ITZULIA. ROGLIC, EVENEPOEL E LA CALZA DELLA DISCORDIA. GALLERY

PROFESSIONISTI | 02/04/2024 | 08:18
di Francesca Monzone

La cronometro che ieri ha dato il via ai Paesi Baschi ha visto la vittoria di Primoz Roglic nonostante l'errore di percorso e il quarto posto di Remco Evenepoel, che finito a terra, ha chiuso con un ritardo di 11 secondi dallo sloveno. Le immagini in una cronometro corrono sempre veloci, ma gli occhi attenti degli addetti ai lavori e degli appassionati, si sono fermati sui caschi che in gara hanno indossato Evenepoel e Roglic.


Entrambi hanno corso con il casco della Specialized, ma Evenepoel non aveva più la famosa calza bandita dall’UCI, mentre Roglic ha continuato ad indossarla. Dobbiamo fare un passo indietro per spiegare meglio quanto accaduto e tornare al 5 marzo, quando l’UCI, applicando l'articolo 1.3.033 del proprio regolamento, vietava l'uso di componenti 'non essenziali'. Pertanto la famosa calza che nulla aveva a che fare con questioni legate alla sicurezza, doveva sparire dalla testa dei corridori. A partire da oggi 2 aprile è iniziato il divieto della calza, ma nella cronometro di ieri la Soudal-Quick Step ha deciso di allinearsi subito alla nuova normativa UCI, mentre la Bora-Hansgrohe ha deciso di utilizzare le calze fino all’ultimo giorno consentito. Infatti proprio Roglic in conferenza stampa aveva detto che lui e la sua squadra le avrebbero utilizzate.


Allora c’è da chiedersi: perché due scelte così diverse? Il motivo è molto semplice e anche un po’ particolare, perché in casa Soudal-Quick Step, tutti compreso anche Lefevere, erano convinti che il divieto partisse dal 1 aprile, quindi includendo il giorno della cronometro ai Paesi Baschi. A conferma di questo c’è l’articolo della rubrica Column su Het Nieuwsblad di Lefevere uscito sabato, dove per l’appunto dice che non useranno le calze dal primo aprile e poi ci sono le dichiarazioni di Evenepoel a fine gara. «Non lo abbiamo usato perché sapevamo che non potevamo più usarlo – ha detto Remco riguardo la calza da mettere sotto il casco - Quelli della Bora-hansgrohe l'hanno usata. Il sito dell'UCI adesso dice che è vietata dal 2 aprile? Noi abbiamo ricevuto un'e-mail che confermava il divieto a partire dal 1 aprile. Alla Parigi-Nizza avevano già detto che sarebbe stata l'ultima volta che ci sarebbe stato permesso di usarla, ma forse non lo sanno bene neanche loro».

Il campione della Soudal – Quick Step, riguardo l’uso della calza in gara, ha voluto anche sottolineare che non c’è stato nessun vantaggio per Roglic, e che gli 11 secondi di ritardo erano dovuti esclusivamente alla caduta.

«Alla fine credo di essere rimasto fermo per tredici secondi circa. Quindi dobbiamo aggiungere anche altri secondi per riprendere il giusto ritmo di gara e così a conti fatti ho perso almeno 20 secondi. Tenendo conto di questo, allora posso dire che se non fossi caduto avrei finito davanti a Roglic. A posteriori è sempre facile dirlo e alla fine, posso solo dire che non sarei dovuto cadere».

Il campione del mondo a cronometro non è infastidito solo dalla questione delle calze, ma anche da un richiamo che hanno ricevuto dall’UCI prima della gara e che riguarda la posizione delle radioline. «Cominciano a pensare a ogni genere di cose – ha detto il belga alla stampa riferendosi all’UCI -: questa mattina sono venuti due ore prima della partenza a dire che le radio andrebbero rimesse sulla schiena, perché come le mettiamo adesso darebbero un vantaggio aerodinamico». 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Ehh...
2 aprile 2024 09:09 Hal3Al
caro Evenepoel si può dire quello che si vuole,ma quello che conta sono i fatti.
Anche Roglic può recriminare di aver perso dei secondi allora.
Per lUCI bravo chi li capisce.

L'importante
2 aprile 2024 10:41 Arrivo1991
L'importante e' fare una bella polemica. Almeno si ha da dire qualcosa

Chi vince
2 aprile 2024 11:50 fransoli
Ha sempre ragione ma è innegabile che senza la caduta avrebbe vinto remco, che così probabilmente si è giocato buona parte delle chance di vittoria finale, credo proprio che alla fine il danese farà valere le sue doti di scalatore e di fondista, troppo pochi i secondi di svantaggio rispetto ai 2 avversari principali

Solito Remco
2 aprile 2024 12:22 Bullet
Sempre a dare le colpe ad altri senza neanche conoscere bene il regolamento o sminuire chi arriva davanti...mi spiace ma facendo così non può che continuare ad attirare antipatie e come ho già detto non capisco perché non lo facciano seguire da un ex che lo fa pensare un po' di più prima di parlare...a rimetterci alla fine è solo lui.

La colpa
2 aprile 2024 14:41 Cicorececconi
Poi trovi l'utente che accusa i giornalisti d'inchiesta ( i vari Bonarrigo). Qui si creano casi gratis e poi ci si domanda anche del perche' il ciclismo e' sempre sotto una lente di osservazione. Complimenti

Et voila'
2 aprile 2024 15:10 Carbonio67
Un'altra bella storiella che fa bene al ciclismo. Ottimo

Lamentino...
3 aprile 2024 08:48 Luke82
Oramai è sempre più antipatico. I giornalisti lo preferiscono così perché almeno hanno qualche articolo da scrivere, ma è veramente patetico che ogni volta che Remco non vince è sempre colpa di qualcosa e/o qualcun'altro. Roglic ha perso quasi 10 secondi sbagliando strada, se avesse fatto Remco lo stesso errore sono sicuro che avrebbe incolpato gli organizzatori anche per quello...

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Non sono arrivate medaglie per la nazionale italiana nella seconda giornata di gara della prova di Nation's Cup che si sta disputando a Milton, in Canada.  Il miglior risultato è stato il quarto posto di Elisa Balsamo e Vittoria Guazzini...


L’Amstel Gold Race è la più importante corsa dei Paesi Bassi ed è anche la prima corsa del famoso Trittico delle Ardenne, che dopo la classica olandese prosegue con Freccia Vallone e Liegi-Bastogne-Liegi. per seguire il racconto in diretta dell'intera...


Una famiglia francese nata per correre e destinata a lasciare segni importanti nella storia del ciclismo. L'ultimo rampollo di casa Martinez è Lenny, che a soli 20 anni sta bruciando le tappe e punta a diventare uno fra i più...


La VF Group Bardiani-CSF Faizanè ha scelto i 7 uomini per il Tour of the Alps, in programma dal 15 al 19 aprile. Con i suoi 13, 250 metri di dislivello complessivi per 5 tappe, è la corsa per eccellenza...


Da Maastricht alla periferia di Valkenburg, 157 chilometri, 21 côtes da superare, 140 corridori che promettono spettacolo: ecco a voi l’Amstel Gold Race. La gara della birra, unica classica che si svolge nei Paesi Bassi, festeggia quest’anno la sua decima...


Nell’ultimo decennio il rapporto dei corridori italiani con il Tour of the Alps non è stato particolarmente idilliaco, anzi. L’ultima vittoria risale al 2013, neanche a dirlo con Vincenzo Nibali, quando la corsa si chiamava ancora Giro del Trentino (l’odierna...


Due figli d'arte che sono anche due padri d'arte, due famiglie legate a filo doppio - meglio dire, indissolubile - allo sport del ciclismo. Sulle strade del Giro d'Abruzzo Juniores, corsa a tappe che si concluderà proprio oggi, abbiamo incontrato...


1974-2024: sono passati 50 anni da quando dei baldi quindicenni si cimentavano nella Categoria Esordienti. Quei ragazzi di ieri si sono ritrovati in 16 intorno ad un tavolo nelle sale della trattoria Stefan, grazie al lavoro di Stefano al quale...


Dagli specialisti del settore CST Tires arriva una bella novità che farà gola agli appassionati di DH, infatti, è ora disponibile il nuovo pneumatico Gravateer, il prodotto giusto per sfidare la gravità per proseguire nella lettura vai su tuttobicitech.it  


Un appuntamento da segnare in agenda e, se siete in zona, da non perdere. Sabato 20 aprile a Crescentino, in provincia di Vercelli, la Trattoria “da Ricky“, conosciuta come il ritrovo dei ciclisti, ospiterà due grandi campioni. Alle 18, infatti,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi