GIUDICI DI GARA. Una storia tutta da scoprire - 1

STORIA | 06/06/2014 | 11:59
Giudici di gara, ufficiali di gara, commissari di gara, giuria, collegio di giuria, collegio dei commissari, sono varie definizioni e “distinguo” per una funzione centrale, necessaria, per lo svolgimento e la regolarità delle corse di ogni epoca, di ogni categoria e di ogni tipo.

Cerchiamo di mettere alcuni punti fermi sulla nascita e sull’evoluzione della categoria del ciclismo forse più nascosta che non vive - come deve essere del resto per la natura della sua funzione - sotto la luce dei riflettori ma deve operare con efficace discrezione. Un po’, per rendere l’idea, come l’arbitro del calcio che è certo d’avere assolto al meglio il suo compito quando non si fa notare e il suo nome appare solo sul tabellino della partita e non entra nella cronaca e nel commento della partita. Passando inosservato, senza appunti, significa che ha corrisposto al meglio al ruolo, alla sua funzione, con discrezione e capacità di regolazione, interpretazione e applicazione delle norme regolamentari, senza ingenerare critiche e influire sul risultato.
Facile a dire, difficile, molto difficile, da realizzare soprattutto nei tempi recenti dove tutti i protagonisti e gli operatori sul campo di tutti gli sport vengono giudicati dalla critica con un voto e, sovente, con un commento.

Nel ciclismo questo metodo di giudizio non ha allignato e, per la maggior parte dei casi, i nomi dei componenti il collegio di giuria compaiono solo nei programmi di gara. Salgono alla ribalta della cronaca solamente in poche occasioni, nei casi che si prospettano soprattutto quando il collegio di giuria adotta dei provvedimenti di carattere tecnico, solitamente ed in maniera preponderante nelle concitate fasi finali di una corsa, nelle volate.

Questo nell’enunciazione di principio che, così come per gli arbitri di calcio, in soldoni e con poca generosità e comprensione della difficoltà del ruolo, si può rendere con la locuzione, sovente affibbiata agli arbitri di calcio e pure di altri sport, “un male necessario”.
Chiariamo subito che, per fortuna, nel ciclismo il ruolo del giudice di gara - lo chiameremo sempre così - ha ben altra accettazione, comprensione e rispetto in confronto a quello che accade nel calcio e in altri sport che devono registrare tristi episodi e manifestazioni d’intolleranza e contestazione con alte frequenze e pure, purtroppo, talvolta, becera e gratuita violenza.
Concentriamo però la nostra attenzione sul ciclismo.
Sembra non vi sia, nella pur copiosa produzione della pubblicistica che ha accompagnato il ciclismo delle varie epoche, una documentazione scritta organica, di tipo didascalico e rievocativo, che cerchi di documentare, spiegare e rappresentare alcuni aspetti della multiforme realtà che compone la categoria dei giudici di gara. Ci fosse, magari nascosta da qualche parte, sarebbe bene accolta e utile per la migliore comprensione di questa realtà, realtà importante ed imprescindibile per la vita del ciclismo.
Non parliamo di regolamenti, casistiche, relazioni e rapporti tecnici, tabelle o simili e tutto quanto importante, basilare, per regolare l’attività e che devono costituire il bagaglio e l’indispensabile base culturale (ma sì, usiamo questo aggettivo senza eccessivi timori o titubanze) dei giudici di gara ma, piuttosto, di testimonianze indicative della natura della composizione della categoria, delle motivazioni, delle aspettative - diciamo per campione - di coloro i quali sono nella categoria da sempre e di quelli che intendono entrarvi. - segue

Giuseppe Figini

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Festival della Arvedi Cycling al tredicesimo Gran Premio d'Autunno trofeo Comune di Acquanegra sul Chiese. Sul traguardo mantovano che ha chiuso la lunga stagione degli Elite ed Under 23 Stefano Moro ha preceduto il compagno di squadra Attilio Viviani in...


Il ligure Francesco Canepa, classe 1997 della Garlaschese ha vinto il 53esimo Trofeo Comune di Ferrera Erbognone ultima gara della stagione su strada dilettanti. Il vincitore allo sprint ha superato il compagno di fuga Davide De Robertis (UC Pregnana). Completa il...


Mario Cipollini è ricoverato in ospedale ad Ancona per problemi cardiaci ed è stato sottoposto ad un doppio intervento di ablazione al cuore per correggere una malformazione congenita: una prima operazione è stata effettuata ieri sera ed una seconda questa...


Un cuore ciclistico, quello del Veneto, che guarda oltre confine e si prepara a conquistare l'Europa ospitando uno degli eventi più attesi dell'intera stagione, vale a dire il campionato europeo di ciclocross che si svolgerà a Silvelle il 9 e...


Il 5 ° Gala di ciclismo UCI si è svolto oggi a Guilin, in Cina, riunendo numerose star del ciclismo su strada professionistico maschile e femminile, tra cui il Campione del mondo Mads Pedersene tanti campioni iridati del paraciclismo su...


  Dmitry Strakhov e Sergey Chernetskiy vestiranno nel 2020 la maglia della Gazprom - RusVelo. Il 24enne Dmitry Strakhov ha già ottenuto quattro vittorie professonistiche nella sua carriera ciclistica e in questa stagione ha gareggiato per il Team Katusha Alpecin,...


Ancora una bella prestazione per il cremasco Jalel Duranti del Team Colpack sulle strade del Giro della Nuova Caledonia, in Oceania. Dopo il successo di sabato scorso, oggi, nella quinta tappa corsa da Touho a Mine du Cap Bocage (Hauailou) di km 95, 5 il...


E' ufficiale: la Named Rocket ha rinnovato il proprio accordo con tutti gli sponsor in essere per la stagione 2020 che la vedrà ancora in gruppo con una formazione della categoria Elite e Under 23. A darne conferma è il...


Egan Bernal si sta rendendo conto di quanto la sua popolarità non abbia confini. Il giovanissimo talento colombiano che quest'anno ha vinto il Tour de France ieri sera è stato protagonista di un quesito di Caduta Libera, il preserale di...


Endurace è fantastica, Endurace è versatile, comoda e veloce. Endurace è una bici strepitosa, etc, …Questi sono alcuni dei commenti riportati da felici possessori di Endurace, ciclisti meno spinti verso agonismo sfrenato, ma atleti di livello che preferiscono pedalare comodi...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy