AMICI. «L'Uci deve avere più rispetto per gli organizzatori»

PROFESSIONISTI | 31/01/2015 | 07:17
«L’Uci alla fine ti dà la possibilità di avere, ma poi quelli non possono venire». Adriano Amici non ha fatto studi alla Sorbona, ma sulla strada ha imparato a pesare le chiacchiere. È un uomo concreto, uno che ha fiuto, intuito e soprattutto un amore profondo per la bicicletta, le corse e per quello che fa. E con quelle poche parole sintetizza uno dei passaggi fondamentali della riforma del ciclismo professionistico di lì a venire, quella che è ancora allo studio ed è già stata cambiata almeno tre volte. «Le squadre World Tour, un certo numero, potranno anche correre gare 1.1, quindi ci danno la possibilità di schierarle al via. Ma se mettono troppe concomitanze, non possono venire. Ecco il riassunto di uno dei tanti problemi che ci troviamo ad affrontare noi organizzatori in un momento storico tutt’altro che facile».

La posso chiamare Cavaliere?
«Lo sono dal ’93, ma preferisco che tu mi chiami Adriano».

Adriano, come va?
«Fisicamente molto bene. Ora la salute è tornata, mentre la voglia di fare non è mai venuta meno».

Come vedi la situazione del ciclismo mondiale?
«Complicata. Capisco che ci voglia sempre maggior professionalità, ma anche le squadre e noi organizzatori abbiamo bisogno di certezze, attenzioni e rispetto. Ad esempio troppo spesso ci troviamo a navigare a fari spenti, senza sapere cosa succederà domani. Questo non va bene, per nessuno».

Cosa ti preoccupa di più?
«Le concomitanze. Ci vuole più rispetto, in modo particolare in un momento storico come questo dove le corse stanno morendo in ogni angolo del mondo. Se c’è chi pensa che meno corse portino più ricchezza a chi resta, si sbaglia. Povertà ha sempre generato povertà. Peccioli, Emilia e Beghelli dovranno patire quest’anno della concomitanza (7/11 ottobre) dell’Abu Dhabi Tour: non ne sapevamo assolutamente nulla, abbiamo scoperto tutto dai siti e dai giornali quando hanno pubblicato i calendari. Ben vengano le nuove corse, anzi, che ne arrivino sempre di più, ma un pizzico di rispetto è buona cosa».

Intanto tu con il tuo Gs Emilia prosegui ad organizzare. Tra una settimana il Gran Premio degli Etruschi (8 febbraio). Poi la Settimana Internazionale Coppi & Bartali (26/29 marzo). Il Memorial Marco Pantani (19 settembre). Il Giro dell’Emilia uomini e donne (10 ottobre) e il Beghelli (11 ottobre)…
«Noi siamo contenti, perché abbiamo mantenuto i nostri impegni, e diamo anche una mano al Trofeo Laigueglia, che è stato proprio da noi rilanciato un anno fa. Gli sponsor, gli enti locali ci stanno dando una grande mano, come ho detto il momento è quello che è ma proprio alla luce di questo, non possiamo assolutamente lamentarci. Anzi, quello che spero è che gli organizzatori capiscano - come hanno fatto l’Ac Arona e l’Us Legnanese (per i campionati tricolori, ndr) - che è necessario non farsi la guerra e pensare al proprio orticello, ma darsi una mano. Collaborare. Unire gli sforzi: solo così si esce dalla crisi. La cooperazione è una chiave che ci può portare davvero fuori dalla crisi. È un’opportunità. Spero che tutti lo possano capire».

Sei illuminato come pochi…
«Non mi prendere in giro…».

Nessuna presa in giro, dico sul serio: condivido il tuo pensiero.
«E allora dico anche un’altra cosa ai miei amici organizzatori. Non vendete i campioni che potrebbero venire a correre le vostre corse. Vendete la storicità della gara. La tradizione. Il progetto di un evento. E poi facciamo tutti qualcosa di più anche per le donne. Rappresentano un'opportunità: non solo noi per loro, ma loro per tutti».

Copyright © TBW
COMMENTI
illuminato....
31 gennaio 2015 15:13 canepari
ecco la parola giusta per Adriano. Grazie Cavaliere. Non è facile trovare un galantuomo e una persona seria e capace come te nel mondo del "nostro" ciclismo. Prosegui con la tua determinazione e GRAZIE!!! ancora

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Pazzesco record di velocità per il britannico Neil Campbell che ha raggiunto i 280, 57 km all'ora. Il tentativo record su una distanza di 200 metri si è svolto il 17 agosto su una pista dell'aeroporto di Elvington nello Yorkshire...


Emil Johansson è tornato sul tetto del mondo. Il 20enne svedese alla fine del 2017, alla sua prima stagione, si era laureato Campione FBM World Tour quando era ancora un adolescente, per poi essere messo ko dal virus Epstein-Barr e dalla malattia...


E’ lo junior romagnolo Michele Malavolta della Sidermec-F.lli Vitali il vincitore del 51° Gran Premio Mocaiana-Memorial Martino Procacci-Trofeo Acqua&Sapone, gara di 116 chilometri che è stata organizzata a Mocaiana di Gubbio dalla Gubbio Ciclismo Mocaiana in collaborazione con l’Acqua&Sapone Team...


E’ stato Armando Lettiero (Ciccio Stellato-Team Lettiero) con una forma strepitosa e una volata da manuale ad aggiudicarsi nel giorno di Ferragosto a Fiuminata la 38°edizione del Trofeo Sirio Castellucci-Gara Alta Valle del Potenza. Sotto la regia organizzativa della Recanati...


L'ultima giornata di gare dei Campionati Mondiali pista juniores di Francoforte, regala all'Italia un'altra bellissima medaglia. Succede nel KM TT con Matteo Bianchi che in 1'02"068 conquista uno splendido bronzo. L'altoatesino classe 2001, che in questa rassegna iridata abbiamo visto piazzarsi...


il norvegese Markus Hoelgard, portacolori della Uno-X, ha vinto la tappa conclusiva dell'Arctic Race Tour precedendo il connazionale Grondhal Jansen. Terza posizione per Alexey Lutsenko che è riuscito a ribaltare la situazuone di partenza e a strappare a Warren Barguil...


Vittoria di Marco Landi nel 19simo Trofeo città di Conegliano per elite e under 23. Il corridore della Zalf Fior ha superato sul traguardo di Scomigo (Tv) Yuri Colonna, del Team Casillo Maserati e Mattia Bais del Cycling Team Friuli....


  Autentica tappa per uomini da classiche, l'ultima del Binck Bank Tour: vittoria per Oliver Naesen che ha preceduto Van Avermaet e De Plus. Proprio quest'ultimo, 23enne scalatore belga, ha conquistato il sucesso finale regalando alla Jumbo Visma l'ennesimo trionfo...


C'è la firma del britannico Fred Wright sulla quarta tappa del Tour de l'Avenir, la Mauriac - Espalion di 158, 2 km. Secondo posto di giornata per lo svizzero Joël Suter e terzo per il norvegese Soren Waerenskjold  con l'azzurro...


Successo del veronese Federico Zorzan nel 17simo Gran Premio Dmt-7^ Gran Premio Alè per Juniores che si è disputato a Castel Dario nel Mantovano. Il giovane corridore della Autozai Contri Omap ha preceduto Luca Cretti del Massì Supermercati e Alessio...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy