SAN JUAN. BRAMATI, IL WOLFPACK, I CAMPIONI E IL SOGNO DI VINCERE UN GRANDE GIRO

INTERVISTA | 25/01/2023 | 08:15
di Francesca Cazzaniga

Davide Bramati, milanese e classe 1968, direttore sportivo di lungo corso, dal 2006 è in forza alla corazzata belga Soudal QuickStep. La sua stagione 2023 è cominciata dall’Argentina, con la Vuelta a San Juan, dove il Wolfpack ha iniziato con il giusto colpo di pedale vincendo con Fabio Jakobsen la seconda tappa, quella con arrivo a Jàchal: «La stagione è cominciata bene con la vittoria di Fabio grazie anche ad un grande lavoro da parte dei compagni. Per me è un onore lavorare con questa squadra da tantissimi anni. Il nostro manager (Patrick Lefevere ndr) è capace di prendere ottimi corridori tutti gli anni. Ci piace vincere e sono parecchie stagioni che riusciamo a cogliere dei grandi risultati. Le vittorie danno morale a tutto il Team».


Quali sono le emozioni più forti che ad oggi hai vissuto in ammiraglia?
«Ne ho vissute tante. La nostra è una squadra che ha vinto molto negli anni, speriamo di continuare su questa strada».


Qual è l’aspetto più gratificante del tuo lavoro?
«Quando tutto va bene, ma purtroppo non è sempre così. Come in tutte le cose, ci sono degli alti e dei bassi ma bisogna prendere quello che viene giorno per giorno».

Quello più complicato invece?
«Le cadute dei corridori».

Sapresti stimare mediamente quanti giorni all’anno stai lontano da casa?
«Circa 160 giorni. Sappiamo che è dura, infatti per fare questo lavoro ci vuole tanta passione».

Dopo l’Argentina quali sono i tuoi programmi?  
«Andrò ad Ardèche e Drome per poi proseguire con le corse italiane e quindi Strade Bianche, Tirreno-Adriatico, Milano-Sanremo, Coppi e Bartali, le Classiche delle Ardenne fino ad arrivare al Giro d’Italia che è la corsa che preferisco. E’ la corsa di casa».

 

Andrea Bagioli, Davide Ballerini, Mattia Cattaneo e Fausto Masnada sono i corridori italiani della Soudal Quick-Step. Che cosa ti aspetti da questi ragazzi?
«Lo scorso anno tutti e quattro sono stati sfortunati: sono dei corridori che possono fare molto di più e sono convinto che quest’anno per loro sarà la stagione del riscatto».

Che ragazzo è Remco Evenepoel?
«Remco è un ottimo corridore, un ragazzo che ha delle grandissime qualità. La maglia di Campione del Mondo comporta delle grosse responsabilità ma lui saprà portarla come merita».

E Jakobsen invece?
«Dopo il brutto indicente che ha avuto al Giro di Polonia nel 2021 Jakobsen è tornato alla grande e già lo scorso anno è stato in grado di vincere tanto. La maglia di Campione Europeo gli dà sicuramente molto morale e anche qui a San Juan ha cominciato bene vincendo la seconda tappa».

Come descriveresti la Soudal QuickStep?
«E’ una squadra vincente, allegra e motivata».

C’è una corsa che non hai ancora vinto e vorresti vincere?
«Lo scorso anno abbiamo vinto la Vuelta con Evenepoel, non ero nella prima ammiraglia ma ho partecipato a questa vittoria. Mi piacerebbe quindi vincere un Grande Giro da primo direttore sportivo».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Un tempismo perfetto! Con uno scatto negli ultimi trecento metri della Novelda - Alto de Pinos, Giulio Ciccone è andato a prendersi la seconda tappa della Vuelta Valenciana 2023 disputata sulla distanza di 178 chilometri.  Il 28enne della Trek Segafredo  ha anticipato Tao Geoghegan...


Si sono conclusi a Roma, presso l’Hotel Hilton di Fiumicino, gli stati generali dello sport organizzati dall’Associazione Direttori e Collaboratori Sportivi (ADICOSP) con il supporto di Lions H Corporate e in collaborazione con l'Università di Teramo. Presente, alla sua prima...


Ce lo aveva detto che aveva tanta voglia di vincere e oggi Davide Formolo è stato di parola, andando vicinissimo al successo nel scenografico arrivo di Harrat Uwayrid, quarta tappa del Saudi Tour 2023. Il corridore di Marano di Valpolicella...


La Bagard - Aubais, seconda tappa dell'Etoile de Besseges 2023, è stata neutralizzata a causa di una maxicaduta avvenuta quando mancavano 22 km dal traguardo e gli atleti ne avevano già percorsi 148. Al comando c'era un plotone di 18 uomini...


È un uomo felice, Paolo Belli, e lo racconta con una foto affidata ad Instagram. Tra una piece tratrale, un concerto e uno show, il cantante modenese non dimentica infatti il suo grande amore per la bicicletta e racconta: «Da...


Scalatori alla ribalta, come da copione, nella quarta tappa del Saudi Tour 2023, la Maraya - Harrat Uwayrid di 163.4 km. Ad imporsi è stato il portoghese Ruben Guerreiro, passato quest’anno alla Movistar, che ha preceduto Davide Formolo (UAE Team Emirates)...


L’edizione n. 46 del Tour of the Alps, l’evento ciclistico internazionale che andrà in scena dal 17 al 21 aprile sulle strade dell’Euregio, si profila in modo promettente. L’evento UCI Pro Series erede del Giro del Trentino ritrova tutto il...


Cresce l'attesa per la Milano-Sanremo presented by Crédit Agricole che, come da tradizione, aprirà la stagione delle Classiche Monumento. L'edizione 114 della "Classicissima", organizzata da RCS Sport e in programma sabato 18 marzo, farà registrare una novità importante in quanto prenderà il...


Turismo, Scatto (Lega – LV): “Il turismo parte preponderante dell’economia veneta. Il piano tratta di tematiche che partono dalla gestione dei flussi turistici allo sport in grado di attirare turisti” “Il turismo è parte fondamentale dell’economia del nostro Veneto e...


La Speedmax non è solo una semplice bici da triathlon,  è diventata leggenda a suon di record e vittorie ed è costantemente aggiornata e migliorata sotto ogni punto di vista dagli ingegneri Canyon. Con lei alcuni dei migliori atleti del pianeta hanno vinto...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach