EOLO-KOMETA, ARRIVA ANCHE BURGER KING

PROFESSIONISTI | 10/12/2021 | 11:12
di Guido La Marca

Lo conferma Ivan Basso, general manager della Eolo-Kometa, oggi sulla Gazzetta: «Dall’anno prossimo sarà con noi Burger King Italia: vedere un’azienda così importante salire a bordo del nostro team e del ciclismo in generale ci rende tutti molto felici».


Come è nata la trattativa? «Alessandro Lazzaroni, a.d. di Burger King Italia, si è buttato dentro questa avventura dopo che è stato con noi al Giro d’Italia. Ha visto come lavora la squadra, quale è la nostra identità e apprezzato il progetto che abbiamo sui giovani».


La squadra cambierà nome? «No, si chiamerà ancora Eolo-Kometa, mentre il nuovo sponsor andrà a occupare uno spazio sulla maglia».

Un nuovo sponsor per sognare il grande salto nel World-Tour? «A me piace rimanere con i piedi per terra. Non bisogna fare voli pindarici, serve crescere e noi lo faremo solo grazie alla nostra professionalità, ai risultati e alla serietà. Se saremo in grado di dimostrare tutto questo, gli sponsor rimarranno e potremo crescere. Piano piano lo stiamo facendo: dopo tre anni di Continental abbiamo finito il primo di Professional con risultati soddisfacenti».

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Siete pregati di pubblicare
10 dicembre 2021 13:05 CarloBike
Ho scritto, che su Basso aveva ragione Armstrong. 2 pesi 2 misure. Per me, chi ha avuto condanne sportive, non deve stare nell'ambiente. Non capisco perche' pubblicate solo gli elogi e non le critiche. Facendo cosi, evitate il dibattito. A questo punto, togliete la posaibilita' di commentare. Saluti

Smettiamola
10 dicembre 2021 17:53 Idem71
Ancora con questa storia di due pesi e due misure?
Il sig. Basso ha, nell'ordine, vinto, stravinto, sbagliato, ammesso lo sbaglio, pagato pesantemente (perdendo gli anni migliori della sua carriera), rientrato e ritornato alla vittoria, nonostante gli avvoltoi che volteggiavano sopra di lui. Punto.
Ma questo dà fastidio a tanti : peggio per loro se il successo altrui susciti invidia.
E di verginelle, nello sport come nella vita, nel lavoro,... ne vedo proprio poche: almeno Basso il suo percorso di espiazione lo ha fatto, fino in fondo.

EOLO Kometa
10 dicembre 2021 18:15 fido113
Parliamo di anni dove tutti e di tutti gli sport si "aiutavano" tanto è stato fatto per migliorare e il ciclismo più di tutti, ora abbiamo capito che era sbagliato e siamo ripartiti con nuove regole e nuovo entusiasmo e uno come Basso sta facendo molto per il bene del ciclismo, magari ce ne fossero.

X idem71
10 dicembre 2021 19:46 CarloBike
Se lavori, prova a farti licenziare facendo qualche marachella. Poi ne parliamo come espiare eventuali colpe. Sai cosa ? Fa' piacere a tutti parlare di mondo ideale, salvo non fare poi nulla per cambiarlo. E tu sei uno di questi.

@ fido
11 dicembre 2021 09:57 Àaaaaaa
Fossi uno che correva ai tempi di Basso, ti denuncerei. Tutto e tutti ? Il solito qualunquismo provinciale. Mi domando cosa commenti a fare se hai le prove ( secondo le tue affermaziioni ). Io la penso come Carlo. Gente che ha avuto squalifiche x doping e affini, non deve piu' mettere piede nell'ambiente. Hai sbagliato ? Trovati altro da fare nella vita professionale

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Fabio Del Medico si tiene stretto il titolo tricolore della Velocità Juniores. Sulla pista di Firenze il toscano del Velo CLub SC Empoli conquista la medaglia d'oro superando in finale il veneto Thomas Melotto della Autozai Contri. Nella finale per...


Probabilmente in questi anni abbiamo commesso un errore mettendo nel dimenticatoio l’alluminio e oggi Specialized ci ricorda che questa lega può dare ancora immense soddisfazioni se lavorata in modi nuovi. Nasce infatti Chisel,  una mtb che senza alcun dubbio va a ridefinire...


Dopo la frazione inaugurale di Villars-sur-Ollon  e la cronometro individuale del secondo giorno, Demi Vollering (Team SD Worx - Protime)  mette a segno il tris e conquista l'ultima tappa del Tour de Suisse Women anticipando in volata, sul traguardo di...


La mostra, disponibile da oggi fino al 21 giugno presso la Galleria dei Presidenti della Camera dei Deputati, rappresenta un viaggio emozionante attraverso alcuni dei simboli principali del ciclismo italiano, dalla maglia Ciclamino e la maglia Bianca del Giro d'Italia...


Ospitare la partenza del Tour de France non capita tutti gli anni, specie se non ti trovi in Francia, e l'occasione per mettere a frutto pienamente l'occasione a suon di manifestazioni collaterali sul ciclismo è troppo ghiotta. Ed eccoci qui...


Nel 2025 il Giro di Svizzera farà tappa in Valtellina: già previsto l’arrivo della quarta tappa, anche se al momento gli organizzatori non hanno ancora svelato nulla sulla località prescelta per l’arrivo. Questo il programma, ovviamente ancora embrionale, del Tour...


Andiamo a sud. La sede scelta per la Grand Départ del Tour de France 2026 stabilirà un nuovo record nella storia dell'evento, poiché Barcellona, a cavallo del 41° parallelo, supererà Porto-Vecchio come partenza più meridionale della corsa. La Grande...


C'è chi ha ufficializzato i primi nomi riservandosi di completare la rosa, c'è chi ha reso nota invece una rosa ampia nella quale poi pescherà i titolari, chi ancora è in attesa delle risposte della strada, dei tecnici e dei...


Il mondo del ciclismo deve tanto a François Migraine, scomparso nelle ultime ore all’età di 80 anni. È stato lui a creare, nel 1982, la Cofidis ed è stato lui a voler entrare nel ciclismo nel 1997 per dare il...


Le forti emozioni del Giro d’Italia 2024 sono ancora fresche nella memoria di tutti gli amanti delle due ruote, con la tappa regina che ha illuminato il cielo di Livigno e incoronato Tadej Pogacar come nuova icona in rosa, ed...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi