GIRO DI TOSCANA. Che tristezza, il nudelook della Colombia

DONNE | 13/09/2014 | 11:06
Quando la nazionale colombiana (in verità pare sia solo una rappresentativa regionale di Bogotà) è salita sul palco delle presentazioni del Giro di Toscana, a Campi Bisenzio, più d'uno ha strabuzzato gli occhi... Già perché le ragazze sudamericane hanno sfoggiato una tutina nudelook decisamente inusuale e anche di pessimo gusto. Certo, se l'obiettivo era quello di suscitare l'attenzione è stato centrato in pieno, ma le ragazze, il movimento femminile e il ciclismo meritano più rispetto.  Dietro a questa bella trovata pare esserci tale Jorge Tenjo, colombiano che negli anni Ottanta già frequentava la Café de Colombia del mitico Lucio Herrera. A questo punto ci poniamo alcune domande, più o meno serie, perché forse non vale la pena nemmeno stare qui a perdere troppo tempo con certe persone. La prima: il genio che ha pensato a questo tipo di iniziativa non è passibile di nessun provvedimento? Le ragazze colombiane hanno accettato disinvolte di farsi usare in quel modo senza proferire verbo? La “Bogotà Umana”, associazione benefica colombiana che campeggia sulle maglie come avrà considerato questa iniziativa e soprattutto, ne era al corrente? Ultima domanda: cosa indosseranno i maschi a Ponferrada... Ma in quel caso si tratterebbe davvero di nazionale colombiana, che da anni si avvale di una persona capace e competente come Claudio Corti, e di problemi di questo tipo - se dio vuole - non ce ne saranno sicuramente.
Copyright © TBW
COMMENTI
no comment
13 settembre 2014 11:56 superpiter
chi è l'idiota che l'ha ideata? e quello ancora più scemo che l'ha autorizzata a livello federale?

Da genitore
13 settembre 2014 13:20 TorrazzaForever
Tante fatiche e tanti sforzi per dare in questi anni dignità e credibilità al ciclismo femminile, poi vedi queste cose e ti cascano le braccia. Non è una questione di fare i puritani, però è stata un'iniziativa squallida: compassione per chi l'ha ideata ed altrettanta compassione per chi si è prestata a partecipare. Sicuramente non girerà la foto della vincitrice del Giro della Toscana tanto quanto girerà questa foto sui vari siti e certamente non attirerà nuove ragazze a questo bellissimo sport.

che schifo
13 settembre 2014 14:04 zanzibar
Nei panni di queste professioniste mi sarei rifiutata di indossare questo body, e tutta l'organizzazione prenda provvedimenti!!!! Le corse non sono sfilate di carnevale!!!!!



anche Tavecchio...
13 settembre 2014 14:12 nikko
"Siamo da sempre protesi a voler dare una dignità estetica alla donna del calcio..." sono le parole del presidente figc Tavecchio...
non oso immagginare come le avrebbe agghindate

CHIEDETE SCUSA
13 settembre 2014 18:17 cicredete
Ma come si fa a scivere certe cose senza verificarle? Chi di voi era a Campi Bisenzio? Sicuramente nessuno. Io invece c'ero ed il completo delle ragazze non era assolutamente "nude look" e NESSUNO HA STRABUZZATO GLI OCCHI perchè non si vedeva assolutamente niente. Quello che appare dalla foto è, evidentemente e chiaramente, solo un problema di ombre. Credo che dovreste chiedere scua alle ragazze della Colombiache non hanno fatto proprio niente di cui vergognarsi. Credo anche che un "giornalista" che scrive queste sciocchezze dovrebbe prima verificare attentamente una notizia di così grande gravità e che ha suscitato commenti a dir poco iongenerosi nei confronti delle atlete. Ripeto ero presente e non si vedeva assolutamente niente. Controllate e scusatevi se siete persone serie.

CHE PENA
13 settembre 2014 18:36 jaguar
Una cosa penosa, di cattivo gusto e senza senso.....ma la colpa è di tanti partendo dalla federazione, gli organizzatori e......... delle forze dell'ordine ....ma dove stavano?
Così si vorrebbe sostenere il movimento femminile nel ciclismo?

Chiedere doppiamente scusa
13 settembre 2014 19:01 klaus
Prima alle ragazze: https://twitter.com/pau13_3/status/510819651409178625/photo/1
si vede benissimo che l'articolo e' costruito sul nulla, bastava esserci oggi o cercare sul web la divisa ufficiale della squadra.
E poi ai lettori: non ci aspettavamo da una testata seria come Tuttobiciweb uno scivolone del genere

l'italiano, questo sconosciuto...
13 settembre 2014 19:08 excalibur
ma da qualche parte c'è scritto che le ragazze erano nude o si vedeva qualcosa? oppure c'è scritto che è colpa delle ragazze? ed è comodo segnalare tweet come fa klaus, quando da stamattina tutto il mondo si è scandalizzato per la foto che è stata pubblicata qui sopra...
possiamo dire che è la divisa meno gradevole che potessero disegnare? o bisogna avere il permesso divino?
il problema è che l'italiano purtroppo resta per troppi ancora sconosciuto..

X tutti i bigotti
13 settembre 2014 19:17 limatore
meglio sembrare nudo... che sembrare etico!!!! Bigotti

Che vergogna di ARTICOLO!
13 settembre 2014 21:47 AndreaGIANNI
Possibile che nessuno dal vivo si era accorto che erano nude e non sia intervenuto? NON sembravano assolutamente nude! La foto è TRUCCATA, senza nessuna attenuante: quella che potrebbe sembrare ombra NON può essere ombra perchè proprio in quel punto c'è l'imbottitura cioè un rilievo e un rilievo riflette la luce e quindi deve essere chiaro e NON scuro!.... A conferma di questo oggi ho visto l'arrivo a Segromigno e conosciuto le ragazze (una di queste è amica di un'amica...) e NON sembravano assolutamente nude e vedendole NON ho assolutamente pensato al nudo.
Incredulo di quanto leggevo sopra ho dovuto rivedere le foto da me scattate.... e NON sembrano assolutamente nude!
Ripeto: VERGOGNOSO è l'articolo!
Architetto Andrea GIANNI (mi firmo e noto con molto dispiacere che NON c'è firma nell'articolo....)

14 settembre 2014 07:19 fedbandini
Quando girate sui siti porno non vi fate di questi problemi, vero?

SCIVOLONE.................
14 settembre 2014 09:48 gass53
..........DEL GIORNALISTA SULLA CLASSICA BUGGIA DI BANANA !!!
SI VEDE CHIARAMENTE CHE è UN TESSUTO COLOR CARNE E NON UN TESSUTO TRASPARENTE!!!
CERTO CHE PUR DI FAR L'ARTICOLONE CI SI INVENTA DAVVERO DI TUTTO. HANNO DETTO BENE QUA SOPRA: IL MINIMO è CHIEDERE SCUSA ALLE RAGAZZE, MA HO I MIEI DUBBI.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Dicembre non è solo il mese di regali, lucine e Natale, ma anche il momento in cui i corridori scoprono il kit che sfoggeranno per i prossimi 12 mesi. Proprio come il lupo cambia il suo mantello, così il "Wolfpack"...


È stato il primo corridore, in 21 anni di storia della corsa, a conquistare per due volte consecutive il Tour Down Under. Ma Daryl Impey non si accontenta e vuol provare a fare la tripletta. «Penso che le mie possibilità...


Due giorni sulle pendici dell'Appennino-Piacentino per familiarizzare con tutte le novità che comporta il nuovo assetto del Team Casillo-Petroli Firenze-Hopplà: i corridori confermati e i nuovi arrivati della formazione Continental si sono dati appuntamento a Garbozza, località montana a 1000...


Parla correttamente finlandese, italiano, inglese, francese e svedese, ma se la cava anche col danese e lo spagnolo. Kjell Carlström è l’uomo al quale il ciclismo israeliano ha affidato le chiavi del suo futuro, dandogli in mano la Israel...


La strada che porta al professionismo per le atlete è iniziata , finalmente qualcosa si è mosso ma per arrivare al traguardo occorre sicuramente pedalare ancora. Ne sono convinte le rappresentanti di Assist, l'associazione Nazionale Atlete. In un comunicato...


E’ passata dal nuoto (4 anni di gare con due successi regionali) al ciclismo grazie alla società Santermo Imola che la fece salire in bicicletta in occasione di una gimcana, organizzata per una Festa dello Sport di...


Messa da parte la splendida giornata di Rivalta sul Mincio, con la doppietta di Stefano Leali e Lorenzo Farinati e quella di Faè di Oderzo grazie alle ottime prestazioni di Arianna Bianchi e Luca Furlan, il Team Piton Ciclocross è...


Da queste immagini pubblicate da Roberto Reverberi sembrerebbe che la formazione professioanl Bardiani CSF Faizanè potrebbe aver attuato un restyling molto importante del proprio look. Niente più arancio sulle divise dei corridori 2020. Per scoprire con certezza la nuova livrea...


Il raggio d’azione della funzione Garmin Pay™ sugli smartwatch Garmin si allarga anche ai clienti di FinecoBank: a partire da oggi, infatti, tutti i possessori di una carta Mastercard e Visa dell’istituto bancario potranno effettuare pagamenti contactless direttamente dal proprio...


Il cielo è grigio in questi gorrni sopra Crema ma c'è un insolito raggio di sole che regala emozioni e speranze. È un raggio che porta dritto al velodromo Pierino Baffi, il cui futuro ora è più sicuri e roseo....


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy