ANDRONI. Lettera aperta al Ministero dello Sport venezuelano

PROFESSIONISTI | 09/03/2015 | 10:45
Con infinita pazienza abbiamo atteso di ricevere il pagamento relativo alla sponsorizzazione della nostra squadra Androni Giocattoli – Venezuela 2014, ma purtroppo non abbiamo ancora ricevuto nulla.
Il contratto tra la nostra società e la Federazione Venezuelana di Ciclismo - avallato dal Ministero dello Sport Venezuelano - è stato firmato il 29 gennaio 2014 nella sede del Comitato Olimpico Venezuelano, alla presenza del Presidente Eduardo Alvarez e di tutti i mezzi di comunicazione, che ne hanno dato ampio risalto a livello nazionale e internazionale.
Nel corso della passata stagione agonistica, la nostra società ha rispettato tutte le clausole contrattuali, più precisamente:

-  Abbiamo affiliato la squadra alla Unione Ciclistica Internazionale, con il nome Androni Giocattoli – Venezuela.
-  Abbiamo presentato il nome Venezuela – quale secondo sponsor – sulle divise ufficiali di gara, sull’abbigliamento da riposo, sugli automezzi e su tutti i supporti pubblicitari inerenti la squadra.
-  Abbiamo partecipato a 160 giornate di gara in competizioni ufficiali del Calendario Internazionale UCI, esattamente il doppio delle 80 previste contrattualmente.
-  Abbiamo donato alla Federazione Venezuelana di Ciclismo due Autovetture Ammiraglie utilizzate nella stagione agonistica 2013.

Secondo il contratto del gennaio 2014, quale corrispettivo per i suddetti servizi pubblicitari, la Federazione Venezuelana di Ciclismo avrebbe dovuto corrispondere la somma indicata nel contratto entro e non oltre aprile 2014. Siamo a fine febbraio 2015 e non abbiamo ricevuto nulla!
Abbiamo finora dimostrato la massima comprensione, tenendo in conto i ritardi burocratici e basandoci sulla correttezza dimostrata in questi anni dalla Federazione Venezuelana di Ciclismo, con la quale avevamo iniziato un importante progetto. Ma ora la situazione è divenuta insostenibile.
Senza nulla ricevere dal secondo sponsor della squadra, possiamo dire di aver compiuto un miracolo nel riuscire sinora a onorare tutti gli impegni. Ciò è stato possibile per la credibilità che abbiamo acquisito presso il pool di sponsor italiani in 30 anni di attività. Infatti, le aziende che sostengono la nostra squadra hanno anticipato nel 2014 buona parte degli importi contrattuali 2015. Senza il loro intervento, la squadra non avrebbe potuto continuare l’attività.
Lo scorso anno - in base al progetto concordato con il Presidente Artemio Leonett per lo sviluppo del ciclismo venezuelano nel mondo – sono state anche sostenute tutte le spese relative all’attività in Europa della Nazionale Venezuelana - nelle categorie Élite e Sub23 – per la preparazione e la partecipazione ai Campionati del Mondo di Ponferrada.
Chiediamo il rispetto del contratto di sponsorizzazione 2014, a suo tempo avallato dal Ministero dello Sport Venezuelano.
Non chiediamo nulla per la presenza nel 2015 del nome Venezuela sulle divise della nostra squadra perché rientra in un accordo - che scadrà il prossimo mese - definito con la Federazione Venezuelana di Ciclismo in attesa di autorizzazione ministeriale. Siamo comunque contenti di aver offerto, anche in questo inizio stagione, una grande promozione al nome Venezuela. Abbiamo infatti gareggiato in poco più di un mese in tre Continenti: America, dove abbiamo vinto con Carlos Galvis, Oceania ed Europa dove abbiamo ottenuto buoni risultati.
Riteniamo opportuno rendere pubblico quanto riportato in questa lettera aperta per la necessità di salvaguardare la credibilità costruita in 30 anni di corretta attività. Confidiamo che il Ministero dello Sport Venezuelano mantenga fede al più presto agli impegni assunti, in modo da poterlo render noto con un'altra lettera aperta.

Gianni Savio
Team Manager D.S.
Copyright © TBW
COMMENTI
La "Legge di Quinto"
9 marzo 2015 17:56 Bartoli64
C'è un detto molto conosciuto nelle Marche secondo il quale: per la "Legge di Quinto" chi c'ha i soldi in mano ha vinto!

Faccio tanti auguri a Savio per una positiva risoluzione della questione, ma la vedo dura... tanto dura.

Bartoli64

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Nel giorno in cui si festeggia l’indipendenza del Kazakistan, la Astana Pro Team ha presentato il suo rinnovato roster per la stagione 2019. Ad Altea, in Spagna, dove la squadra si sta preparando per la nuova stagione, la squadra kazaka...


Telefonica, azienda proprietaria del marchio Movistar, ha annunciato ufficialmente di aver rinnovato la propria partnership con il team di Eusebio Unzue fino al 2021.In otto anni di partnership, Movistar è stata per quattro volte la squadra numero uno del mondo...


Come un videogame: ci si fa incuriosire dall'amico che gioca, si scarica l'app, si fa qualche partita per provare, tanto cosa vuoi che mi interessi e poi si finisce per non smettere più e farsi travolgere dalla passione. Silvano Rodella...


Il Veneto, "culla" del ciclismo italiano, ha festeggiato sabato pomeriggio nel Teatro Elios Aldò di Scorzè, in provincia di Venezia, i protagonisti di una stagione ad alto livello che hanno contribuito a fare dell'Italia il Paese con più medaglie in...


Per la prima volta il ciclismo per una cerimonia di premiazione, è entrato nel Museo del Calcio presso il Centro Tecnico di Coverciano. Sala gremita, applausi e soddisfazione per il Comitato Provinciale di Firenze della Federciclismo presieduto da Elisa Lari,...


Caro Direttore, l'avvicinarsi del Natale dovrebbe, tradizionalmente, renderci anche più buoni. All'evidenza non è così facile per tutti noi, almeno per poco tempo, cambiare abitudini censurabili e allontanare i cattivi pensieri. Se ciò non fosse sufficiente a renderci immeritevoli di...


Ventimila chilometri sopra le terre. Da Forlì a Capo Nord spaziando, fuggendo e inseguendo, divagando (per Santiago di Compostela), esagerando, esplorando, sbagliando (strada), anche un po’ soffrendo e molto godendo, e sempre pedalando. Perché i ventimila chilometri sopra le terre...


Che magnifica festa con i colori rosa, quelli del ciclismo femminile, protagonista anche nel 2018 con la Challenge che ha coinvolto sei regioni: Toscana, Emilia Romagna, Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo. Colore rosa anche i capelli di Maria Bruni, vice...


Celebrata nella notte italiana a Los Angeles, presso il ristorante "N.10" di proprietà di Alessandro Del Piero,  la candidatura all'Oscar del film documentario lituano "Wonderful Losers. A Different World", girato in gran parte al Giro d'Italia 2015.Alla presenza di una...


Davvero un bel successo per il I Trofeo Impermit Service Srl - Città di Foligno, gara di ciclocross valida come campionato provinciale di Perugia e Terni e come tappa del TU-Cross. La manifestazione si è svolta al ciclodromo “Giuseppe Casini”...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy