ANDRONI VENEZUELA. Comincia oggi il 2015... LIVE

PROFESSIONISTI | 30/10/2014 | 11:47
Amici del ciclismo buongiorno. Comincia oggi la stagione 2015 della Androni Venezuela. Siamo a Cesenatico presso l’hotel Leonardo dove si svolge la conferenza stampa che ufficializza l’ingaggio di Oscar Gatto e che si svolge in occasione del primo ritiro del team diretto da Gianni Savio e Giovanni Ellena.
Ad aprire gli interventi Gianni Savio che saluta il grande appassionato patron Pino Buda di Sidermec. Presenti pure Maurizio Canzi di Kuotacycle e Paolo Calzi di Deda Elementi.
Al tavolo anche Giuseppe Napoleone, legale del team. In sala Moreno Nicoletti, procuratore di Gatto, Sella, Zordan e Bandiera. Numerosi i giornalisti dell’Emilia Romagna presenti.
Siamo in Romagna, la terra natale di patron Buda che prende la parola: !Sono qui in quanto appassionato di ciclismo e voglio sostenere il movimento sia dal punto di vista morale ed economico. Gli sponsor stanno sparendo, avrei potuto andarmene anche io ma non me la sono sentita. Putroppo non ho mai il tempo di essere alle corse ma conosco molti dei nostri atleti. Spero di esserci pure il prossimo anno, almeno in qualche occasione. Sono sponsor del ciclismo dal 1980, sono uno dei più longevi. Per me è importante che in questo sport si creino degli uomini, cosa che ormai avviene sempre più raramente. In questo team credo di averne visti parecchi e qui ho ritrovato con piacere anche Cheula.».
Ed eccoci a Gatto: la notizia era già trapelata nei giorni scorsi, ma la firma è arrivata solo ieri, nel primo giorno di raduno del team a Cesenatico. Il corridore veneto, proveniente dalla Cannondale - undici vittorie in carriera tra cui spiccano la tappa di Tropea vinta al Giro d’Italia davanti a Contador e la classica belga delle Fiandre - ha firmato un contratto biennale con la Androni Venezuela.

Vengono presentati i corridori in sala, tutti gli italiani. Savio ricorda che il Venezuela ha confermato il suo impegno con il team anche per il prossimo anno. Assente Simone Stortoni, rimasto in camera perché influenzato. «Puntiamo molto anche su Tvetcov  - aggiunge Savio - che è un corridore nato in Bielorussia, ha nazionalità rumena e vive negli Stati Uniti. Ed è lì che si è messo in luce al cospetto dei grandi, per questo abbiamo deciso di puntare su di lui. E poi avremo anche i nostri quattro corridori venezuelani ai quali affiancheremo anche un pio di giovani nel corso della stagione. Con il contratto in essere con la Federazione Venezuelana, vi è anche l’accordo per seguire l'esperienza europea della nazionale venuezelana Under 23 che sarà seguita da Gianpaolo Cheula».

Tocca all'avvocato Giuseppe Napoleone, legale del team: «Sono stato chiamato per un ruolo delicato che troppo spesso ha occupato i fatti di cronaca, più che le manifestazioni sportive. Ci teniamo ad informare e formare gli atleti sulle normative in materia di doping. Abbiamo dato ai corridori l’opportunità di poter contare su un consulente legale: in caso di dubbio ognuno di loro si può avvalere del nostro supporto. Ma i nostri ragazzi sanno bene che tutti i medicinali assunti debbono essere accompagnati da yba richiesta scritta dal medico sociale. Oltre all’attività di formazione, sottoscriveremo un documento ratificato presso un pubblico ufficiale (notaio) in virtù del quale che sbaglia dovrà versare alla società un indennizzo di 100.000 euro. L’altro aspetto fondamentale, aderendo al MPCC, prevede che partirà anche un’azione risarcitoria nei confronti del team qualora ci fossero delle positività. Non abbiamo volontà vessatorie o persecutorie, ma sappiamo che il ciclismo è cambiato e vogliamo essere trasparenti».

Tornando al'aspetto agonistico, la parola passa al direttore sportivo Giovanni Ellena: «Da 10 anni lavoro con questo team e sono ancora qui, fatto non scontato e per questo ringrazio il mio team manager. Dal punto di vista organizzativo, vi dico che abbiamo anticipato il primo ritiro per curare nel dettaglio tutti i particolari». Accanto a lui nello staff i DS Roberto Miodini, Luca Caltabiani, Renato Pucciarelli e Licio Scartozzi. A chiudere, ancora Gianni Savio: «7 vittorie in 3 continenti sono il nostro bottino con tantissimi piazzamenti. E’ mancata al fortuna ma è rimasto lo spirito di squadra: vantiamo un record significativo, vale a dire 2240 i chilometri in fuga nella stagione 2014».

Presentata anche la new entry a livello tecnico con le biciclette a marchio Kuota (www.kuotacycle.it). «I modelli Khan, superleggero, e Kougar, per gli uomini veloci, sono quelli messi a disposizione del team. Dal 1° gennaio le bici saranno a disposizione degli atleti» spiega il CEO Maurizio Canzi.

Savio parla con molta serenità anche di Manuel Belletti: «Lo sponsor Sidermec mi ha chiesto di confermare Belletti, ma credo che per lui sia meglio rilanciarsi, con nuovi stimoli, in un altro team. E’ un bravo ragazzo, ha la nostra stima, ma chiediamo più grinta, carattere e determinazione, caratteristiche che nell’arco della stagione Manuel non ha avuto. Accontentare Buda e confermare il corridore in un ruolo secondario avrebbe voluto dire scontentarlo per tutta la stagione. I nostri uomini veloci saranno Gatto, Benfatto e Apollonio. Mi è costato prendere questa decisione su Belletti, avrei potuto dare risposte più diplomatiche, ma questi sono i fatti»

Ed eccoci a parlare del 2015: «Si parte dall’Argentina, per poi passare a Langkawi, Sud America e a tutta l’attività europea - spiega Savio -. Il Giro d'Italia? Siamo fiduciosi di poter partecipare, anche se in questo momento nessuno ci sarà di diritto, visto che la classifica della Coppa Italia è sub judice».

Capitan Pellizotti riavvolge il filo e torna col pensiero alla tappa dello Zoncolan: «Per me quella era una tappa molto significativa, nella terra dei miei genitori. Sapevo che poteva dare una svolta alla stagione del team e della squadra. È stata una corsa molto particolare e considero quel secondo posto un ottimo risultato, anche perché battuto da un campione come Rogers che è andato forte anche al Tour». E interviene ancora l'effervescente Buda: «Quel giorno, vedendo l'impresa di Franco mi sono commosso» rivela.



da Cesenatico, Pietro Illarietti
Copyright © TBW
COMMENTI
Complimenti
30 ottobre 2014 16:39 Fra74
al Sig. Gianni Savio, questo vuol dire parlare chiaramente: non si è nascosto dietro frasi di circostanza. Lo sponsor SIDERMEC "spingeva" per il ciclista M. BELLETTI, lo stesso Savio ci ha dato la risposta precisa. Ce ne fossero di Gianni Savio, almeno, in merito a questa risposta.
Ah, ben trovato pure all'influenzato FOLLETTO MARCHIGIANO che, dopo un travagliato 2014, possa rilanciarsi nel 2015....in bocca al lupo al chiaravallese, ora JESINO di adozione, SIMONE STORTONI. Se lo merita. Punto. Stop.
Francesco Conti-Jesi (AN).

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il Team DSM ha accettato di rescindere il contratto con Tiesj Benoot. Durante la loro stagione 2021 - scrive il Team DSM in un comunicato ufficiale - è parso evidente che Benoot non era in grado di mantenere i suoi...


Si è chiuso lo stage di 3 giorni di casa Colpack Ballan. La formazione orobica, del Presidente Beppe Colleoni, per il 2022 presenta l'inserimento di 2 nuovi atleti stranieri. Si tratta dell'irlandese Ronan O'Connor e dello spagnolo Ruben Sanchez. Tocca...


Le previsioni meteorologiche annunciamo per mercoledì 8 dicembre una giornata caratterizzata dall’arrivo delle neve a Brinzio, classica località che accoglie ogni anno l’8 dicembre la Pedala con i Campioni – Memorial Michele Scarponi. E’ per questo motivo che gli organizzatori...


Mark Cavendish vestirà la maglia della Deceuninck Quick Step per un'altra stagione. Dopo essere arrivato all'inizio del 2021 per quella che si è rivelata una stagione storica, Mark rimane a far parte del Wolfpack, squadra con cui è tornato a...


Ventidue biciclette rubate, due dovranno presentarsi venerdì prossimo al Tribunale penale di Lilla. «Marcq-en-Baroeul disterà una decina di chilometri scarsi – racconta oggi Ciro Scognamiglio sulla Gazzetta dello Sport - : è lì che nella notte tra il 22 e...


Sarà stato fortunato, ma sicuramente bravo. Lorenzo Fortunato riparte da dove in pratica è partito e si è palesato al mondo: dallo Zoncolan, dove sabato scorso si è ripresentato per l’inaugurazione della nuova seggiovia dedicata al Giro d’Italia. Oggi La...


Una vita interamente dedicata alla bicicletta, un dinamismo, una lucidità e un entusiasmo mostrati ad ogni uscita pubblica, fino a un paio di mesi fa. Giovanni Meazzo, morto domenica a 93 anni, era la memoria storica del ciclismo alessandrino. Era...


Faè di Oderzo sta per diventare, per la 19^ volta, la capitale del ciclocross italiano. I rinomati vitigni di Prosecco di Borgo Barattin, nel cuore della pianura trevigiana, faranno come sempre da cornice al Ciclocross Internazionale del Ponte, 4^...


La Federazione Ciclistica Italiana ha tagliato ieir il traguardo dei 136 anni di storia. Nel bel libro di Roberto Livraghi “Pista! Alessandria capitale ciclistica della Belle Epoque” si ricorda nel dettaglio la prima corsa di velocipedi...


Immaginate la scena: è la sera del 22 ottobre, Ashton Lambie ha appena realizzato il suo sogno di vincere il titolo mondiale dell'inseguimento su pista e rientra nel suo albergo a Roubaix. Ha ancora addosso la maglia iridata, deve ancora...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI