VUELTA. La Colombia è tra le squadre invitate

PROFESSIONISTI | 20/03/2015 | 12:48
Il Team Colombia sarà protagonista sulle strade della Vuelta España. La wild card per la formazione guidata da Claudio Corti è stata ufficializzata oggi dagli organizzatori della corsa iberica. Insieme agli Escarabajos, in gara alla Vuelta vedremo anche la sudafricana MTN Qhubeka, le francesi Cofidis ed Europcar e la spagnola Caja Rural.

A quasi tre decenni dall’indimenticabile successo di Lucho Herrera, primo storico vincitore colombiano della Vuelta a Espana, un team interamente colombiano si prepara a fare il suo ritorno nella grande corsa a tappe spagnola: la società organizzatrice Unipublic ha infatti assegnato al Team Colombia-Coldeportes una delle cinque Wild Card a sua disposizione, grazie alla quale la formazione sudamericana sarà al via della 70a edizione il prossimo 22 Agosto a Puerto Banus. Le altre quattro wild card sono andate a Cofidis, Caja Rural, Europcar ed MTN-Qhubeka.

Dalla vittoria di José Antonio Agudelo Gomez sull’Alto Campoo (30 Aprile 1985) davanti a Robert Millar, la Colombia è divenuta una presenza costante fra i protagonisti della Vuelta a Espana, con i suoi atleti sempre pronti ad animare le tappe di montagna per la gioia dei tifosi, innamoratisi a poco a poco di quegli scalatori capaci di accendere i fuochi d’artificio quando la strada inizia a salire. Nel corso degli anni, al di là della grande vittoria di Luis Herrera – primo atleta sudamericano nella storia a conquistare una grande corsa a tappe – gli atleti colombiani hanno firmato altri momenti memorabili sulle strade della Vuelta, come i successi di tappa conquistati Fabio Parra, Oliverio Rincon e Felix Cardenas.
 
Da alcuni anni ormai sembra essersi aperta una nuova età dell’oro per il ciclismo colombiano, con sempre più atleti capaci di approdare e imporsi sul palcoscenico del grande ciclismo. Fondato nel 2012, il Team Colombia-Coldeportes ha avuto un importante ruolo in questa rinascita, diventando la prima formazione colombiana nella categoria UCI Pro Continental, e conquistando inviti per alcune delle gare World Tour più importanti a livello mondiale.

Il General Manager Claudio Corti ha accolto la notizia con comprensibile entusiasmo: “Oggi è un grande giorno per la nostra squadra, e siamo onorati dell’opportunità di portare la bandiera colombiana al via della prossima Vuelta a Espana. Per noi, questo invito rappresenta un altro importante passo avanti nel nostro percorso di crescita e sviluppo: dopo aver disputato per due volte il Giro, siamo riusciti a guadagnare la fiducia anche di Unipublic, fiducia che non vediamo l’ora di ripagare con tre settimane di corsa all’attacco in Agosto e Settembre.”
 
Il Direttore di Coldeportes e Ministro dello Sport Colombiano Andres Botero ha espresso a sua volta il suo orgoglio alla notizia del ritorno di un team interamente colombiano alla Vuelta: “Alla grande corsa a tappe spagnola si legano pagine indimenticabili della storia del nostro ciclismo, a cominciare dal primo successo colombiano in un grande giro nel 1987, e la Colombia intera non vede l’ora di sostenere i nostri Escarabajos sulle salite della Vuelta a Espana. E’ un giorno importante per lo sport colombiano, e desidero ringraziare Javier Guillen e Unipublic per la fiducia dimostrata in questo progetto. Sono certo che non rimarranno delusi.”

La 70a Vuelta a España prenderà il via il prossimo 22 Agosto a Puerto Banus, e percorrerà 3.374 km fino all’epilogo di Madrid domenica 13 Settembre. Il percorso presenta ben nove arrivi in salita, una cronometro individuale e una cronometro a squadre.

Nella classifica delle Nazioni con più vittorie di tappa alla Vuelta, la Colombia occupa al momento l’ottavo posto assoluto con 29 successi, davanti anche a Paesi europei di grande tradizione ciclistica. Dal 22 Agosto, starà al Team Colombia-Coldeportes cercare di arricchire questo bottino, e rendere orgogliosa una Nazione intera.
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Finalmente le gare sono iniziate. Il primo titolo olimpico di Tokyo2020 del ciclismo se l'è aggiudicato Richard Carapaz. Lo scalatore dell'Ecuador che abbiamo conosciuto nel 2019 come re del Giro d'Italia ha tagliato un traguardo storico e fatto impazzire di...


Il Giro della Valle d'Aosta, chiuso in terza posizione, gli ha dato la perfetta condizione di forma e subito Mattia Petrucci l'ha sfruttata a dovere. Colpo vincente del veronese della Colpack Ballan nella Coppa città di Ovada per dilettanti che...


Sul traguardo di Quaregnon, Fabio Jakobsen mette a segno la sua doppietta personale e chiude tra gli applausi il Tour de Wallonie. L'olandese della Deceuninck Quick Step, che aveva vinto a Zolder nella seconda tappa, si è ripetuto nella frazione...


Richard Carapaz è al settimo cielo quando si presenta in sala stampa con l'oro olimpico al collo: «È stata una giornata un po' pazza, una corsa molto dura, io ho avuto pazienza e aspettato il mio momento, poi ho avuto...


Wout van Aert rende onore al suo avversario e nasconde la sua delusione dietro ad una splendida medaglia d'argento: «Corro sempre per vincere ma oggi sono molto più felice che ai mondiali di Imola 2020, ho sempre un argento al...


Tadej Pogacar sorride al traguardo, sorride sul podio e sorride anche incontrando i giornalisti in conferenza stampa: «Sono felicissimo per il terzo posto, ho dato il massimo, sono super super contento di essere riuscito a salire sul podio dei Giochi...


Richard CARAPAZ. 10 e lode. È cambiato il mondo, è cambiato da un po’ e anche questo ragazzo ha contribuito a farlo. Un tempo nazioni come l’Ecuador davano vita alle fughe di giornata: i primi scatti erano i loro. Adesso...


Il CT Davide Cassani analizza la gara dei suoi ragazzi in questa prova olimpica: „Peccato per i crampi di Alberto Bettiol: non sappiamo per quale motivo siano venuti, soprattutto in un tratto di strada facile, era discesa ed è stato...


Con la solita disponibilità Vincenzo Nibali si ferma dopo il traguardo per analizzare la sua prestazione ai Giochi Olimpici: «Ci è mancato il risultato finale ma abbiamo corso davvero bene, abbiamo giocato le nostre carte nel modo giusto. Abbiamo cercato...


Sessantasette atlete per 39 nazioni: sarà questo il quadro della prova in linea femminile che si disputerà domani, con partenza alle ore 6 italiane. Sarà una gara atipica, formazioni ridotte all'osso - le nazionali migliori possono schierare solo 4 atlete...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI