Luca Mazzanti: «Con tanto magone, mi fermo qui»

PROFESSIONISTI | 18/12/2013 | 08:52
«Non mi vedrete più in bici: Mi fermo qui». Scende dalla bici Luca Mazzanti, 40 anni a febbraio, dopo diciassette stagioni tra i professionisti, con dieci vittorie, l’ultima a Lugano nel 2007. Non un campione, ma nemmeno uno qualsiasi. Uomo squadra è l’etichetta giusta per il bolognese di sangue napoletano, atleta solare, mai toccato da ombre e sospetti, con una dote rara nel ciclismo moderno: quando ha preso il via, è sempre arrivato in fondo. Lo ha fatto per una carriera intera, un anno alla Panaria lo ha fatto in un tutte le corse disputate: un primato che il Guinness non avrà registrato, ma resta come soddisfazione personale, oltre che come segnale di serietà.

In Svizzera l’ultima gioia, come in Svizzera era stata la prima nel ’98, giro del Lago Maggiore con la Tollo, la sua seconda maglia dopo aver debuttato l’anno prima con la Refin dei bolognesi Primo Franchini e Orlando Maini. A seguire Fassa Bortolo, Mercatone Uno, cinque anni con la Panaria dei Reverberi, poi Tinkoff, Katusha e infine Fantini, correndo accanto a grandi capitani o emergenti di successo: Bartoli, Basso, Pozzato, Garzelli, per dirne qualcuno, o l’ultimo Pantani, per dire uno che basta la parola. Un giorno potrà dire di aver vinto al Giro, anche se la tappa di Frosinone nel 2005 la ottenne col secondo posto dietro Bettini, poi squalificato per aver fatto volare Cooke contro le transenne. Un giorno potrà raccontare di aver corso con la maglia azzurra, nel  2004 a Verona, dopo esser stato due volte riserva, nel 1998 e nel 2003: piaceva al compianto Ballerini e questo resterà il miglior ricordo.
MAZZANTI, ha deciso di smettere?

«Sì. Stop, basta. Mi ritiro».

Ma non aveva detto che voleva andare avanti?
«Volevo. Ma qualcosa con la squadra (la Yellowfluo di Scinto, ndr) si è rotto. Non cerco altre avventure, meglio smettere».

Cosa è accaduto?
«Avevo un accordo per aiutare i giovani a crescere: per motivi suoi, il team non l’ha rispettato. Così ho deciso: farlo a 39 o 40 anni cambia poco».

Peccato.
«Non ditemelo: sapendolo prima, mi sarei fermato al giro dell’Emilia, sulle mie strade. Conservando l’ultimo numero di gara».

Ha già un’idea per il futuro?
«Ho una società per raccogliere sponsor e seguire i giovani. Non voglio essere il classico procuratore che firma il contratto e svanisce, desidero farlo a modo mio: seguendo i ragazzi con passione e competenza e insegnando loro come si sta in un ambiente non facile come il ciclismo».

Che corridore è stato Mazzanti?
«Uno che ha fatto ciclismo con passione e serietà: nel mio piccolo, come il mio amico Ivan Basso».

Soddisfatto?
«Sì, perchè ho sfruttato le mie doti al 120 per cento. Sono stato un uomo squadra che ha avuto la stima di tutti i suoi capitani e che, quando ha avuto l’occasione di fare il leader, ha dimostrato di esserlo».

Sfogliamo l’album dei ricordi: il giorno più bello?
«Il campionato italiano che abbiamo vinto in tre: Pozzato come leader, io come unico gregario e Maini in ammiraglia. Pippo inseguiva da anni quel titolo, io ho lavorato per dieci: quel giorno ho fatto il numero più grande della mia carriera».

Il rimpianto?

«Gli ultimi due anni con questa squadra, finiti come non pensavo. E il rapporto con Pozzato, che si è deteriorato perchè, come suo uomo di fiducia, mi aspettavo maggior chiarezza».

A chi rimarrà legato per sempre?
«Facile dire Ivan Basso. Ma voglio molto bene anche a Piepoli: ha fatto un grande errore (positivo al Tour 2008, ndr), ma non lo cancello. Poi c’è Pantani: un affetto che porto dentro di me».

Salirà in ammiraglia?
«Per ora no: ho troppi impegni. E’ un momento chiave della mia vita, sono diviso fra Bologna, dove c’è mio figlio Matteo, e Milano, dove vive la mia compagna Laura, che rimpiango di non aver avuto accanto negli anni giusti».

Che tecnico sarebbe?
«Come il mio amico Maini, uno che vede tanto ed è sottovalutato perchè umile. Ma anche Ferretti, Reverberi e Scinto mi hanno lasciato qualcosa».

Mazzanti, niente festa d’addio?
«No, no, la farò. Troverò lo sponsor e farò un criterium con gli amici: l’ultimo numero da mettere in quadro lo vorrei...».
 
 
Angelo Costa da «Il Resto del Carlino» del 18 dicembre 2013

Copyright © TBW
COMMENTI
Per
18 dicembre 2013 10:33 Fra74
quanto posso aver visto, credo che LUCA MAZZANTI abbia espresso tutte le sue doti umane e sportive, un ragazzo semplice, mai sopra le righe, si è ritagliato una bella ESPERIENZA lunga 17 anni: COMPLIMENTI a LUI, un esempio!

Poi,come sempre, mi piacerebbe avere una risposta da parte dei vari Sig.ri Scinto & Citracca in merito alla affermazione di Luca Mazzanti, ma dubito che arriverà...così come penso che anche il Sig. Pozzato non voglia chiarire quanto sostenuto da Luca Mazzanti, va bene...un grosso saluto a Te, Luca e pure al grande Orlando Maini: due bolognesi DOC!!!!!
Francesco Conti-Jesi(AN).

GRAZIE DI TUTTO LUCA!!
18 dicembre 2013 11:10 Bartoli64
Come appassionato e cultore di questo sport non posso che rivolgere il mio GRAZIE a questo corridore che, come ricordato nell’articolo, non è mai stato neppure sfiorato dalle “magagne” che hanno imperversato nell’ambiente.

Luca Mazzanti mi ha sempre ricordato i leggendari gregari di Coppi, di Bartali e di Gimondi, e se “leggendario” a sua volta non ci è diventato è solo perché ha corso negli anni più bui di questo sport, pur svolgendo la sua professione con il massimo della serietà, della passione, della dedizione e dell’attaccamento. Un esempio vero il suo, un esempio raro.

Quanto al deterioramento dei suoi rapporti con Scinto e la dirigenza della squadra, nonché ai soliti “bla-bla” di Pozzato… nulla di nuovo sul fronte occidentale…

BUONA FORTUNA LUCA!!

Bartoli64

Grazie Luca
18 dicembre 2013 15:01 ciclistas
Per le belle emozioni che mi hai fatto provare durante il corso della Tua carriera e per il Tuo comportamento da prendere come esempio dai ragazzi e non: fatica ed umiltà.

Auguri per le feste in arrivo e per la Tua futura carriera.

Claudio Pagani

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

C’è un altro Vincenzo Nibali. Stessa latitudine e stesso accento. Stessa fame, dentro, e stesso fuoco, fuori. Stessa passione e stessa voglia. Stessa forza e stessa energia. Stessa modestia, terra-terra, forse anche stessa timidezza, almeno di partenza. E stessa devozione...


L’unico responsabile è Antonio Bertinotti. Tra accertate prescrizioni e assoluzioni è l’ex sindaco di Arona, anima e deus ex machina della Ciclistica, l’unico degli imputati del processo per le sponsorizzazioni gonfiate nelle gare di ciclismo a finire condannato. Il giudice Rosa...


A Cesena chi va a lavorare in bicicletta viene ricompensato: 25 cent a chilometro per un massimo di 50 euro al mese, con tanto di app che verifica il percorso. A Collegno una rete di piste ciclabili connette il territorio...


Quelli del Colnago Cycling Festival si stanno dimostrando NUMERI DA RECORD e confermano che questa è una manifestazione che sta diventando sempre più forte.   In occasione di entrambe le aperture di iscrizioni si sono registrati numeri da capogiro: il 4 ottobre 1.000 pettorali sono...


Il ciclismo brianzolo ha celebrato le sue eccellenze. Con una festa organizzata presso il Palazzo Terragni di Lissone il Comitato Provinciale di Monza e Brianza della Federciclismo, presieduto da Marino Valtorta, ha premiato gli atleti, le società e alcuni “addetti...


"Questo appuntamento rappresenta la storia del ciclismo. E' una bella iniziativa nata in un'area geografica che con il nostro sport ha un legame speciale e che lancia messaggi importanti per la sua crescita". A sottolinearlo è stato oggi il consigliere...


Luca Cibrario fra gli élite-under 23, Andrea Damiano (juniores), Andrea Conti e Filippo Borello (allievi), Milo Marcolli (esordienti), Nicoletta Bresciani (donne élite), Giulia Bertoni (junior), Martina Sanfilippo (allieve), Asia Rabbia (esordienti) hanno vinto, nelle rispettive categorie di appartenenza, il ciclocross...


Festa dello sport e della solidarietà ed ancora una volta grande successo per la Pedalata Telethon sulle strade della Versilia organizzata dal Pedale Pietrasantino presieduto da Alfredo Bertellotti con la collaborazione di Marco Giannelli delegato da Fondazione Telethon-UILDM (Unione Italiana...


Si è chiusa con un ottimo quinto posto assoluto l'avventura in azzurro alla Sei Giorni di Gand di Jacopo Cavicchioli e Filippo Ferronato.I due ragazzi del Cycling Team Friuli, convocati per l'occasione dal ct azzurro Marco Villa, hanno ben figurato nelle...


Sempre più affollati gli incontri formativi del progetto “Sicuri in Bicicletta” l’iniziativa della Federazione Ciclistica Italiana e della Fondazione ANIA in collaborazione con la Polizia Stradale ed il MIUR. La conferma si è avuta in occasione del quarto appuntamento, quello...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy