Bufera Sky: le volgarità di Wiggo, i reclami di Froome

PROFESSIONISTI | 29/11/2013 | 13:55
Se fossimo in Texas, la battuta sarebbe facile: «Houston, abbiamo un problema». Ma siamo in Gran Bretagna e allora possiamo parafrasare con «Sky, abbiamo un problema».

Problema che ha un titolo, un nome e un cognome: Sir Bradley Wiggins. Il campione britannico si è scusato oggi dopo una battuta oscena a sfondo sessuale pronunciata nel corso di una cena di beneficenza per raccogliere fondi destinati alle vittime di abusi sui minori.

I fatti: quando il volto di Wiggins è apparso sul grande schermo, i presenti hanno sentito chiaramente la voce del corridore rivolgersi al banditore d’asta con una frase volgare ("hai una voce suadente, perché non...") che ha gelato la platea, come riporta il Daily Star. Lo stesso giornale assicura che Wiggins, al fianco del quale sedeva la moglie Catherine, non era ubriaco, anche se l’alcool scorreva a fiumi nelle sale del grand hotel tra i presenti che hanno pagato 300 sterline a testa per entrare.
I fatti, raccontano i media britannici, risalgono all’inizio del mese di novembre.

Ma non è tutto qui. Wiggins è nella bufera anche per questioni legate alla squadra: Chris Froome lo ha accusato infatti di averlo escluso dalla divisione dei premi del Tour 2012. Sul piatto ci sarebbe un premio straordinario di un milione di euro messi a disposizione dalla Sky, ma sembra che Wiggo abbia escluso Froome, forse indispettito dall’atteggimento del gregario che aveva palesemente mostrato al mondo intero di essere più forte di lui in salita, dalla divisione della torta.

La vicenda è stata rivelata da David Walsh, giornalista britannico, nel suo libro dedicato alla Sky e coinvolge in prima persona anche il team manager Dave Brailsford. È chiaro che i soldi hanno la loro importanza, ma in questo caso è il gesto ad assumere una particolare rilevanza. E ad evidenziare che, purtroppo, il modello di supersquadra proposto da Sky forze non è dei migliori.
Copyright © TBW
COMMENTI
? ? ?
29 novembre 2013 15:11 magico47
...E questo sarebbe un campione?
--------------------------------


Loriano Gragnoli



29 novembre 2013 15:28 foxmulder
"È chiaro che i soldi hanno la loro importanza, ma in questo caso è il gesto ad assumere una particolare rilevanza. E ad evidenziare che, purtroppo, il modello di supersquadra proposto da Sky forze non è dei migliori"
Mi permetto di dissentire: non è il gesto ad assumere una particolare rilevanza: xe i schei (come si dice da queste parti). Mi pare che all'interno del team Sky, dove i quattrini scorrono a fiumi, si comincino a configurare quei "problemi di spogliatoio" tipici del calcio con atteggiamenti del buon Wiggo simili a quelli di un Balotelli qualunque. Se questo è il progresso del ciclismo viva Bartali (e viva Bartali comunque).

Ipse dixit
29 novembre 2013 15:37 Melampo
Come mi secca avere sempre ragione ...

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Resta in terapia intensiva all'ospedale di Niguarda di Milano e la prognosi resta riservata, ma Johnny Carera, ricoverato a seguito dell’incidente stradale del 26 novembre scorso sull’A4 all'altezza di Agrate, mostra segni evidenti di miglioramento. Attorno al manager di Pogacar...


Il ciclismo lombardo ha festeggiato i suoi grandi attori al Teatro Città di Legnano Talisio Tirinnanzi con una festa in grande stile. Una giornata speciale dedicata ai migliori della stagione 2021 che con i loro risultati hanno esaltato la scuola...


Due italiani esperti come Filippo Fortin e Mauro Finetto continueranno la loro avventura ciclistica con il team Continental tedesco Maloja Pushbikers.Finetto (nella foto) arriva dalla professional francese Delko, mentre Fortin già correva nella categoria Continental con l’austriaca Team Vorarlberg. Con...


Per il 2021 la candidatura della Arkea Samsic per il Giro d'Italia non ebbe successo, ma il team bretone non molla la presa e rilancia la propria richiesta alla RCS Sport. Nessuna dichiarazione ufficiale in proposito, ma le parole di...


Nella sua giovane carriera ha dimostrato di adattarsi perfettamente ad ogni tipo di bicicletta e terreno ma sabato 11 e domenica 12 dicembre a Vermiglio, in Val di Sole, Thomas Pidcock si troverà di fronte un’ennesima grande sfida: padroneggiare una...


«Abbiamo vinto una bella volata»: è il commento di Elia Viviani quando sa del buon successo ottenuto dalla vendita delle “Stelle di Natale” a sostegno della lotta contro le leucemie. Della Ail - Associazione italiana contro le leucemie - l’olimpionico...


È un ritorno, carico di suggestioni, perchè chi ama il ciclismo non può fare a meno di ricordare la Salvarani, una delle squadre più iconiche della storia del ciclismo. In attività dal 1963 al 1972, la Salvarani Vinse...


Caro Direttore, faccio slancio di diplomazia: lode e applausi, senza ironia, a chi organizza e dirige un Grande Tour. Con tutto quello che il Padreterno ci ha destinato negli ultimi tempi, non può essere che così. Mi permetto di aggiungere,...


Canyon ne è certa,  la nuova Torque non ha confini e può accontentare qualsiasi rider nei bike park di tutto il mondo o competere all’Enduro World Series. Vi sembra poco? Messi da parte il proclami una cosa è certa, gli ingegneri Canyon...


Si è spento Ferruccio Ferro, atleta e direttore sportivo di ciclismo. Era nato il 14 marzo 1952, aveva 69 anni. Abitava a Bertipaglia (Padova) e scoprì da dilettante Matteo Tosatto, il recordmen delle corse a tappe tra i professionisti e...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI