SARONNI: «CLUB ITALIA, CAMPUS ITALIA, IL NOME LO TROVEREMO, MA IO CI SONO»

NEWS | 22/01/2021 | 13:10
di Guido La Marca

Ce ne aveva parlato qualche tempo fa Beppe Saronni (nella foto di Roberto Bettini) e oggi è tornato a parlarne con Luca Gialanella sulle colonne de “La Gazzetta dello Sport”. Ci aveva anticipato tutto il 20 ottobre scorso («Ricostruiamo il movimento, partiamo dalla scuola, per i ragazzi, il Paese, il ciclismo», ndr), parlandoci di un progetto ancora abbozzato, tutto da creare e mettere a regime. Un contributo fattivo che parte da un gruppo di campionesse e campioni del mondo, nata quasi per caso, come tutte le buone idee. «L’idea è nata a Imola, Mondiale di ciclismo, fine settembre, serata di gala – racconta l’iridato di Goodwood a Gialanella -. Eravamo tutti lì, uno vicino all’altro. Ci siamo guardati, ed è stato subito spontaneo. “Noi siamo una ricchezza dello sport italiano, possiamo fare ancora tanto. E allora mettiamoci la faccia”».


Una nuova idea, che coinvolge tutti gli iridati italiani: Baldini, Adorni, Basso, Moser, Argentin, Fondriest, Bugno, Cipollini, Bettini e Ballan, più le donne: Cappellotto, Bronzini e Bastianelli. «Noi campioni del mondo vogliamo essere di aiuto al movimento. Pogacar vince il Tour: ma da dove vengono gli sloveni, nazione di 2 milioni? Come mai? Non c’è nessun segreto, c’è solo da lavorare e da far fare attività fisica ai ragazzi nelle scuole. Noi dobbiamo tornare a dare importanza a una cultura dello sport, aspetti che si sono persi. Dobbiamo ricreare una mentalità sportiva già dai bambini».


Gialanella lo incalza: mancano però i soldi… «No, non è vero. I soldi ci sono, l’Emilia-Romagna in una settimana ha trovato le risorse per fare il Mondiale. Bravi. Se vuoi fare delle cose con idee e progetti giusti, i soldi si trovano. E vogliamo parlare di tutto quello che gira attorno alla bicicletta? Io non parlo di professionismo, non dico che dobbiamo fare domani una squadra, quella semmai sarà una conseguenza. Io parlo di attività giovanile, di mobilità, anche elettrica, di movimento, di tecnologia ed ecologia. I soldi ci sono, avete visto che anche il Recovery Plan destina centinaia di milioni di euro a questi temi. Noi possiamo riuscirci, qualcuno ci ascolterà? Le risorse sono importanti e difficili da trovare, ma ci sono. Nel mondo ci sono tanti di quei soldi da investire che non ce l’immaginiamo».

Fondazione, associazione o società: questo va ancora deciso. «I primi soldi, per le prime spese, li mettiamo noi iridati. Questo progetto è la cosa più bella che sto portando avanti: io continuo con chiunque ci sia… La bici è il nuovo golf, viviamo nell’era della rinascita della bici a livello sociale».

E la Federciclismo? «Tutto il progetto potrebbe essere di sostegno alla Federazione. Io sono molto legato a Di Rocco (l’attuale presidente Fci, che non si ricandiderà alle elezioni del 21 febbraio: ndr), ero allievo quando lui era segretario generale. Spero che il nuovo presidente (i candidati sono Dagnoni, Isetti, Martinello e Perego, ndr) sposi questo progetto, noi vogliamo essere utili alla Federazione. La forza è di tutto il gruppo».

Una idea alla quale manca ancora un nome. «Club Italia, Campus Italia, vedremo – chiosa Saronni - . Sarebbe bello arrivare a una squadra italiana, un percorso per i giovani anche con le borse di studio, studiare, imparare un mestiere, correre. Abbiamo bisogno di gente capace. Perché, in fondo, anche se non tutti parliamo inglese, l’Italia del ciclismo è ancora avanti».

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Club italia
22 gennaio 2021 18:54 Anbronte
Sono in insegnante di sc.motorie nelle superiori, si continua a profetizzare lo sport e in questo caso il ciclismo nelle scuole, senza capire che i ragazzi del giorno di oggi non hanno nessuna intenzione di fare qualsiasi attività sportiva e non, i loro interessi sono tik tok e play

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Ogni giorno che passa Davide Ballerini si afferma sempre più ad altissimi livelli. Alla Omloop Het Nieuwsblad ha seguito gli attacchi nelle fasi concitate di gara e poi ha stravinto in volata la corsa, regolando un gruppo di circa 50...


Vincitore di prestigio per l’UAE Tour. Tadej Pogačar, re del Tour de France 2020, ha conquistato la corsa a tappe World Tour emiratina, regalando una grande gioia ciclistica alla propria squadra e agli appassionati sportivi degli Emirati Arabi Uniti. Lo sloveno...


Poderoso spunto del ventenne Tommaso Nencini e ciclismo fiorentino in trionfo nella 34^ Firenze-Empoli la classica di apertura della stagione per i dilettanti Under 23 in versione record per società presenti (31) e per numero di partenti (200), dal Piazzale...


David Gaudu si va affermando sempre più come capitando della Groupama FDJ e non è un caso che sia proprio lui a regalare il primo successo stagionale alla sua squadra. Gaudu ha vinto infatti la Faun Ardeche Classic superando allo...


Volata poderosa di Davide Ballerini alla Omloop Het Nieuwsblad 2021. La corsa si è conclusa un po' a sorpresa con uno sprint di 50 corridori, dominato dall'italiano della Deceuninck-QuickStep, con Jake Stewart (Groupama-FDJ) secondo e Sep Vanmarcke (Israel Start-Up Nation)...


Davide Persico, 19enne bergamasco di Cene, ha vinto la 97sima edizione della Coppa San Geo-Trofeo Caduti Soprazocco gara di apertura del calendario italiano dei dilettanti, partenza da Ponte San Marco e arrivo a San Vito di Bedizzole dopo 150 chilometri...


La graziosa e acculturata Erica Magnaldi ha vinto con grande merito la prima edizione del Trofeo Città di Ceriale riservato alle ragazze elite. Erica, classe 1992, laureata in medicina, ha battuto allo sprint la compagna di fuga Debora Silvestri, emergente...


È Caleb Ewan a portarsi a casa il successo nella tappa conclusiva dell'UAE Tour, la Yas Island Stage. Perfettamente supportato dalla sua Lotto Soudal, il velocista australiano ha letto benissimo la corsa, ha sfruttato la scia di Bennett sul rettilineo...


È trascorso qualche giorno, la rabbia si è tramutata in riflessione ma delusione e amarezza non si placano, soprattutto di fronte a quella che viene considerata una ingiustizia sportiva. E allora la Androni Sidermec affida i suoi pensieri ad una...


Tra i tanti messaggi ricevuti dal Presidente FCI, Cordiano Dagnoni, spicca anche quello del Direttore del Tour de France Christian Prudhomme. Il numero uno francesce (così come molte autorità internazionali) ha voluto far pervenire a Dagnoni il suo messaggio di...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155