GANNA. «UNA BELLISSIMA VITTORIA... DI TESTA». VIDEO

GIRO D'ITALIA | 08/05/2021 | 17:38
di Francesca Monzone

Filippo Ganna è tornato e lo ha fatto con quella potenza che ha sempre messo nelle sue vittorie. E’ felice, il campione mondiale delle prove contro il tempo, adesso è più sereno, anche se sa che prima o poi questa maglia la perderà. Contento e soddisfatto Filippo e riguardo le pressioni sui suoi risultati, ha voluto lanciare un messaggio alla stampa, sottolineando ai media, che è impossibile correre sempre ai massimi livelli.


Oggi è tornato a vincere ma aveva detto che non sarebbe partito con i favori del pronostico. Cosa è cambiato nelle sue cronometro negli ultimi mesi?
«Tornare a vincere non è mai facile in particolare quando hai alle spalle tre crono che non sono andate bene. Sono stato in altura e ci sono state tante polemiche nei miei riguardi, in molti non hanno parlato bene di me. Facciamo 60-80 giorni di corsa in un anno non si può essere sempre al massimo e se lo sei allora vuol dire che c’è qualcosa che non va. Questa è una vittoria di squadra non solo la mia. Quest’anno sarà un Giro più duro rispetto allo scorso anno, ho lavorato anche sulla perdita di peso, al Romandia ero pieno di liquidi e ho pagato le conseguenze. È cambiato che quando voglio qualcosa cerco sempre di ottenerla».


Ha già indossato questa maglia lo scorso anno: cercherete di tenerla il più possibile?
«La priorità andrà ai capitani, ma è logico che cercherò di tenerla il più possibile, ma al primo giorno in salita la vedo dura tenerla, direi impossibile. Quando la perderò soffrirò tanto ma so che sono qui in supporto del team, per tenere l’umore alto e voglio finire il 2021 come ho finito il 2020».

Come atleta non pensa di avere un carico troppo pesante di impegni, considerando i Giochi, il Mondiale e le altre corse?
«Un atleta sa dove può arrivare, ma ogni tanto le pressioni sono i giornalisti che le mettono a me e agli altri corridori. Noi sappiamo dove possiamo arrivare e cosa possiamo fare. Ad esempio prima del Romandia ho fatto un blocco di lavoro in pista per il quartetto, se non lo avessi fatto, forse sarei stato più competitivo. Voglio le medaglie olimpiche, ho due possibilità da giocarmi è il mio obiettivo. Non metteteci pressioni, credete nelle nostre possibilità e speriamo di farvi divertire».

Quanto è cambiata la squadra rispetto allo scorso anno?
«Lo scorso anno al quinto giorno di corsa abbiamo creato una nuova squadra a causa della perdita di Thomas. Abbiamo bisogno di creare il gruppo, ci vediamo solo in corsa perché le nostre giornate sono molto impegnate, ci vediamo solo per mangiare e l’allenamento. Io sono molto fiducioso riguardo questo gruppo, cercherò di essere l’elemento che darà morale alla squadra. Quando i nostri capitani avranno il morale basso, cercherò di aiutarli ad alzarlo, anche se mi manderanno a quel paese perché ci sarà nervosismo. Siamo qui per vincere e non per fare un secondo posto, cercheremo di divertirci perché quando riesci a divertirti le cose vengono meglio».

Affini le ha fatto i complimenti, anche se aveva sognato di conquistare questa maglia. Cosa vi siete detti?
«Io e Edoardo abbiamo un bellissimo rapporto, siamo cresciuti insieme, io ho preso randellate da lui e lui da me, c’è rispetto reciproco, abbiamo distacchi minimi, ci sarà qualcuno che mi porterà via questa maglia. Se l’avesse conquistata Edoardo sarei stato felice e sicuramente sarei stato il primo ad andare da lui e fargli i complimenti».

Che sapore ha questa maglia rispetto allo scorso anno?
«È stata più voluta rispetto allo scorso anno. Sono partito da casa con un unico intento ovvero vincerla. Ci sono riuscito e questo mi da molto più morale per affrontare i prossimi giorni di corsa. Se avessi perso forse nei giorni futuri avrei avuto più pensieri e la cosa non mi avrebbe aiutato».

Copyright © TBW
COMMENTI
Il Roberto Bolle del ciclismo
8 maggio 2021 21:03 Emilio
Leggere o sentire parlare Top Ganna mi rincuora sul fatto che al mondo esistono persone di grande classe. La danza ha Bolle il ciclismo ha Filippo Ganna. Signori si nasce.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Tom Dumoulin è tornato a vincere, non solo sulla strada, ma anche nella sua vita, perché il titolo nazionale a cronometro conquistato ieri per l’olandese è il più bello di tutti. Per Dumoulin questo è il quarto titolo nazionale a...


Difficile trovare due sport tanto distanti quanto il ciclismo e il basket. Eppure, c’è un trait d’union interessante che risponde al nome di Matteo Marchi. Imolese classe 1982, Matteo è un conosciutissimo fotografo nell’ambito della palla a spicchi, in particolare...


Ciao a tutti, pronti per il week end tricolore? Io sono in partenza per la Puglia dove domenica andrà in scena il Campionato Italiano Elite in linea. Non avrò troppo tempo per godere delle meraviglie della Costa dei Trulli perchè...


La tappa che può dare l'ultimo scossone alla classifica presenta un profilo completamente pianeggiante e ben sei tratti di sterrato per un totale di 15 chilometri da affrontare sulle strade bianche. Dopo l'uscita da Ferrara si punterà diritti verso Argenta...


Trentanove anni fa. Non ciclismo, ma calcio. Non Europei, ma Mondiali. Sempre generoso, mai domo. Maglia azzurra, numero 19. Francesco Graziani. Ma per tutti, affettuosamente, Ciccio. Pronto e pimpante, pirotecnico e pelato, incrocio Graziani in uno di quegli incontri virtuali...


Il 19 giugno Francesco Moser compie 70 anni. All'evento è dedicato un libro curato dal giornalista sportivo Beppe Conti, che lo ha seguito in ogni gara durante la sua lunga carriera. Il volume, realizzato in collaborazione con Azzurra Music e...


Su un tracciato di 40 chilometri intorno a Losanna Stefan Küng si è riconfermato campione nazionale a cronometro, lasciandosi alle spalle Marc Hirschi e Thery Schir. «Il mio obiettivo era difendere il titolo, ma è stato anche un buon banco...


Il covid ridisegna gli spazi della 26. granfondo Sportful Dolomiti Race, la granfondo in programma a Feltre (BL) domenica 20 giugno con inizio delle operazioni preliminari venerdì e sabato. Abbiamo dovuto riorganizzare gli spazi dedicati all’evento creando delle zone GIALLE...


La svizzera Marlen Reusser non delude i pronostici e si conferma campionessa nazionale svizzera a cronometro. L’atleta del team Alé BTC Ljubljana, festeggia col titolo, la sua terza vittoria personale della stagione, conferma le sue grandi doti nelle prove contro...


È stato il padrone assoluto del Giro d'Italia Under 23 e tra pochi giorni Juan Ayuso farà il suo debutto tra i professionisti con la maglia della UAE Emirates. Lo spagnolo della Colpack Ballan ha accettato di raccontarsi al podcast...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155