Amburgo, Bettini e Rebellin all'assalto della Coppa

| 31/07/2004 | 00:00
Paolo Bettini e Davide Rebellin: i due volti del ciclismo italiano. Capitano della nazionale olimpica il toscano, grande escluso il veneto. Si ritroveranno domani nella Classica di Amburgo, sesta prova della Coppa del Mondo che riparte per il suo ciclo estivo. ''Il mio obiettivo e' Atene, domani pero' voglio essere protagonista - dice Bettini - Se faccio una bella azione, non importa se poi arrivo quarto. L'importante e' testare la condizione''. Che dovrebbe essere buona, visto che nell'ultima tappa del Tour e' persino andato in fuga con dieci compagni d'avventura nel finale sui Campi Elisi. Poi la fuga e' evaporata, ma Paolo e' uscito bene dal Tour, anche se non ha vinto. Punta tutto sulla corsa olimpica, il toscano. Nel 2003 e' arrivato in vetta alla classifica mondiale, ora e' secondo. Ha vinto molto meno (una tappa al Mediterraneo, una tappa e la generale della Tirreno-Adriatico, una tappa al Giro di Svizzera) ma gia' all'inizio dell' anno aveva detto che il sogno era a cinque cerchi. Anche Davide Rebellin aveva lo stesso sogno e pensava di poterlo realizzare dopo il fantastico tris di aprile: Amstel Gold Race, Freccia Vallone e Liegi-Bastogne-Liegi nell'arco di otto fantastici giorni. Invece e' stato escluso dalla lista ed e' costretto a 'consolarsi' con la Coppa del Mondo. E' in testa alla classifica con 200 punri, 56 punti di vantaggio sull'olandese Michael Boogerd, 69 sul tedesco Steffen Wesemann (vincitore del Fiandre) e 73 sullo spagnolo Oscar Freire (Milano-Sanremo). ''Oltre che per la Coppa, tutto il mio lavoro era stato pensato per le Olimpiadi - dice Davide - Inutile nascondere il mio dispiacere. Credo che avrei meritato maggior rispetto: in fondo sono sempre il leader di Coppa''. La Classica di Amburgo sara' la prima occasione per far venire qualche rimorso al ct Ballerini. Per Jan Ullrich sara' invece il momento della verita' con la sua squadra. Dopo aver mancato il podio del Tour il tedesco e' stato duramente criticato dal ds della Telekom, Walter Godefroot: ''Armstrong vive per il ciclismo, Jan fa del ciclismo per vivere''. Jan ha promesso che non lascera' passare l'affronto.
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Perché la bicicletta va veloce ma mai di fretta. Perché la bicicletta è più libera di quel che ci si aspetta. Perché la bicicletta è forte e ti porta fin sulla vetta. Perché la bicicletta è umana, democratica, sostenibile e...


Uno scricchiolio, l'implosione improvvisa e tanta paura. Si è sfiorata la tragedia domenica sera a Oropa. La gigantesca bicicletta realizzata dall'artista Ivano Munarin è crollata su sé stessa travolgendo le persone che satavo posando per una foto ricordo. Tra loro...


Si conoscono i percorsi dei Campionati Italiani a cronometro organizzati dall’Unione Ciclistica Larcianese in programma a Grosseto il 19 e 20 giugno. Partenza ed arrivo in Viale della Repubblica e percorso interamente pianeggiante che tocca le zone di Principina a...


Tadej Pogačar ha vinto il Giro d’Italia ma ha stravinto anche il FantaGiro d’Italia. Il progetto lanciato da RCS Sport, a fronte di una poderosa promozione, ha riscosso notevole interesse, sfiorando gli 80 mila utenti iscritti e le 108 mila...


Il 16 giugno si avvicina e se molti di voi hanno messo nel mirino la quinta edizione della BERGHEM#molamia, sappiate che la presentazione ufficiale della manifestazione è stata fissata per venerdì 31 maggio alle ore 20:30 al Neuchatel 1928 di...


La bici con le sue emozioni e i suoi colori ha trasportato anche quest’anno gli istituti primari del comprensorio spoletino in occasione di “Pedalando nei Sogni: Bambini e Bicicletta…un Amore Infinito”. La seconda edizione del concorso di disegno tematico, promosso...


Il demone in bicicletta è un insegnante di Storia e Filosofia con la passione (necessità?, bisogno?, urgenza?, istinto?, ispirazione?) dello scrivere. Saggi, critiche, memorie. All’anagrafe risulta Luigi Antonio Pedretti, in copertina compare Pierluigi Pedretti, lui si firma Luigi Pedretti. Uno...


Pedalare è il modo migliore per scoprire le bellezze del nostro Paese e la Romagna è una delle zone che per prime ha creduto nel cicloturismo. In questo meraviglioso angolo d'Italia Ciao Bellezza ha selezionato l'Hotel Il Villino, che troneggia...


Dopo il Giro della Bolghera, salta anche il Trofeo Degasperi. Il ciclismo trentino ha perso le sue due grandi classiche nella stagione 2024, con la viva speranza di poterle riabbracciare nel 2025. Se a mettere in difficoltà la Bolghera sono...


JonnyMole, studio internazionale di design e comunicazione con sede a Cittadella (Padova),  ha celebrato il suo 25º anniversario lo scorso giovedì 23 maggio 2024, in occasione della tappa padovana del Giro d’Italia. Punto di riferimento per il design del settore ciclistico, Jonny...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi