LINEA VERDE. GIOVANNI LONGATO E LE EMOZIONI IN TERRA DI RUSSIA

JUNIORES | 04/06/2020 | 07:37
di Danilo Viganò

Dalla marca trevigiana ecco Giovanni Longato: alla soglia dei diciasette anni, che compirà a settembre, debutta tra gli juniores. Stagione 2019, quattro vittorie: il corridore veneto si impone a Cavaion Veronese, Foen di Feltre nel Bellunese, Col San Martino e nella corsa in linea della Tre Giorni di Orel, in Russia: «Una bellissima esperienza, un ambiente diverso dal nostro, è stato fantastico correre sulle strade dell'Est. In Russia ho gareggiato per la rappresentativa del Veneto, una opportunità che mi ha permesso di legare con dei ragazzi eccezionali di altre squadre che prima non conoscevo. L'impatto è stato emozionante, bello, impagabile. Ho vinto allo sprint battendo il gruppo».

Longato ha dovuto fare i conti anche con la sfortuna: ad agosto, durante una gara nei pressi di Feltre, si è fratturato la clavicola destra cadendo in discesa. Due settimane di stop, poi il rientro a settembre, ma la sfortuna gli ha giocato ancora un brutto scherzo. Una caduta in allenamento, mentre provava a fare le volate, gli ha procurato quattro punti di sutura al ginocchio sinistro e un trauma cranico. «Ho visto il piede incredibilmente sganciarsi dal pedale e sono volato sul marciapede, quasi senza accorgemene. Questo incidente per me è stato un guaio, avrei pouto terminare la stagione con qualche successo di più e tra l'altro non ho potuto partecipare alla Coppa d'Oro e alla Coppa Diddi, due gare alle quali tenevo moltissimo. Invece da qual momento in poi, non sono mai riuscito a trovare la condizione».

La bici è entrata nella vita di Giovanni a 11 anni, dalla categoria Giovanissimi G5, ma si è interrota quasi subito: «Ci salii per emulare mio padre Alberto, che allora gareggiava tra i cicloamatori. All'inizio non mi piaceva l'ambiente delle corse, così ho smesso. Però questa passione è rimasta dentro e sono tornato in sella un anno e mezzo dopo con gli Esordienti: adesso è la mia vita».

Longato è di Mogliano Veneto, in provincia di Treviso, dove abita con il padre Alberto, manager per una ditta che fa capo alla Mapei a San Donà di Piave, la madre Gioia, casalinga, e la sorella minore, Benedetta di 14 anni. Giogio, così viene chiamato dai suoi compagni di squadra, frequenta il Liceo Linguistico "Galileo Galilei" di Treviso, dove studia lo spagnolo, il francese e l'inglese. Longato difende i colori della Libertas Scorzè società veneziana diretta da Franco Pesce.

Cosa ne pensi del momento del ciclismo italiano?
«Stiamo tornando in vetta alla classifica e siamo sempre più protagonisti in tutte le discipline».

A quale età hai cominciato a correre?
«A 11 anni da G5 con la formazione del Conscio del Pedale del Sile, avevo una Pinarello bianca e rossa».

Il più forte corridore di tutti i tempi?
«Marco Pantani per le sue doti di scalatore e la tenacia».

Quale altro sport ti piacerebbe praticare?
«Tutti gli sport che riguardano la montagna».

I tuoi peggiori difetti?
«Sono poco paziente, e permaloso».

Il tuo modello di corridore?
«Ivan Garcia Cortina».

Cosa leggi preferibilmente?
«Articoli di sport e attualità».

Cosa apprezzi di più in una donna?
«Gli occhi e il sorriso e che sia atletica».

Cosa cambieresti nel ciclismo di oggi?
«Mi piacerebbe che tutti, ma proprio tutti, mettano meno pressioni ai più giovani».

Piatto preferito?
«Pasta in tutte le sue forme».

Attrice o attore preferito?
«L'attore irlandese Cillian Murphy».

Chi è il tuo collega più simpatico?
„Andrea Busatto detto Busatten».

Sei religioso?
«No».

Paese preferito?
«L’Italia».

Cosa vorresti che si dicesse di te in particolare?
«Che sono un ragazzo che insegue i propri sogni».

Hobby?
«Videogiochi».

La gara che vorresti vincere?
«Giro delle Fiandre».

Ti senti in debito con qualcuno in particolare?
«Con nessuno”».

Quale sarà il tuo obiettivo al rientro nelle gare?
«Riuscire subito a far vedere le mie qualità».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Lavora duro sulle montagne con il sogno del Giro U23. Si prepara scalando il Mortirolo dove è nata la sua passione. Un giorno papà lo portò a vedere la salita del Pirata, narrandone le gesta. Un video su Youtube, la...


Giuseppe Rivolta ha deciso: il Giro Rosa si disputerà regolarmente da venerdì 11 a sabato 19 settembre. In programma nove tappe, fra cui una cronometro a squadre inaugurale in quel di Grosseto, per un totale di 975, 8 chilometri, con...


È ripartita la stagione e Marta Bastianelli continia la sua corsa in testa alla classifica generale dell'Oscar tuttoBICI Gran Premio Alé Cycling. La laziale della Alé BTC guida la graduatoria davanti a Elisa Longo Borghini e a Soraya Paladin. Ma...


  Correva in un velodromo: ora il suo velodromo è la Terra. Correva su una bici da corsa: ora corre su una mountain bike. La sua bici aveva lo scatto fisso ed era senza freni: ora la sua bici ha...


Un gigante in fuga sulle strade dell'Oscar tuttoBICI Under 23 Gran Premio Fondazione Molteni: è Jonathan Milan, il colosso del Cycling Team Friuli, che guida la classifica davanti a Kdvin Colleoni della Biesse Arvedi e a Giovanni Aleotti, lui pure...


Con le gare in Emilia Romagna e poi nel Monferrato è ripartita anche la stagione dilettantistcia e co essa si sono riaccesi i riflettori sull'Oscar tuttoBICI Gran Premio Enervit riservato agli Élite. In una classifica ancora tutta da disegnare, al...


  Diciamolo francamente, la Milano-Sanremo sta all’estate come l’uovo di Pasqua a Ferragosto: non c’entra nulla. Ma se ami il cioccolato poco importa, con scetticismo controlli la scadenza, togli la carta luccicante e ti gusti l’irresistibile contenuto. Lo stesso è...


I piccoli di oggi saranno i campioni di domani. Il Campionato Italiano di Ciclismo 2020, che si svolgerà in Veneto la prossima settimana, dal 21 al 23 agosto 2020, darà la possibilità ai bambini e ai ragazzi di vivere il...


Seconda serata di gare al velodromo “O. Bottecchia” dedicata alle donne impegnate nelle prove UCI di prima categoria. Donne, quelle del CT Salvoldi, che sono da sempre una garanzia per la nazionale e che hanno fatto di lui il tecnico più...


La maglia azzurra della Nazionale Italiana rappresenta qualcosa di incredibilmente unico e Marco Tizza avrà l'onore di indossarla nuovamente il 18 Agosto alla prestigiosissima classica Giro dell’Emilia. Già selezionato dai C.T. Cassani e Amadori in diverse occasioni nel 2019 e...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155