SANTAMBROGIO. «Ho sbagliato, ma non posso stare senza ciclismo»

CONTINENTAL | 05/11/2014 | 15:54
Dopo avere attraversato, per sua ammissione, i mesi più bui della sua vita, Mauro Santambrogio ritorna finalmente al ciclismo pedalato e lo farà con il team Amore & Vita-Selle SMP-Fanini gestito da Cristian e Ivano Fanini.
La sua squalifica, avvenuta durante il Giro d'Italia 2013 per essere risultato positivo ad un controllo antidoping, è stata ridotta a 18 mesi dopo che il 30enne ciclista di Inverigo ha collaborato con la Commissione per la Riforma del Ciclismo (CIRC) creata dal presidente UCI Brian Cookson.
Santambrogio ha firmato un contratto biennale con il team Amore & Vita-Selle SMP e lo abbiamo intervistato a Lunata, presso la sede del suo nuovo club, dove si è recato per definire l'accordo accompagnato dalla graziosa compagna Giulia Citterio.

Dunque la Toscana resta nel tuo destino?
«Evidentemente sì. Dopo l'esperienza dello scorso anno, ho accettato con entusiasmo questa proposta della famiglia Fanini, che mi consente di riavvicinarmi alle corse dopo un periodo da incubo. Da qui riparte la mia nuova vita ciclistica, grazie a loro».

Ma questo non è un incubo che ti sei tirato addosso da solo?
«Sì, ho ammesso tutte le mie colpe, sono responsabile al 100% di quanto mi è accaduto e confessare è stata una specie di liberazione, non ne potevo più di tenermi dentro questo peso enorme. Nel 2013 toccai il cielo con un dito vincendo la tappa di Bardonecchia al Giro e dopo una settimana invece ero già finito sottoterra. Quello che ho sofferto nei mesi successivi lo sappiamo soltanto io e la mia famiglia».

Si è parlato addirittura di un tuo tentativo di suicidio....
«Mi fa male ricordare quelle ore nelle quali la mia vita avrebbe potuto finire tragicamente. Se oggi sono qui lo devo ad Alessandra De Stefano ed ad alcuni amici giornalisti di RCS Sport che riuscirono ad intervenire in maniera efficace quella terribile sera, dopo avere valutato i miei sconvolgenti messaggi sul web. Sì, volevo proprio farla finita».

La chance che ti offre Fanini potrebbe però essere un’arma a doppio taglio, poiché dal team Amore & Vita sono stati espulsi anche ultimamente - vedi il caso Benedetti - dei ciclisti che nonostante le intenzioni di riscatto sono poi ricaduti nella palude del doping. Tu ritieni di poter diventare una scommessa vinta per patron Fanini?
«I miei nuovi dirigenti possono stare tranquilli, non causerò delle amare delusioni a nessuno. Nel 2013 ho dimostrato di avere degli ottimi numeri giovandomi di una maggiore libertà d'azione. Lo ripeto, ho sbagliato, ma il doping c'entrava poco con le mie prestazioni e lo dimostrerò nel 2015».

Dopo tante amarezze da qualche mese sembra che il tuo barometro stia volgendo al bel tempo, è così?
«E' vero, anche perché oltre al contratto con il team Amore & Vita, sto costruendo un legame solido con la mia compagna Giulia. La conosco da più di 10 anni, abitiamo a mezzo chilometro di distanza ma la scintilla fra noi non era mai scoccata fino a pochi mesi addietro quando, con un messaggio, lei mi chiese di incontrarci per bere un caffé. Giulia voleva aiutarmi in modo disinteressato, da amica e ciò mi ha fatto piacere. Ci siamo conosciuti meglio e ora stiamo bene insieme».

Giulia segue il ciclismo?
«Per niente, almeno fino ad ora. Tuttavia credo che nel 2015 mi seguirà anche in varie gare in giro per il mondo, magari da turista...».

Ma il doping nello sport è proprio impossibile da debellare?
«Un dato di fatto è che il ciclismo sia lo sport più controllato ed ho capito a mie spese che non conviene fare i furbi. Tuttavia sono convinto che un asino non possa diventare un purosangue grazie al doping».

Ma tu lo ami sempre questo ciclismo?
«A 30 anni non riesco tuttora a immaginare la mia vita senza la bicicletta, forse è perché ho iniziato a gareggiare quando ero ancora un bambino e questo bellissimo sport mi ha conquistato il cuore».

Come valuti la tua nuova squadra?
«Ambiente ottimo, grande entusiasmo e molta fiducia da parte della famiglia Fanini, alla quale devo molto. Tra i compagni di squadra conosco bene e stimo Mattia Gavazzi, con il quale ho battagliato spesso allo sprint nelle categorie inferiori. Ma negli ultimi anni le mie caratteristiche tecniche sono variate, poiché ho perso smalto nelle volate ma sono migliorato molto in salita».

La corsa che sogneresti di vincere?
«E' da sempre Giro di Lombardia, dove ho già ottenuto un quarto posto».

Il tuo maggior pregio e il tuo peggior difetto?
«Sono troppo buono: è un pregio ma può essere anche un difetto».

Che consiglio daresti ad un giovane ciclista affinché non commetta un errore come il tuo?
«Di condurre una vita sana, di credere in quello che fa e di allenarsi con tenacia, mettendoci cuore, polmoni e muscoli».

Patron Ivano Fanini ha seguito con interesse l'intervista al nuovo acquisto del team Amore & Vita e alla fine ha voluto ribadire il suo impegno nella lotta al doping: «Con il credito che accordiamo a Santambrogio - un ciclista che considero tra i più forti approdati alla nostra squadra -, dimostriamo ancora una volta di voler continuare la nostra lotta per uno sport pulito. Non è però una cosa facile, dato che ogni anno nella squadra dobbiamo far fronte a  notevoli delusioni, cioè a dei ragazzi che tradiscono la fiducia nonostante i buoni propositi che essi hanno sbandierato quando sono venuti a bussare alla nostra porta, talora con sospetta umiltà. Se facciamo una statistica vediamo come almeno un paio atleti ogni anno vengano cacciati dal nostro team. Si tratta di ragazzi immaturi, che pensano di poter continuare a fare i furbi utilizzando il nome Amore & Vita come una comoda copertura, ma noi riusciamo puntualmente a smascherarli, come ad esempio è stato per il recente caso di Benedetti. E' bene ribadire che con noi non si scherza e che ogni pratica proibita, prima o poi, viene inevitabilmente a galla, poiché i nostri atleti ormai sappiamo bene come tenerli d'occhio».

Gli fa eco suo figlio, Cristian Fanini, team manager della Amore & Vita-Selle SMP: «I bari non ci piacciono e sappiamo come smascherarli. Detto questo sono felice dell'ingaggio di Santambrogio, che giudico un atleta completo e in grado di regalarci delle belle soddisfazioni nel 2015».

Giudizio positivo anche per la stagione 2014 del team che Cristian gestisce con oculatezza: «Abbiamo vinto finora 7 gare, delle quali 4 con il ritrovato Mattia Gavazzi. Comunque la stagione 2014 per noi non è ancora terminata perché proprio Gavazzi ed altri nostri atleti parteciperanno ad alcune gare in Cina fino a tutto il 16 novembre. Poi stileremo il bilancio definitivo che finora conta anche 30 piazzamenti nei primi cinque».

Stefano Fiori

Copyright © TBW
COMMENTI
il prossimo
5 novembre 2014 16:43 superpiter
ce l'hanno già in casa.. w gavazzi...
e con questo sono già a 3 commenti censurati oggi.. w broggi!

andiamo bene...
5 novembre 2014 18:10 VociDalGruppo
un atleta che dichiara "Nel 2013 ho dimostrato di avere degli ottimi numeri giovandomi di una maggiore libertà d'azione. Lo ripeto, ho sbagliato, ma il doping c'entrava poco con le mie prestazioni e lo dimostrerò nel 2015" e"..Tuttavia sono convinto che un asino non possa diventare un purosangue grazie al doping" forse non ha capito nulla... oppure fa l'ipocrita e prende tutti in giro. Bene ha pagato e ha diritto di tornare in gruppo come hanno fatto altri. Vedremo sulla strada quali saranno i suoi valori...

bellissima intervista
5 novembre 2014 18:14 roger
Cercare di recuperare uno dei più forti corridori italiani dopo tutto quello che ha vissuto è veramente significativo. Complimenti. L'intervista è davvero molto bella come anche quella televisiva andata in onda ieri sera su Toscana tv. Consglio di andare su google e digitare toscana tv la rinascita di Santambrogio e vedere in streaming.

per superpiter...
5 novembre 2014 18:18 pietrogiuliani
Se ti censurano i commenti un motivo ci sarà....? Meglio così visto che (rileggi il tuo commento) dici solo assurdità e potresti essere denunciato per questo. Pensa prima di parlare.

Gavazzi e Santambrogio
5 novembre 2014 18:25 antani
Gavazzi è la prova di come la famiglia Fanini sia brava a rilanciare i talenti. Mattia ha sbagliato lo sappiamo(non per doping e aggiungerei che non è il solo, vedi Boonen) ma dopo aver pagato anch'egli a caro prezzo gli errori commessi, oggi corre, vince ed ha ancora almeno 3 stagioni ad alto livello davanti a se. E se può fare questo deve soprattutto alla famiglia Fanini. Lo stesso potrà valere per Santambrogio. Dipenderà molto da lui ma i mezzi ce li ha e quindi saprà ripagare la fiducia data e riconquistare i suoi tifosi.

5 novembre 2014 18:26 foxmulder
In realtà caro signor Santambrogio dipende dall'asino… È ora di finirla con la favoletta che il doping non trasformi gli asini in cavalli da corsa. A parità di consumo di ossigeno, un soggetto con un ematocrito naturale più basso ha, stante la necessità di rimanere all'interno di determinati ranges nell'ambito del passaporto biologico, un potenziale di incremento di performance tramite doping ematico, più alto rispetto ad un soggetto con ematocrito naturalmente più alto. Un punto in più di VO2Max (che corrisponde a spanne a un punto in più di ematocrito) consente qualche decimo di watt in più pro kg di peso corporeo. Quindi un asino con ematocrito basso può perfino diventare un buon cavallo da corsa.

Ma ??
5 novembre 2014 19:00 gianca1960
E continuiamo così ... Facciamo correre chi si dopa e i ragazzi di 20/25 anni li facciamo smettere !!!

sai quanti asini ho visto volare?
5 novembre 2014 19:06 SERMONETAN
Sono pienamente d'accordo con FOXMULDER,in 45 anni che seguo il ciclismo prima come corridore e poi da appassionato,dei ciclisti brocchi che gia' hai miei tempi prendevano l'autostrada per recarsi a CEPAGATTI(PE)e dopo qualche mese volavano.Poi chi ha motore regge 6-7 anni i broccchi 1-2 stagioni.
Non diamo solo colpa all'epo perche' da sola non fa volare e mi fermo qui.

Libertà
5 novembre 2014 19:25 Piccio
Il signor Fanini può fare ciò che vuole, anche farsi pubblicità con un asino (l'ha detto lui) che finora ha solo imbrogliato.
Peccato per quei ragazzi seri che non troveranno un contratto solo perchè non han fatto rumore.
Povero ciclismo, dopo tanti scandali, ho deciso di non seguirti più!

forza Santambrogio
5 novembre 2014 20:15 daniele01
Bellissima l'intervista di Santambrogio e della sua fidanzata a lucca si dice che è arrivata 4 a miss italia e che è un Architetto!Questa penso sia la piu grande vittoria di Santambrogio e mi auguro di vederlo di nuovo vincente. E a Fanini come ho già detto in altri commenti e che con soddisfazione li ho visti tutti su toscana tv sprint (consiglio a tutti di rivedere andando su internet )
Sei l'unico che ci capisci qualcosa in questo mondo del ciclismo!
Sei la storia del ciclismo e sei avanti a tutti almeno di 20 anni! E molti sono gelosi e i commenti brutti sono fatti sicuramente da ex corridori o amici degli stessi fatti smettere di correre proprio per i fatti di doping. Ora il mondo a paura di quello che ha confessato Santambrogio e di quello che potrà dire forse facendo partire altre inchieste.
Fanini sei la storia del ciclismo basta pensare che i figli del grande
Gastone Nencini hanno corso per te il nipote di Felice Gimondi e anche il figlio di Pierino Gavazzi tutt'ora con te.
Una storia cosi non ce l'ha nessuno!
Avanti a tutta.

Foxmulder e Sermonetan
5 novembre 2014 22:07 Bartoli64
Mi avete letteralmente tolto le parole dalla tastiera.

VI STRA-STRA-STRAQUOTO IN PIENO!!

Bartoli64

Fanini lo ammiro
6 novembre 2014 12:00 venetacyclismo
Bè non si può dire che il gruppo Fanini non abbia coraggio e sta seguendo la sua linea alla lotta al doping , anche questa sarà una bella sfida perché è il Sig. Santambrogio che rischia di più , li non si scherza e se bleffa non finirà la stagione come tutti quelli che ci hanno provato.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Torna il grande ciclismo in provincia di Cremona con il 38° Gran Premio Sportivi Sestesi che si svolgerà quest'oggi a Sesto ed Uniti con l'organizzazione del Velo Club Cremonese B&P Recycling del presidente Cristiano Colleoni e del direttore tecnico Fulvio Feraboli. Come...


È emersa una nuova interessante idea per far rispettare la distanza di sicurezza tra un ciclista e un altro mezzo al passaggio: una barra luminosa in grado di ruotare di 90 gradi così da formare una sorta di piccola barriera di segnalazione...


Continuano le iscrizioni alla BERGHEM#molamia, l’evento cicloamatoriale che è in programma domenica 13 giugno 2021, sempre a Gazzaniga, in Valle Seriana, e che rappresenta un momento imperdibile già per tanti appassionati.  La BERGHEM#molamia vuole far scoprire il benessere offerto dalla...


Malgrado il Covid e l’incertezza legata alle regole per gli ingressi sul territorio italiano, sarà un’edizione record per il Rally di Romagna MTB - Gyproc Saint Gobain. La manifestazione di Riolo Terme - in programma dal 29 maggio al 2...


Si avvicina un’intensa stagione di gare al Velodromo “Attilio Pavesi” di Fiorenzuola d’Arda (Piacenza), che culminerà con la 24^ edizione della 6 Giorni delle Rose Internazionale, gara di classe 1 Uci dal 30 giugno al 5 luglio. A “tirare la...


  Novità per la maglia ufficiale della Toscana, che viene indossata dagli atleti e dalle atlete del ciclismo toscano quando fanno parte della rappresentativa regionale. Il debutto della nuova divisa domani domenica in due gare juniores, il Memorial Michael Antonelli...


Victor LAFAY. 10. Ce la fa, ce la fa, ce la fa. Ce l’ha fatta Victor Lafay che si pronuncia lafé! Il 25enne lionese diretto da Roberto Damiani coglie il suo primo successo da pro al Giro al termine di...


In ammiraglia a guidare Victor Lafay verso il successo c’era Roberto Damiani, il tecnico italiano che a questo Giro d’Italia ha portato ragazzi con l'obiettivo di inseguire le vittorie di tappa. «Siamo tutti felici e abbiamo sempre creduto nelle capacità...


Francesco Gavazzi è l’uomo che non si arrende al tempo, alle sfide e a quella voglia di vincere che ancora lo accompagna. Valtellinese di Morbegno conosce le fatiche e quella passione che solo le due ruote possono trasmetterti ed è...


Giovanni Carboni sfiora il colpo grosso al Giro d’Italia sull’arrivo di Guardia Sanframondi. Dopo aver centrato una fuga complicata, prova una grande azione subito prima della salita conclusiva scattando insieme a Victor Campenaerts, per poi staccarlo in salita restando...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155