AMICI. «L'Uci deve avere più rispetto per gli organizzatori»

PROFESSIONISTI | 31/01/2015 | 07:17
«L’Uci alla fine ti dà la possibilità di avere, ma poi quelli non possono venire». Adriano Amici non ha fatto studi alla Sorbona, ma sulla strada ha imparato a pesare le chiacchiere. È un uomo concreto, uno che ha fiuto, intuito e soprattutto un amore profondo per la bicicletta, le corse e per quello che fa. E con quelle poche parole sintetizza uno dei passaggi fondamentali della riforma del ciclismo professionistico di lì a venire, quella che è ancora allo studio ed è già stata cambiata almeno tre volte. «Le squadre World Tour, un certo numero, potranno anche correre gare 1.1, quindi ci danno la possibilità di schierarle al via. Ma se mettono troppe concomitanze, non possono venire. Ecco il riassunto di uno dei tanti problemi che ci troviamo ad affrontare noi organizzatori in un momento storico tutt’altro che facile».

La posso chiamare Cavaliere?
«Lo sono dal ’93, ma preferisco che tu mi chiami Adriano».

Adriano, come va?
«Fisicamente molto bene. Ora la salute è tornata, mentre la voglia di fare non è mai venuta meno».

Come vedi la situazione del ciclismo mondiale?
«Complicata. Capisco che ci voglia sempre maggior professionalità, ma anche le squadre e noi organizzatori abbiamo bisogno di certezze, attenzioni e rispetto. Ad esempio troppo spesso ci troviamo a navigare a fari spenti, senza sapere cosa succederà domani. Questo non va bene, per nessuno».

Cosa ti preoccupa di più?
«Le concomitanze. Ci vuole più rispetto, in modo particolare in un momento storico come questo dove le corse stanno morendo in ogni angolo del mondo. Se c’è chi pensa che meno corse portino più ricchezza a chi resta, si sbaglia. Povertà ha sempre generato povertà. Peccioli, Emilia e Beghelli dovranno patire quest’anno della concomitanza (7/11 ottobre) dell’Abu Dhabi Tour: non ne sapevamo assolutamente nulla, abbiamo scoperto tutto dai siti e dai giornali quando hanno pubblicato i calendari. Ben vengano le nuove corse, anzi, che ne arrivino sempre di più, ma un pizzico di rispetto è buona cosa».

Intanto tu con il tuo Gs Emilia prosegui ad organizzare. Tra una settimana il Gran Premio degli Etruschi (8 febbraio). Poi la Settimana Internazionale Coppi & Bartali (26/29 marzo). Il Memorial Marco Pantani (19 settembre). Il Giro dell’Emilia uomini e donne (10 ottobre) e il Beghelli (11 ottobre)…
«Noi siamo contenti, perché abbiamo mantenuto i nostri impegni, e diamo anche una mano al Trofeo Laigueglia, che è stato proprio da noi rilanciato un anno fa. Gli sponsor, gli enti locali ci stanno dando una grande mano, come ho detto il momento è quello che è ma proprio alla luce di questo, non possiamo assolutamente lamentarci. Anzi, quello che spero è che gli organizzatori capiscano - come hanno fatto l’Ac Arona e l’Us Legnanese (per i campionati tricolori, ndr) - che è necessario non farsi la guerra e pensare al proprio orticello, ma darsi una mano. Collaborare. Unire gli sforzi: solo così si esce dalla crisi. La cooperazione è una chiave che ci può portare davvero fuori dalla crisi. È un’opportunità. Spero che tutti lo possano capire».

Sei illuminato come pochi…
«Non mi prendere in giro…».

Nessuna presa in giro, dico sul serio: condivido il tuo pensiero.
«E allora dico anche un’altra cosa ai miei amici organizzatori. Non vendete i campioni che potrebbero venire a correre le vostre corse. Vendete la storicità della gara. La tradizione. Il progetto di un evento. E poi facciamo tutti qualcosa di più anche per le donne. Rappresentano un'opportunità: non solo noi per loro, ma loro per tutti».

Copyright © TBW
COMMENTI
illuminato....
31 gennaio 2015 15:13 canepari
ecco la parola giusta per Adriano. Grazie Cavaliere. Non è facile trovare un galantuomo e una persona seria e capace come te nel mondo del "nostro" ciclismo. Prosegui con la tua determinazione e GRAZIE!!! ancora

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

È in lotta per la maglia rosa e continuerà a dare il massimo fino a Verona: Vincenzo Nibali trova comunqe il tempo per un pensiero sociale e non ha esitato a offrire la sua collaborazione ed il suo sostegno a...


Il casco salva la vita, sempre. Anche sulle strade del Giro d'Italia. Ecco il casco di Joe Dombrowski dopo la caduta di cui lo statunitense della EF Education First è stato protagonista ieri in discesa. Il casco ha fato il...


È impossibile non essere notati quando si indossa un capo Alé, così come è impossibile non notare l’altissima qualità delle finiture, i dettagli di pregio e le scelte avanguardiste del brand.  La nuova collezione ALE’ di abbigliamento PE 2019 è ormai...


Soffia un vento nuovo sull’elite del fuoristrada mondiale. La UCI MTB World Cup oggi ha celebrato il primo successo nella Coppa del mondo cross country di quel fenomeno di Mathieu Van der Poel e ha confermato che Kate Courtney sarà la donna da battere in questa...


L’UAE Team Emirates rimane in Norvegia e, dopo l’Hammer Series di Stavanger, parteciperà dal 28 maggio al 2 giugno al Tour of Norway, gara di categoria 2.HC. Saranno sei i corridori che vestiranno i colori della formazione emiratina:– Sven Erik Bystrøm...


La città di Belluno si sta preparando per celebrare la festa rosa post Giro d’Italia. L’edizione numero 102 della Corsa Rosa si concluderà domenica 2 giugno a Verona. Il giorno seguente, lunedì 3 giugno, i Top Rider del Giro si...


È stata la piazza coperta più grande d’Europa a fare da cornice alla prima tappa di EICMA FOR KIDS, il progetto promosso dall’Esposizione Internazionale Ciclo e Motociclo in collaborazione con Regione Lombardia e con il sostegno della Federazione Motociclistica Italiana...


Lo storico Velodromo di Brno (Rep. Ceca) si tinge di bianco-nero: merito degli alfieri del Cycling Team Friuli che hanno conquistato la 500+1 di Brno, storica competizione su pista che vedeva in gara i migliori pistard del panorama internazionale.Ad alzare...


Manovre di mercato in pieno svolgimento nella carovana del Giro d'Italia. Manovre che non riguardano soltanto i corridori ma anche le case costruttrici di biciclette. E in particolare la Wilieer Triestina. L'azienda veneta che fa capo alla famiglia Gastaldello sta...


Dario CATALDO. 10 e lode. È considerato il Picasso del gruppo, perché sa disegnare e dipingere, schizzare profili e paesaggi. È uno che ha ispirazione e talento, e nella sua testa si prefigura sempre scenari immensi. Lui generalmente tratteggia, abbozza,...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy