TCHMIL TELEFONA A MUSEEUW: «CARO AMICO MIO, NON SO SE CI SARO' DOMANI, VADO A COMBATTERE»

PROFESSIONISTI | 28/02/2022 | 13:40
di Francesca Monzone
Il dramma della guerra in Ucraina arriva in Europa, anche  attraverso le parole di Andrei Tchmil, l’ex campione di ciclismo nato in URSS e che nella sua carriera ha corso per la Lotto dal 1994 al 2002, vincendo una Parigi-Roubaix (1994), e la Milano-Sanremo (1999) e il Giro delle Fiandre (2000) e ha anche registrato molte altre vittorie, tra cui la E3 (1994 e 2001) e Kuurne-Bruxelles-Kuurne (1998 e 2000).
 
Ad accogliere il messaggio pieno di dolore di Andrei Tchmil è stato Johan Museeuw, il Leone delle Fiandre, che ha ricevuto una telefonata dal vecchio rivale, che oggi vive a Chișinău, la capitale della Moldova, poco distante dall'Ucraina. «Non so se ci sarò ancora domani, andrò a combattere». Questo è stato l’esordio della telefonata intercorsa tra i due campioni. «Dopo le due belle giornate di gare che abbiamo avuto in Belgio, ho ricevuto una telefonata da Andrei Tchmil - ha raccontato Museeuw alla stampa belga -. L'uomo con cui ho combattuto molti duelli in bici, adesso si trova nel mezzo di una guerra...». 
 
Tcmil oggi vive nella zona di confine, a 100 chilometri da dove si sta combattendo, e per sicurezza ha mandato la moglie e il figlio di appena un anno in Romania.  «Vado a combattere.  Volevo solo sentirti di nuovo, Johan - ha detto Tchmil al Museuw - .Non so se ci sarò domani o dopodomani, lo spero, ma ti do un bacio grande».
 
Parole drammatiche queste, di chi da ex atleta, probabilmente andrà in guerra, non per scendere in guerra, ma per assicurare la pace tra i popoli, perché questo è il motivo che ha spinto Tchmil a prendere questa decisione.  Museeuw e Tchmil sono stati  grandi rivali nel ciclismo su strada negli anni '90 e una volta scesi dalla bici, sono rimasti amici e a dimostrarlo, è questa conversazione che c’e stata tra i due. Museeuw ha salutato l’amico, ma con una promessa speciale, quella di rivedersi presto e abbracciarsi, quando questa tragedia che ha scosso tutto il mondo, sarà terminata.
Copyright © TBW
COMMENTI
Nel Dombass
1 marzo 2022 06:59 daminao90
Nel Dombass si combatteva dal 2014. Ma allora andava bene, vero ?

Nel Donbass
1 marzo 2022 07:00 daminao90
Errata corrige, Donbass

@damina90
1 marzo 2022 12:04 Bicio2702
Ti quoto. E ti dirò do più, detto da miei conoscenti del Donbass di Donetsk Oblast', c'erano saccheggi e violenze continue ad opera di squadroni nazionalisti mandati dal governo centrale. Non sappiamo quanta gente è sparita. Lo sa questo il buon Tchmill....?

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Si è concluso oggi a Selve di Teolo, nel Padovano, il Giro del Veneto categoria juniores. La frazione conclusiva è stata conquistata allo sprint dall'azzurro Alessio Magagnotti, della Autozai Contri, che ha regolato Riccardo Fabbro (Industrial Forniture Moro C&G Capital)...


Un brindisi al Muro, che l’ha accolto trionfalmente il 25 maggio, nella penultima tappa dell’edizione numero 107 del Giro d’Italia. E, soprattutto, un brindisi a lui, che ha scelto Ca’ del Poggio per festeggiare – ieri, sabato 20 luglio -...


L’imbattibile Tadej Pogacar in fondo alla classifica di una corsa? Sembrerebbe impossibile, eppure c’è stato un tempo in cui le prendeva... e come se le prendeva. Una cosa che sembrerebbe incredibile, soprattutto oggi che si appresta a vincere il suo...


Un Tour storico come quello del 2024 si chiude con un'altra pagina di storia: per la prima volta in 111 edizioni, infatti, la Grande Boucle non si concluderà a Parigi. La capitale, che da giovedì ha cominciato ad accogliere gli...


Raffica di statistiche sulla ventesima tappa del Tour de France, redatte da Michele Merlino e dall'NTT Daily Stat. 6+5: POGACAR INFRANGE UNA NUOVA BARRIERA Con una 5a vittoria di tappa al Tour de France, dopo averne vinte 6 al Giro...


Una normale giornata di allenamento in quota - la Soudal Quick Step è in ritiro al Passo San Pellegrino con Julian Alaphilippe, Ayco Bastiaens, Gil Gelders, Antoine Huby, William Junior Lecerf, Paul Magnier, Tim Merlier, Pepijn Reinderink, Pieter Serry, Martin...


Ancora un piazzamento per Jonas Vingegaard, che ieri nella tappa numero 20 da Nizza al Col de la Couillole è arrivato secondo alle spalle di Tadej Pogacar. Il danese non ha vinto questo Tour, ma ha lottato in ogni modo...


Il Tour del 1903? “Quella prima frazione durò circa 18 ore. E dopo averla vinta, Garin si saziò con due polli, quattro bistecche, una frittata con 12 uova e 12 banane”, “Nella seconda tappa verso Marsiglia, alla stazione di Montélimar...


Primo successo in stagione per Simone Gardani. Il parmense del Team F.lli Giorgi si è imposto a Osio Sotto (Bg) nella gara per juniores valida come Gran Premio Map-Memorial Giacomo e Carlo Sciola. Gardani ha preceduto Cristian Cornali (Romanese), che...


Acuto vincente di Efrem Zamboni nel Trofei città di Asola per allievi svoltosi a Castelnuovo nel Mantovano. Il corridore veronese del team Luc Bovolone, al secondo successo stagionale, ha superato Matteo Serini della Scuola Ciclismo Mincio Chiese, mentre la terza...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi