LE STATISTICHE DEL TOUR. ITALIA, DIECI TRIONFI MA DA 85 TAPPE NON NE VINCIAMO UNA

TOUR DE FRANCE | 18/06/2024 | 08:10
di Daniele Gigli

Cresce l’attesa per l’edizione numero 111 del Tour de France che sabato 29 giugno partirà per la prima volta nella sua storia dall’Italia. La speranza è che il nostro ciclismo possa conquistare risultati migliori rispetto al recente passato. L’ultimo azzurro a lasciare il segno è stato infatti Vincenzo Nibali. Nel 2014 ha scritto il suo nome in un albo d’oro che poi non ha più visto primeggiare italiani e il 27 luglio del 2019 sul traguardo di Val Thorens ha siglato quella che ad oggi rimane l’ultima vittoria di tappa del nostro movimento. Da quel giorno 85 frazioni individuali di digiuno.


Nel complesso 7 i ciclisti azzurri che hanno scritto il proprio nome nell'albo d'oro della Grande Boucle per un totale di 10 trionfi: le doppiette messe a referto da Bottecchia nel 1924 e nel 1925, da Bartali nel 1938 e nel 1948 e da Coppi nel 1949 e nel 1952, oltre ai singoli successi festeggiati da Nencini nel 1960, da Gimondi nel 1965, da Pantani nel 1998 e appunto da Nibali nel 2014.


Dopo l’impresa del campione siciliano, i migliori piazzamenti italiani al Tour sono stati il 4° posto sempre di Nibali la stagione successiva e il 5° di Fabio Aru nel 2017. Nelle ultime 6 edizioni (dal 2018 in avanti quindi) l’unico piazzamento nella top ten per il ciclismo italiano è stato il 10° posto di Damiano Caruso nel 2020. In totale 25 gli azzurri saliti almeno una volta sul podio finale della Grande Boucle.

Fonte www.ciclopico.it

Copyright © TBW
COMMENTI
Nibali
18 giugno 2024 13:31 Stef83
E pensare che in questo Forum spesso e volentieri si è criticato un campione come Vincenzo....

E altri
18 giugno 2024 18:11 JeanRobic
Sparano a zero sui giri di Nibali che ha vinto senza concorrenza e di altri tipo Geoghegan Hart, Hindley o Hesjedal dicendo che erano di basso livello per esaltare quello di quest'anno solo perché ha vinto Pogi, quando in verità è stato il parterre più scadente forse dai tempi di Cunego.

@ stef83/jeanRobic
18 giugno 2024 18:37 Arrivo1991
Purtroppo il forum e' infestato da quelli che danno degli "hoolingans visma " ad altri, ma che commentano senza nemmeno sapere di cosa parlano. Gente che criticava la Vuelta 2023, per il solo fatto che Pogacar le aveva buscate al Tour e la Jumbo ( ora Visma ) faceva tripletta nei grandi Giri. Quest'anno, con un Giro chiuso gia' alla prima settimana, era tutto fantastico. Secondo loro. Nibale resta un campione infinito, il piu' grande dai tempi di Gimondi

Sembrano
18 giugno 2024 20:21 JeanRobic
I fan di Vasco Rossi, dove la musica è solo lui e tutti gli altri vengono presi a pomodorate ai concerti.

l'immenso nibali
18 giugno 2024 20:38 maxlrose
al tour vinto, già nelle prime tappe il nostro Vincenzo aveva dato uno bello schiaffo a contador sul pavè e senza contare la splendida vittoria a Sheffiled alla seconda tappa con conseguente maglia gialla .
E il resto del tour lo corse da vero dominatore ,senza mai cali e addirittura in crescendo nell'ultima settimana .. quindi moooooollllllttttttooooo probabilmente lo avrebbe vinto anche senza le assenze di Contador e Froome. E del capolavoro alla Milano San remo? Criticare Nibali è solo da non amanti del ciclismo

Il Talento di Nibali
18 giugno 2024 21:00 JeanRobic
Difficilmente lo rivedremo nei corridori compiuterizzati di adesso. Poteva vincere in qualsiasi modo, con un attacco in discesa, con un attacco in salita, scoprirsi quasi corridore da pavè, forse non avrebbe vinto il Tour con Contador e Froome ma se la sarebbe giocata fino all'ultima tappa anche perché quell'anno in salita volava. Nei corridori di oggi manca estro, ok attaccano da lontano perché sono nettamente superiori ma Vincenzo spesso si inventava vittorie contro avversari più quotati di lui e in corse a lui non congeniali.

JeanRobik
18 giugno 2024 22:35 Frank46
A me sembra che la maggior parte di quelli che sparano a 0 sui GT vinti da Nibali sono quelli che sparano a 0 sul livello di qualsiasi corridore vinca o arrivo a podio al Giro o su qualsiasi italiano si dimostri competitivo.

Non so te di preciso se almeno sto difetto di sparare a 0 su Nibali non ce l' avevi mai di base l' identikit di quelli che sparavano a 0 su Nibali è lo stesso identico di quelli che sparano a 0 sul Giro e su qualsiasi sportivo italiano di successo e quindi probabilmente anche te sei uno di questi.

Non solo di ciclismo, si può trattare di Nibali come della Pellegrini o di Rossi. Come del resto si può parlare di Giro d' Italia come di Ferrari. È proprio un classico , una volta c'erano i discorsi da bar oggi quelli su YouTube e pagine varie.

Dovremo aspettare ancora,mi sa.
18 giugno 2024 23:48 pickett
Avrete letto che Ciccone ha di nuovo preso il Covid,quindi,anche stavolta,addio sogni di gloria.Ma Ciccone quante volte ha preso il Covid?é il primatista mondiale di Covid.

Frank46
19 giugno 2024 13:47 JeanRobic
Io difendo il Giro quando secondo me è da difendere, e quando è da criticare critico, Nibali è vero ha vinto con le assenze e grazie anche a una caduta di Krukswijk ma l'olandese era sicuramente un contender più forte di Martinez se devo fare un paragone, quindi se c'è da criticare un parterre io lo critico, non me ne frega niente di essere etichettato o di appartenere a un identikit piuttosto che un altro. Ricordiamoci che Nibali ha vinto il Tour contro Peraud e un giovane Pinot, credo mai più ci sarà un podio così scadente alla Grand Boucle, come quest'anno Pogi con gli altri a dieci minuti.

JeanRobik
19 giugno 2024 18:55 Frank46
All' epoca tutti a dire che i suoi avversari erano scarsi e nessuno che dicesse che Kruswuik era un buon corridore e io scrivevo le stesse identiche cose che scrivo oggi.
Poi mi sono stufato perché era impossibile ragionare e a distanza di anni e senza Nibali avevo pensato che il clima fosse un po' diverso e invece non è cambiato nulla.
Il Giro viene sempre screditato come succedeva allora e anche
se non c'è un Italiano si scredita il ciclista straniero di maggior successo.

Come al solito dopo essersi piazzato al Giro gli capitò anche di piazzarsi in due Tour de France e l' opinione di qualcuno cambio.

Tranquillo che Martinez se i prossimi anni parteciperà a qualche Tour de France da capitano otterrà anche lui i suoi piazzamenti come hanno fatto Carapaz, Hidley, Roglic, Kelderman, Landa, Doumulin , Aru ecc ecc, tutti corridori che erano bistrattati prima di piazzarsi anche al Tour.

Che Martinez quest' anno avrebbe fatto grandi cose non l' avrai capito te, ma è dall' inizio dell' anno che stava suonando gente fortissima uno su tutti un Evenepoel in condizioni molto migliori rispetto al recente Delfinato.
Al Giro di qualche anno fa sempre te non avrai notato il suo livello. Era assolutamente da podio ma dovette fare da gregario e arrivò comunque in top 5.
Io ho veramente tantissimi dubbi sul fatto che te nel Giro d'Italia 2016 riconoscevi a Kruswuik il suo valore. Kruswuik nel 2016, nonostante non avesse anche più anni di Martinez oggi aveva un palmares molto più modesto di quello di Martinez pur avendo avuto spesso l' opportunità di fare il capitano.

Il suo miglior risultato all' epoca era un 7° posto in un Giro e a differenza di Martinez non faceva niente di che neanche nelle gare a tappe di una settimana.

Quell' anno lui andò forte e Nibali nelle prime due settimane andò molto piano rispetto al suo potenziale.

Nelle stagioni successive Kruswuik ottenne i suoi migliori risultati perché riuscì a ripetere le prestazioni di quel Giro che i più ritenevano essere prestazioni scadenti.
Peccato che poi come succede praticamente sempre dimostrò che le stesse cose che aveva fatto al Giro poteva farle al Tour.
Infatti al Tour arrivò 5° e 3° e poi alla Vuelta 4°.

Ma che te in quel Giro riconoscevi in Kruswuik delle qualità non ci credo proprio perché non ne sei capace.

Kruijswijk
19 giugno 2024 20:33 Albertone
Caro Frank46 abbi almeno la decenza di scrivere i nomi corretti. Primo. Secondo, tu che con i tuoi racconti hai visto la Us Postal vincere 3 Giri in un anno, solo tu, non venire a fare le pulci ad altri. Grazie

Albertone
20 giugno 2024 14:55 Frank46
Sei patetico e non hai argomenti. Non è una risposta rimarcare per anni e all' infinito che sbagliavo a credere che la US postale avesse vinto tutti i GT in un solo anno. Io rispondo parlando di ciclismo, te che fai?

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
TEAM DSM-FIRMECH POSTNL. 6. Partono con il botto, con la vittoria di tappa sulle calde e assolate strade di Rimini, messa a festa per il Tour, e che festa, che emozione, che bellezza di sublime bellezza. Bello giallo e incredulo...


Tre settimane dopo la storica partenza da Firenze, Il Tour de France 2024 ha vissuto oggi l’ultimo “capitolo”, una sfida contro il tempo tra il Principato di Monaco e Nizza di 33, 7 che ha incoronato Tadej Pogacar come re,...


Jarno Widar vince il Giro della Valle d’Aosta, sul traguardo di Cervinia la tappa va a Arias Torres (Uae). Widar si presenta ai duecento metri dall’arrivo con Dostiyev, vincitore della prima frazione e davvero l’uomo che meglio ha saputo resistere...


Una maglia importante in una prestigiosa vetrina internazionale per Under 23. Il Team Biesse Carrera brilla al Giro della Val d'Aosta, terminato oggi e dove il toscano Tommaso Dati (classe 2002) si è aggiudicato la classifica finale dei Traguardi volanti,...


Si è concluso oggi a Selve di Teolo, nel Padovano, il Giro del Veneto categoria juniores. La frazione conclusiva è stata conquistata allo sprint dall'azzurro Alessio Magagnotti, della Autozai Contri, che ha regolato Riccardo Fabbro (Industrial Forniture Moro C&G Capital)...


Un brindisi al Muro, che l’ha accolto trionfalmente il 25 maggio, nella penultima tappa dell’edizione numero 107 del Giro d’Italia. E, soprattutto, un brindisi a lui, che ha scelto Ca’ del Poggio per festeggiare – ieri, sabato 20 luglio -...


L’imbattibile Tadej Pogacar in fondo alla classifica di una corsa? Sembrerebbe impossibile, eppure c’è stato un tempo in cui le prendeva... e come se le prendeva. Una cosa che sembrerebbe incredibile, soprattutto oggi che si appresta a vincere il suo...


Un Tour storico come quello del 2024 si chiude con un'altra pagina di storia: per la prima volta in 111 edizioni, infatti, la Grande Boucle non si concluderà a Parigi. La capitale, che da giovedì ha cominciato ad accogliere gli...


Raffica di statistiche sulla ventesima tappa del Tour de France, redatte da Michele Merlino e dall'NTT Daily Stat. 6+5: POGACAR INFRANGE UNA NUOVA BARRIERA Con una 5a vittoria di tappa al Tour de France, dopo averne vinte 6 al Giro...


Una normale giornata di allenamento in quota - la Soudal Quick Step è in ritiro al Passo San Pellegrino con Julian Alaphilippe, Ayco Bastiaens, Gil Gelders, Antoine Huby, William Junior Lecerf, Paul Magnier, Tim Merlier, Pepijn Reinderink, Pieter Serry, Martin...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi