FIANDRE, IL GRANDE GIORNO DI MURI E PAVE'

PROFESSIONISTI | 04/04/2021 | 08:10
di Francesca Monzone

Il percorso del Giro delle Fiandre è cambiato molte volte nel corso degli anni. Fino agli anni Cinquanta c'era spazio solo per il Kluisberg, il Kwaremont, il Kruisberg e l'Edelare, ma sempre più spesso l'organizzazione proponeva nuove strade con pavè. Nel 1950, venne affrontato per la prima volta il Muro di Geraardsbergen sull'Oudenberg, anche se la spettacolare salita di ciottoli verso la cappella, in modo permanente è arrivata al Giro delle Fiandre dal 1970.
Negli anni '70 la gara arrivò all'Oude Kwaremont, più precisamente nel 1974, mentre il temuto Koppenberg per la prima volta è stato affronatto nel 1976.


per seguire l'intera cronaca diretta della corsa a partire dalle 9.50 CLICCA QUI


Oggi si partirà da Anversa alle 10 e dopo 263 chilometri (254,3 senza la neutralizzazione) si arriverà a Oudenaarde. Dopo il via da Anversa, la corsa nei suoi primi 80 chilometri passerà a Beveren, Sint-Niklaas, Dendermonde e Zottegem. I corridori inizieranno a trovare i primi ciottoli arrivati a Lippenhovestraat, subito seguiti da quelli della Paddestraat.

La prima salita di giornata la incontreranno dieci chilometri più avanti con il Katteberg, subito seguito dal pavè dell'Holleweg. A metà del percorso, con già 130 chilometri nelle gambe, si passerà per la prima volta sull’iconico Oude Kwaremont con i suoi 2200 metri e una pendenza media del 4%. Sarà questo il via dell’inferno che incontreranno i corridori nella loro strada verso Oudenaarde.

I primi 600 metri dell'Oude Kwaremont sono asfaltati, ma da lì in poi i ciottoli renderanno la salita dura e quando si sarà arrivati a metà salita, la pendenza sarà del 11%. Successivamente si passerà per il Kortekeer, poi il duo Eikenberg-Wolvenberg per arrivare sul pavè di Holleweg, Karel Martelstraat e Jagerij, per un totale di circa 5 chilometri.

Si arriva quindi ad affrontare i meno impegnativi Marlboroughstraat, lungo circa 2 chilometri per giungere sul più crudele Berendries, il preferito di Greg Van Avermaet , con 940 metri e una pendenza media del 7%. La corsa arriverà poi a Valkenberg con i suoi 540 metri al 8,1% e il passaggio sul Berg Ten Houte di 1.100 metri al 6%. Arrivati a questo punto della corsa, mancheranno ancora 88 chilometri prima del traguardo finale.

Quando i corridori nelle gambe avranno già 200 chilometri di corsa, il Giro delle Fiandre suonerà la campana della guerra con il duo Oude Kwaremont-Paterberg, che si affronteranno per la prima volta. Il Paterberg è la parte più ripida della corsa con 360 metri e una pendenza media del 13%.
Poco dopo arriverà il mitico Koppenberg, 600 metri all'11,6% e punte che sfioreranno una pendenza del 22%. Qui la strada sarà molto stretta e le ammiraglie avranno difficoltà a passare, per questo ogni errore commesso ed ogni momento di sfortuna potrebbero significare perdere la corsa. Questo sarà anche un ottimo punto dove poter attaccare.

In successione si troveranno i ciottoli di Mariaborrestraat seguiti da quelli di Steenbeekdries e Taaienberg. Arrivati a meno di 20 chilometri dal traguardo, i corridori dovranno attraversare nuovamente l’Oude Kwaremont e il Paterberg, i due punti più duri della corsa e che saranno le ultime occasioni per fare la differenza in salita, perché dopo ci saranno 13 chilometri pianeggianti fino al traguardo. Saranno i più forti a decidere come affrontare la corsa e solo pochi si giocheranno la vittoria. Il Giro delle Fiandre è una corsa speciale, imprevedibile e dura, un mix tra immaginazione e realtà, dove il finale può stupirti ogni anno in un modo diverso. L’unica certezza data da questa corsa è il vincitore, che deve essere un vero campione assistito anche da una buona dose di fortuna, perché lungo il percorso di questa Classica Monumento veramente può succedere di tutto.

I MURI

1. Katteberg - a 152,1 km dal traguardo - 600 metri di lunghezza, 6% pendenza media e 8% massima

2. Oude Kwaremont - a 122,6 km dal traguardo - 2.200 metri di lunghezza, 4% pendenza media e 11,6% massima

3. Kortekeer - a 121,2 km dal traguardo - 1.260 metri di lunghezza, 6,4% pendenza media e 17% massima

4. Eikenberg - a 114,9 km dal traguardo - 1.200 metri di lunghezza, 5,2% pendenza media e 10% massima

5. Wolvenberg - a 111,8 km dal traguardo - 645 metri di lunghezza, 7,9% pendenza media e 17,3% massima

6. Molenberg - a 101,9 km dal traguardo - 463 metri di lunghezza, 7% pendenza media e 12% massima

7. Marlboroughstraat - a 97,9 km dal traguardo - 2.040 metri di lunghezza, 3% pendenza media e 7% massima

8. Berendries - a 93,9 km dal traguardo - 940 metri di lunghezza, 7% pendenza media e 12,3% massima

9. Valkenberg - a 88,5 km dal traguardo - 550 metri di lunghezza, 8,2% pendenza media e 13% massima

10. Berg The Houte - a 76,1 km dal traguardo - 1.100 metri di lunghezza, 6% pendenza media e 21% massima

11. Kanarieberg - a 70,6 km dal traguardo - 1.000 metri di lunghezza, 7,7% pendenza media e 14% massima

12. Oude Kwaremont - a 54,6 km dal traguardo - 2.200 metri di lunghezza, 4% pendenza media e 11,6% massima

13. Paterberg - a 51,2 km dal traguardo - 360 metri di lunghezza, 12,9% pendenza media e 20,3% massima

14. Koppenberg -  44,6 km dal traguardo - 600 metri di lunghezza, 11,6% pendenza media e 22% massima

15. Steenbeekdries - a 39,2 km dal traguardo - 700 metri di lunghezza, 5,3% pendenza media e 6,7% massima

16. Taaienberg - a 36,7 km dal traguardo - 530 metri di lunghezza, 6,6% pendenza media e 15,8% massima

17. Kruisberg-Hotond - a 26,5 km dal traguardo - 2.500 metri di lunghezza, 5% pendenza media e 9% massima

18. Oude Kwaremont - a 16,7 km dal traguardo - 2.200 metri di lunghezza, 4% pendenza media e 11,6% massima

19. Paterberg - a 13,2 km dal traguardo - 360 metri di lunghezza, 12,9% pendenza media e 20,3% massima

I TRATTI DI PAVE’

1. Lippenhovestraat - 1.300 metri a 168,5 km dal traguardo

2. Paddestraat  - 1.500 metri a 167,1 km dal traguardo

3. Holleweg - 1.500 metri a 151,3 km dal traguardo

4. Holleweg - 1.500 metri a 142,6 km dal traguardo

5. Karel Martelstraat - 2.400 metri a 110,5 km dal traguardo

6. Jagerij - 800 metri a 108,1 km dal traguardo

7. Mariaborrestraat - 2.400 metri a 40,5 km dal traguardo

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Le domeniche del Giro d’Italia – anzi i due giorni di fine settimana, così come per tutti i giri a tappe, di solito, soprattutto negli ultimi decenni – presentano tappe disegnate per offrire spettacolo, in omaggio anche alla ricerca dell’’audience...


A circa una settimana dal suo lancio sul mercato internazionale, sono certo che la nuova Canyon Grizl abbia già smosso l’immaginario e il desidero di molti appassionati di gravel. Dalla sua questa nuova bici si propone come un mezzo estremamente...


Torna il grande ciclismo in provincia di Cremona con il 38° Gran Premio Sportivi Sestesi che si svolgerà quest'oggi a Sesto ed Uniti con l'organizzazione del Velo Club Cremonese B&P Recycling del presidente Cristiano Colleoni e del direttore tecnico Fulvio Feraboli. Come...


È emersa una nuova interessante idea per far rispettare la distanza di sicurezza tra un ciclista e un altro mezzo al passaggio: una barra luminosa in grado di ruotare di 90 gradi così da formare una sorta di piccola barriera di segnalazione...


Continuano le iscrizioni alla BERGHEM#molamia, l’evento cicloamatoriale che è in programma domenica 13 giugno 2021, sempre a Gazzaniga, in Valle Seriana, e che rappresenta un momento imperdibile già per tanti appassionati.  La BERGHEM#molamia vuole far scoprire il benessere offerto dalla...


Malgrado il Covid e l’incertezza legata alle regole per gli ingressi sul territorio italiano, sarà un’edizione record per il Rally di Romagna MTB - Gyproc Saint Gobain. La manifestazione di Riolo Terme - in programma dal 29 maggio al 2...


Si avvicina un’intensa stagione di gare al Velodromo “Attilio Pavesi” di Fiorenzuola d’Arda (Piacenza), che culminerà con la 24^ edizione della 6 Giorni delle Rose Internazionale, gara di classe 1 Uci dal 30 giugno al 5 luglio. A “tirare la...


  Novità per la maglia ufficiale della Toscana, che viene indossata dagli atleti e dalle atlete del ciclismo toscano quando fanno parte della rappresentativa regionale. Il debutto della nuova divisa domani domenica in due gare juniores, il Memorial Michael Antonelli...


Victor LAFAY. 10. Ce la fa, ce la fa, ce la fa. Ce l’ha fatta Victor Lafay che si pronuncia lafé! Il 25enne lionese diretto da Roberto Damiani coglie il suo primo successo da pro al Giro al termine di...


In ammiraglia a guidare Victor Lafay verso il successo c’era Roberto Damiani, il tecnico italiano che a questo Giro d’Italia ha portato ragazzi con l'obiettivo di inseguire le vittorie di tappa. «Siamo tutti felici e abbiamo sempre creduto nelle capacità...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155