Japan e leader della classifica generale, ha concesso il bis nella numero sei della corsa nipponica tagliando il...


Il Colle delle Finestre farà da finale spettacolare e scoppiettante per il prossimo Tour de l'Avenir, maschile e femminile nella stessa giornata, per un grandissimo festival delle due ruote. Se la Grande Boucle parte dall'Italia con tre tappe attesissime e...


Il 13 ottobre ritorna a Cantù lo spettacolo della Gran Fondo Il Lombardia Felice Gimondi Enel che, grazie all'accordo tra RCS Sports & Events e la Famiglia Gimondi, è stata intitolata al vincitore de La Classica delle Foglie Morte 1966 e 1973. La prova,...


Domenica 19, giorno della tappa con arrivo a Livigno, a circa settecento chilometri di distanza, in una clinica romana, è nato un altro Vegni. Ha scelto questo ciclisticamente impegnativo giorno per venire alla luce Tommaso Vegni, figlio di Fabio, a...


La puntata di Velò andata in onda giovedì sera su TvSei è stata particolarmente interessante, si è parlato di Giro d'Italia, delle imprese di Pogacar e di tanto altro ancora con Luciano Rabottini, Riccardo Magrini e Dario Cataldo. Come sempre a fare il...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi