Fabio Aru: da Bologna al Kazakistan pensando alla Vuelta

PROFESSIONISTI | 18/06/2014 | 07:36
«Mi mancava la mortadella: sarà almeno un anno che non ne mangio...». Ritornando alle sue radici bolognesi, Fabio Aru non si nega nulla: nè l’affetto di chi l’ha visto nascere come ciclista e oggi se lo gode come rivelazione del Giro d’Italia, nè l’affettato. «In queste due settimane di riposo ho messo su altrettanti chili, ma farò in fretta a smaltirli: è già tempo di rimettersi al lavoro», confessa il sardo fra i piatti del Tramvia, che per questa sua tappa nel passato gli ha preparato un menu a tinte rosa.

A Casalecchio, che sette anni fa diventò il suo trampolino per il ciclocross e poi per la strada, Aru spunta intorno a mezzogiorno. ‘Vengo a trovarvi oggi’, si era annunciato di buon mattino ad Andrea Cevenini, il gioielliere che gli ha fatto da tecnico alla Ccv, da manager e un po’ da secondo padre nel viaggio che l’ha portato dall’anonimato al podio rosa. Una promessa mantenuta, trasformatasi in fretta in una convocazione alla quale, fra l’aperitivo nello storico Caffè Margherita e il pranzo, hanno risposto una trentina fra amici e dirigenti, il sindaco di Casalecchio Massimo Bosso, l’organizzatore Adriano Amici, Paolo Malini e il glorioso diesse Primo Franchini. Oltre all’intera famiglia Cevenini, con Andrea, il fratello Mirco e i genitori Bruno e Albertina. «Mi fa piacere vedere come vengo accolto ogni volta che torno qui», dice Fabio annusando gli odori della sua ‘seconda casa’, più familiare del solito per la presenza di uno zio trasferitosi a Bologna per lavoro.

«Ma che scherzo ci hai fatto al Giro?», gli dice Mauro Ventura, il titolare del ‘Margherita’ dove Aru transitava spesso, per le colazioni e anche per firmare i primi contratti. «Spero di farvene presto uno più grosso», sorride l’uomo nuovo del Giro, rievocando i tempi in cui, studente in Sardegna, faceva base qui nei fine settimana per andare alle gare di cross in Svizzera o in Repubblica Ceca, o semplicemente per allenarsi dietro il motorino di Cevenini nel freddo della via Emilia.

«AL GIRO ho sorpreso anche me stesso perchè non sapevo cosa potevo fare. Ma è un risultato che non è nato per caso: mi sono allenato bene, ho trascorso l’inverno giusto — racconta Fabio, al quale Cevenini ha regalato il suo orologio personale con la dedica ’Monte Campione’ riferita alla tappa vinta dal sardo — Il dopo Giro è stato faticoso per i tanti impegni (oggi volerà con la squadra in Kazakistan e tornerà lunedì ndr), ma a luglio abbasserò la saracinesca e penserò solo alla bici: mi aspettano il giro di Polonia e soprattutto la Vuelta, oltre allEmilia. Voglio chiuder bene la stagione». Se lo farà sul San Luca, mortadella per tutti.

da «Il Resto del Carlino» del 18 giugno 2014 a firma Angelo Costa
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Nessun ospite in studio per la presentazione dle Giro d'Italia numero 104, in ossequio alle norme anticontagio, ma tanti campioni in collegamento diretto o presenti con un video messaggio. Filippo Ganna vede già rosa: «Sono felice della partenza dalla mia...


Parte da Porto Sant'Elpidio l'avvicinamento al Trofeo Laigueglia per la formazione Continental della Mg.K-Vis VPM. Domani mattina, nella città marchigiana, la squadra si sottoporrà alle procedure solite con i test anticovid, i tamponi molecolari, le sanificazioni e tulle misure restrittive...


È nato il Giro, viva il Giro. La presentazione ufficiale della corsa rosa, della quale per la verità ormai si sa quasi tutto con un certo anticipo, resta sempre un appuntamento rituale, un passaggio obbligato per corridori e appassionati, quasi...


  L’attesa udienza del Gip del Tribunale di Alessandria Andrea Merelli in merito alla convalida o meno della archiviazione richiesta dal pubblico ministero si è conclusa con la decisione del Gip che si è riservato alcuni giorni prima di esprimere...


Un incontro amichevole, un colloquio davvero speciale quello che ha avuto come protagonisti questa mattina Ernesto Colnago e l'Arcivescovo di Milano Mario Delpini. Al porporato Colnago ha portato un regalo speciale, una delle sue city bike. Monsignor Delpini ha accolto...


Sarà una doppia edizione davvero speciale, quella della Roubaix 2021: sarà l'edizione del ritorno - dopo la pausa forzata - per gli uomini e l'edizione del debutto per le donne. Nella giornata odierna Aso ha reso noti gli elenchi delle...


Mentre cercherà di dare seguito in Medio Oriente al buon avvio di UAE Tour, l’UAE Team Emirates affronterà in Europa un intenso fine settimana di gare. In Belgio prenderà il via la campagna delle Classiche con l’Omloop Het Nieuwsblad (27...


La strada da percorrere l'ha tracciata Delio Gallina che nel Parco del Garda Golf di Soiano, nel Bresciano, ha ospitato staff e corridori della squadra dilettanti Gallina Ecotek Colosio per la stagione 2021. Con il supporto del team Rodella 2000, che...


Vincenzo Nibali vittima di uno scherzo delle Iene. Complici di questa clip Alberto Bettiol, Domenico Pozzovivo, Diego Ulissi, la moglie Rachele e i procuratori Alex e Jonny Carera.  Al campione siciliano viene fatto credere che la moglie si trovi in...


Sam Bennett mette uno straordinario sigillo sulla quarta tappa dell'UAE Tour, la Al Marjan Island - Al Marjan Island di 204 km. Come al solito, la Deceuninck Quick Step si è materializzata come d'incanto ai tre chilometri dal traguardo Morkov...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155