OSCAR TUTTOBICI. La verve tricolore di Emilio Vichi

| 30/10/2011 | 09:10
Emilio Vichi è il vincitore dell’Oscar tuttoBICI Esordienti 1° anno Gran Premio KIA MOTORS. Il giovanissimo alfiere della Ciclistica Bordighera si è imposto nella classifica riservata ai nati nel 1998 con le sue dieci vittorie stagionali, tra cui spicca il titolo italiano di Povegliano (Tv). Il tredicenne di Vallecrosia, in provincia di Imperia, non vede l’ora che arrivi il 10 novembre per ricevere l’Oscar: «Sarà emozionante salire sul palco insieme ai professionisti. Ho letto che ci saranno Scarponi e la Bronzini e tanti altri campioni, mi fa davvero piacere pensare che per una sera sarò con loro. A dire la verità non conoscevo la vostra rivista, ma dal mese scorso potete dire di avere un lettore in più».

Quando hai iniziato a correre?
«La passione me l’ha trasmessa papà Maurizio, che non ha mai gareggiato ma esce in bici da sempre come amatore. I primi giri in bici con lui verso i 6 anni, le prime gare da G3 con la stessa squadra per cui pedalo ancora oggi».

Contento del tuo 2011 sportivo?
«Meglio di così non poteva andare. A inizio anno sapevo di essermi preparato per far bene fin da subito, ma non speravo in tanti successi al di fuori della Liguria. La vittoria al Campionato Italiano è stata una grande gioia».

Oltre ad andare in bici cosa fai?
«Sono al 3° anno della scuola media. Non ho hobby particolari, ma nel tempo libero mi diverto giocando a scacchi con papà. Per il resto, si sa, se il ciclismo lo si vuole fare bene occupa tanto tempo».

Qual è il ciclista a cui vorresti assomigliare da grande?
«Non so, posso dirti quali ammiro: Lance Armstrong, Fabian Cancellara, Alberto Contador. Il più grande di tutti però è stato Marco Pantani. Com’è successo a tanti, anche a me le sue imprese hanno fatto scoppiare quest’amore per le due ruote».

Giulia De Maio
Copyright © TBW
COMMENTI
30 ottobre 2011 09:32 francos
"Per il resto, si sa, se il ciclismo lo si vuole fare bene occupa tanto tempo"

Parla come un professionista, che tristezza. i ragazzini a quell'età devono pensare solo a giocare, divertirsi.non si può interpreatare il ciclismo come un lavoro, quello deve essere un hobby come il giocare a scacchi con tuo padre.svegliatevi genitori,una maglia di campione italiano a 10 anni non serve a niente!
il consiglio di un professionista

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Sarà stato fortunato, ma sicuramente bravo. Lorenzo Fortunato riparte da dove in pratica è partito e si è palesato al mondo: dallo Zoncolan, dove sabato scorso si è ripresentato per l’inaugurazione della nuova seggiovia dedicata al Giro d’Italia. Oggi la...


Una vita interamente dedicata alla bicicletta, un dinamismo, una lucidità e un entusiasmo mostrati ad ogni uscita pubblica, fino a un paio di mesi fa. Giovanni Meazzo, morto domenica a 93 anni, era la memoria storica del ciclismo alessandrino. Era...


Faè di Oderzo sta per diventare, per la 19^ volta, la capitale del ciclocross italiano. I rinomati vitigni di Prosecco di Borgo Barattin, nel cuore della pianura trevigiana, faranno come sempre da cornice al Ciclocross Internazionale del Ponte, 4^...


La Federazione Ciclistica Italiana ha tagliato ieir il traguardo dei 136 anni di storia. Nel bel libro di Roberto Livraghi “Pista! Alessandria capitale ciclistica della Belle Epoque” si ricorda nel dettaglio la prima corsa di velocipedi...


Immaginate la scena: è la sera del 22 ottobre, Ashton Lambie ha appena realizzato il suo sogno di vincere il titolo mondiale dell'inseguimento su pista e rientra nel suo albergo a Roubaix. Ha ancora addosso la maglia iridata, deve ancora...


A Vermiglio i cannoni non serviranno e ieri, dopo abbondanti nevicate, è stato ultimato il tracciato della tappa di Coppa del Mondo in Val di Sole che sabato e domenica accoglierà i big del ciclocross. Sarà un circuito di 3...


Prosegue il dibattito sullo stato del ciclismo giovanile. Dopo l’appello e le argomentazioni di Daniele Di Batte relativamente alla categoria Giovanissimi in provincia di Livorno, tuttobiciweb raccoglie ora l’intervento di Roberta Santini, vicepresidente provinciale della Federciclismo labronica che si fa...


Il copertoncino tubeless CST Tirent è l’ideale per il Gravel ed è nato per affrontare i  più svariati terreni tipici della specialità. Grazie alla larghezza di 42mm e alla mescola Dual sorprende per trazione comfort. per leggere l'intero articolo vai su tuttobicitech.it


Nova Eroica Prosecco Hills è la nuova manifestazione ciclistica in provincia di Treviso. Tre percorsi di 50, 93 e 110 chilometri tra le colline del Prosecco e le colline dell’Unesco che si svolgeranno il 30 aprile e il primo maggio...


Il Cycling Team Friuli 2022 sarà un team di grande talento come è tradizione per la formazione bianco-nera ma, allo stesso tempo, per la prima volta nella storia sarà una squadra internazionale e poliglotta. Al riconfermatissimo campione croato Fran Miholjevic, infatti,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI