CASSANI: «ABBIAMO FATTO QUELLO CHE POTEVAMO FARE»

PROFESSIONISTI | 28/09/2020 | 09:01
di Francesca Monzone

Non ha rimpianti Davide Cassani e uno ad uno ha ringraziato i suoi ragazzi, per l’impegno dimostrato in questo Mondiale, che si è corso a Imola, un luogo speciale per il tecnico azzurro.


L’Italia ha corso con orgoglio e impegno, cosa ha detto ai suoi ragazzi alla fine della gara?
«Non dovevo dir loro troppe cose. Abbiamo fatto quello che potevamo fare, conoscendo le nostre forze e sfruttandole al massimo. Gli avversari erano forti e l’unica possibilità che avevamo, era quella di provare ad attaccare sulla penultima salita, dove ha provato Nibali. Prima sarebbe stato impossibile. Onore a chi è andato più forte di noi».


E’ soddisfatto del risultato ottenuto?
«Il risultato non può soddisfarmi, ma so per certo che i ragazzi hanno dato anche l’anima per questa gara. Lo stesso Vincenzo Nibali, qualche giorno fa si staccava nella Tirreno-Adriatico e oggi ha combattuto fino alla fine. Damiano Caruso al Tour è arrivato decimo e anche oggi è arrivato decimo, anche lui ha dato il massimo fino alla fine ed era deluso quando all’ultimo si è staccato».

Caruso si sacrifica molto per gli altri e nonostante questo, riesce alla fine ad essere il migliore dei nostri uomini. Secondo lei potrebbe cambiare ruolo ed essere una delle nostre punte?
«Damiano oggi non era a disposizione degli altri, ha corso per cercare di fare il finale e giocarsi le sue carte con Vincenzo Nibali. Non è un gregario ed è un uomo d’appoggio straordinario. Al Tour lo abbiamo visto lavorare per Landa e alla fine è arrivato decimo. E’ un uomo fondamentale in una squadra”.

Ci sono mancati Ciccone e Formolo, con loro potevamo sperare in un risultato diverso?
«Ci sono venuti a mancare due corridori veramente importanti e forti. Non so se il risultato sarebbe stato diverso, ma senza dubbio avrebbero portato tanta forza in squadra»·

Alaphilippe ha fatto un numero straordinario. Cosa pensa del vincitore?
«Sapevamo che gli uomini da battere erano Alaphilippe e Van Aert e ripeto: ha vinto il migliore. Senza dubbio ha corso in modo straordinario da vero campione».

Si poteva gestire in modo diverso la corsa?
«Assolutamente no e avete potuto vedere come anche le altre nazioni non si siano mosse perché avevano paura di bruciarsi. Noi abbiamo attaccato nell’unico punto dove potevamo avere qualche possibilità. Infatti alla fine tutti avete potuto vedere come la selezione sia stata importante».

Diego Ulissi doveva essere una delle nostre punte, ma in gara lo abbiamo visto poco. Cosa è successo?
«Purtroppo non era in corsa oggi, ha avuto dei problemi di stomaco e in una corsa difficile come questa, non puoi nascondere un malessere. E’ stato un peccato perché sarebbe stato un uomo molto valido».

Per quanto riguarda Nibali, lo trova in crescita?
«Vincenzo è andato benissimo, gli è mancato un pizzico per stare con i migliori».

Cosa può dirci degli esordienti che hanno corso oggi?
«Sono stati bravi, si sono messi a disposizione e hanno sempre cercato di tenere davanti i nostri capitani. Bagioli ha solo 21 anni e tra qualche anno, probabilmente sarà lui a giocarsi il Mondiale. Masnada è stato veramente bravo, utile e ha lavorato tanto».

Questo per lei è stato un Mondiale particolare, come chiude questa settimana a Imola?
«Ci sono stati dei momenti veramente emozionanti. Sono le mie strade, con tanti ricordi. In questo autodromo mi sono innamorato del ciclismo, ho vinto da ragazzino. Per me fare il commissario tecnico su queste strade mi è sembrato un sogno. Quando uscivo in bici con i miei ragazzi, praticamente conoscevo tutti gli amatori che abbiamo incontrato. Non sembrava di essere al Mondiale, sembrava di vivere delle giornate di normale allenamento, con emozioni uniche e straordinarie. Mi sarebbe piaciuto vincere la corsa in linea, ma non posso dimenticare il meraviglioso oro di Filippo Ganna. Sapevamo che i nostri avversari erano forti e ci siamo piazzati nel posto che sapevamo di poter raggiungere».

I corridori che hanno fatto il Tour hanno avuto maggiori possibilità di vittoria rispetto agli altri?
«Sicuramente e lo abbiamo visto nel finale, dove tutti, ad eccezione di Fuglsang, venivano dal Tour».

Possiamo dire di aver vinto come organizzatori?
«Gli organizzatori di questo Mondiale hanno fatto un autentico miracolo. Sono riuscire a tirar su un evento così importante in appena 20 giorni e con un’accuratezza incredibile. C’è stato l’aiuto delle istituzioni e il risultato è stato di sicuro un successo».

Copyright © TBW
COMMENTI
purtoppo
28 settembre 2020 09:20 ConteGazza
3 uomini su 5 non hanno reso.. ovviamente con il senno di poi. Ma sarebbe cambiato ben poco. Percorso non adeguato alle caratteristiche dei nostri, calcolando che l'ha scelto Cassani forse potevamo cucire un vestito su misura un po' migliore.. Filippo Caffino, Arona (NO)

Mah
28 settembre 2020 09:32 Ruggero63
Per piacere, non avevamo l'uomo per vincere il mondiale e questo è chiaro, ma correre come se l'uomo forte l'avessimo noi.......... tentare un azione da lontano ??? almeno ci saremmo accorti che in corsa c'eravamo anche noi e poi................non si sa mai, lo sport è meraviglioso proprio perchè chi osa ogni tanto raccoglie anche.

@Ruggero63
28 settembre 2020 09:38 FrancoPersico
Sono d'accordo. Abbiamo corso per tenere la corsa cucita senza uomo per il finale e lo sapevano tutti. Meglio era far bagarre e proporre noi fughe, anche con 2 azzurri insieme fuori, costringere gli altri a chiudere. Tanto in finale era scontato. Ed al posto di Cassani dirlo pubblicamente la mattina. Invece il silenzio di chi spera nel miracolo. Quale?

Tattica un pò troppo attendista...
28 settembre 2020 14:52 vecchiobrocco
concordo che c'erano 0% probabilità di vincere attendendo l'ultimo giro, soprattutto dopo che la corsa era rimasta "legata" fino ai -60km... forse sarebbe stato meglio attaccare a ripetizione dai -80km e tentare di portare una fuga "bidone" all'arrivo. In generale la gara è stata gestita molto molto prudente da tutte le squadre top... per cui era inevitabile che gli scattisti da classiche facessero loro il finale (ci è mancato poco che vincesse Matthews...)

CASSANI DA RIVEDERE
28 settembre 2020 15:02 libero pensatore
Cassani doppiamente insufficente, sapeva di non avere l'uomo vincente e ha corso come se l'avesse.

considerazioni
28 settembre 2020 16:19 riccardo53
La Juventus ha perso la champions ligue e è cambiato l'allenatore, noi abbiamo perso il campionato del mondo.....chi vuol capire capisca

Attenti a fransoli
28 settembre 2020 16:47 FrancoPersico
libero pensatore e riccardo53 attendi che il sig. fransoli vi etichetta anticassiani.

Figuraccia
28 settembre 2020 16:51 9colli
è si abbiamo fatto una figuraccia, come dicono la maggior parte dei commenti, abbiamo corso pensando di avere l'uomo giusto......peccato che l'avevano gli altri. Credo che sia l'ora di cambiare chi è al comando.

anticassaniani
28 settembre 2020 17:22 fransoli
per me Cassani può anche essere criticato, ho anche io detto che si poteva provare a fare qualcosa di diverso, magari muovendoci prima, anche se sarebbe servito a poco. Se poi volete cambiare, bene, contenti voi, tanto se in Italia non si sfornano un paio di facce nuove in grado di competere per la vittoria in una Liegi o in una Lombardia a guidare la nazionale ci potete mettere pure Conte, Allegri, Guardiola o Mourinho, su un percorso come quello di ieri tanto non vinceremo mai. Mi pare che invece che nei percorsi più adatti ai nostri corridori, di durezza medio-bassa, così tanto male Cassani non abbia fatto... secondo Trentin lo scorso anno, uccellato da Pedersen.... più volte abbiamo vinto gli Europei, che, certo, valgono il giusto, però partivamo con i favori del pronostico e gli abbiamo vinti... per dire, tutti questi disastri fatti da Cassani li vedete solo voi, in fin dei conti dove si poteva far bene ci siamo difesi bene

Cassani
28 settembre 2020 17:31 Beffa195
Purtroppo non abbiamo corridori validi negli ultimi anni ma sono dei periodi di magra ci sono sempre stati basta dire che la Francia ha impiegato 23 anni per avere un campione del mondo.....

mah
28 settembre 2020 17:47 fransoli
cito "Meglio era far bagarre e proporre noi fughe, anche con 2 azzurri insieme fuori, costringere gli altri a chiudere. Tanto in finale era scontato. Ed al posto di Cassani dirlo pubblicamente la mattina"... certo allora signori avversari vi svelo la nostra strategia noi andremo all'attacco da subito ma non vi preuccupate lo facciamo perché non abbiamo un uomo da ultimo giro quindi per venire a riprenderci potete fare con calma... bella idea, da ricovero, ma bella.

@fransoli
28 settembre 2020 18:05 FrancoPersico
"Ammettere non abbiamo l'uomo da finale ma attaccheremo per rendere dura la corsa" è da ricovero? O forse anche lei è stipendiato da Suzuki? Allora la capisco.

correzione
28 settembre 2020 18:17 fransoli
mi correggo, un uomo "forse" ce lo abbiamo già, ed è Formolo... nel gruppetto dietro Alaphilippe avrebbe potuto starci benissimo

caro cassani
28 settembre 2020 19:29 maxspeed2
caro cassani hai portato Nibali che sapeva (come ha dichiarato lui) che la salita non era adatta alle sue caratteristiche . Hai lasciato a casa Fabbro che era quello che al momento aveva dimostrato di avere le gambe, hai portato Visconti che non la muove . Andrai a prendere il posto di vegni a quello che si dice ma solo perche' sei un ottimo politico e hai un sacco di sponsor che a te e rcs fanno comodo

Fabbro...
28 settembre 2020 22:50 Bortolot
I commenti negativi lasciano il tempo che trovano. Fabbro cosa avrebbe fatto? Chi tra i nostri poteva vincere? E inoltre sarebbe stato giusto? Per il me il mondiale lo deve vincere un campione e noi, in questo momento non lo abbiamo. Solo Ciccone, forse, avrebbe potuto fare qualcosa.

Percorso "sbagliato"
29 settembre 2020 00:13 lupin3
Per noi era sbagliato il percorso, non tanto la tattica o la squadra. E allora mi viene un dubbio: chi há scelto il percorso? Non é che a qualche sessantenne é sembrato da scalatori (al che Nibali qualche possibilità l'avrebbe avuta) e invece era per uomini da classiche? E cmq perso per perso meglio tentare l'impossibile da molto lontano

si diceva
29 settembre 2020 00:14 tralepieghe
chissà se quelli del tour potranno recuperare in una settimana....
poi te gli ritrovi tutti davanti.
grandi tecnici,grandi pensatori, ma il ciclismo è ben altra cosa

@FrancoPersico
29 settembre 2020 10:11 fransoli
ecco, finalmente si è capito cos'è che la turba tanto, cioè che Cassanti è testimonial dell Suzuki.... folle è annunciare la tattica prima della corsa... ma se dici a tutti che attacchi perché non hai l'uomo vincente ma chi si danna l'anima per seguirti? Ti lasciano a cuocere li davanti e poi rientrano quando vogliono come hanno fatto con la fuga iniziale... certo che siete delle belle faine fra tutti

@fransoli
29 settembre 2020 13:13 FrancoPersico
Non mi turba quello che dici. Vorrei un CT che fa solo il CT. Non credo di essere l'unico a dirlo.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il nuovo leader della Vuelta di Spagna è l'ecuadoriano Richard Carapaz, che ha tolto a Primoz Roglic la maglia rossa della classifica generale. Adesso il corridore della Ineos Grenadiers è al comando della corsa con un vantaggio di 18” su...


Caro Nibali, finisce qui il calvario. Per te e per noi. Non neghiamolo: si avverte anche un certo senso di liberazione. In un Giro nato di suo già parecchio sconclusionato, per i motivi inevitabili che sappiamo, s'è dovuto incassare pure...


D come dubbio. Nel senso di incertezza, dilemma. Al Giro ne sono stati sollevati di continuo: la maggior parte sono rimasti sospesi in aria. Bellino è il direttore generale di Rcs o un giudizio tecnico su questo Giro? Perché si...


Tao Geoghegan Hart ce l’ha fatta, ha vinto il Giro d’Italia. I pronostici non avevano sbagliato, sulla carta veniva dato come netto favorito nei confronti di Jai Hindley e alla fine la strada lo ha confermato. Una crono incredibile, la...


Palermo, Camigliatello Silano, Valdobbiadene e Milano: Filippo Ganna firma uno straordinario poker in un Gior d’Italia che non potrà mai dimenticare e che lo consacra tra i grandi. Per la prima volta, dopo aver divoratouna pizza nella lunga attesa sulla sedia...


Vincenzo Nibali ha chiuso il suo Giro d'Italia con il trentesimo posto nella cronometroa 1'27" da Super Ganna e con il settimo posto finale a 8'15" dal sorprendente vincitore Tao Geoghegan Hart. «E’ stato un anno difficile, complicato, nel quale...


Jai Hindley è lo sconfitto di giornata, anche se il suo Giro d’Italia è stato davvero eccezionale. «Ovviamente in questo momento sono molto deluso e il risultato è difficile da accettare. Ma sarò sempre orgoglioso di quello che ho fatto...


Ion Izagirre mette a segno il colpaccio nella sesta tappa della Vuelta, la Biescas - Sallent de Gállego. Aramón Formigal di 146. km. Lo spagnolo della Astana è stato il migliore sui Pirenei spagnoli, è entrato nella fuga che ha...


Al termine dell'edizione 103 del Giro d'Italia il presidente Renato Di Rocco ha commentato: "Milano ha accolto il Giro con un disciplinato entusiasmo, dimostrando ancora una volta la maturità del pubblico del ciclismo. La corsa rosa ci dice che lo...


Tao Geoghegan Hart è il re del Giro d'Italia, Filippo Ganna firma il poker di vittorie. È questo il verdetto della crono decisiva della corsa rosa: i 15, 7 chilometri della Cernusco sul Naviglio-Milano hanno regalato al campione del mondo...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155